Aveva molti beni…

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 10,17-27.

Mentre usciva per mettersi in viaggio, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere la vita eterna?». 
Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. 
Tu conosci i comandamenti: Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non dire falsa testimonianza, non frodare, onora il padre e la madre». 
Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». 
Allora Gesù, fissatolo, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: và, vendi quello che hai e dàllo ai poveri e avrai un tesoro in cielo; poi vieni e seguimi». 
Ma egli, rattristatosi per quelle parole, se ne andò afflitto, poiché aveva molti beni. 
Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze entreranno nel regno di Dio!». 
I discepoli rimasero stupefatti a queste sue parole; ma Gesù riprese: «Figlioli, com’è difficile entrare nel regno di Dio! 
E’ più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». 
Essi, ancora più sbigottiti, dicevano tra loro: «E chi mai si può salvare?». 
Ma Gesù, guardandoli, disse: «Impossibile presso gli uomini, ma non presso Dio! Perché tutto è possibile presso Dio».

Nella parabola di oggi, con ogni probabilità, si tratta di beni in denaro e possedimenti. Il giovane ricco, come lo chiamiamo noi, lo era in questo senso. Ma non solo questi sono i ‘beni’ da cui guardarsi. Spesso sono il proprio orgoglio, le proprie indiscutibili certezze, che la Parola del Signore Gesù, che il Vangelo mettono inevitabilmente in crisi. “Forse credevi che io fossi come te?” “Fai questo, piuttosto e vivrai”… “Maria ha scelto la parte migliore…” “Rimetti la spada nel fodero”.

Non c’è nulla da fare. Se si vuole essere cristiani davvero, bisogna essere pronti a non avere certezze umane, a ‘cambiare paradigma’ secondo quanto ci insegna la Parola. L’alternativa è quella del giovane ricco, andarsene via tristi, e rimanere tristi e insoddisfatti per tutta la vita. Guardatevi intorno, e guardiamoci allo specchio, quante ne vedete di persone così?

bibbia-dottrina