TAV in Valsusa, encomio al carabiniere

Ben fatto, gleilo avrebbe dato anche Pasolini. Il non violento in questo caso vestiva la divisa dell’Arma.

Ieri nel corso delle contestazioni in Val susa dei No Tav, sull’autostrada A32 bloccata, attivisti da un alto e forze dell’ordine dall’altro, un giovane manifestante ha più volte offeso il carabiniere che gli stava davanti, «ehi pecorella…» mentre il militare è rimasto e ha continuato a rimanere immobile.

Il comandante generale dell`Arma Leonardo Gallitelli gli ha telefonato e si è complimentato col militare «per la fermezza e la compostezza professionale dimostrate, che hanno impedito ad una situazione delicata di degenerare in ulteriori incidenti». E – spiega il Comando generale dell’arma – «per il lodevole comportamento tenuto a fronte della grave provocazione, il comandante generale ha tributato al carabiniere un formale “Encomio Solenne”». Il generale Gallitelli ha inoltre fatto giungere a tutto il personale dell`Arma impegnato nei servizi di ordine pubblico il proprio apprezzamento «per la straordinaria professionalità e lo spirito di servizio di cui danno quotidiana prova».