Martiri e Famiglia

I martiri sono gli innocenti ricordati dalla Liturgia del giorno. Ci ricordano che il dovere di essere testimoni del Cristo non ha una data di inizio o di scadenza, ma vale per ogni momento della nostra vita. Ci ricorda che il potere del Regno di Dio e quello degli infiniti regni di questo mondo sono, da sempre, in contrapposizione, e che siamo chiamati a scegliere tra i due. Ci ricorda che la salvezza passa per l’obbedienza al progetto di Dio e del suo Regno. Giuseppe salva la sua famiglia obbedendo all’angelo del Signore. Ci ricorda che la famiglia è il primo nucleo della comunità cristiana. L’immagine della famiglia cristiana per eccellenza, di nuovo migrante e straniera in Egitto anticipa i temi di domani, domenica dedicata alla famiglia.

Canto al Vangelo
Alleluia, alleluia.
Noi ti lodiamo, Dio, ti proclamiamo Signore;
ti acclama la candida schiera dei martiri.
Alleluia.

VANGELO (Mt 2,13-18)
Erode mandò a uccidere tutti i bambini che stavano a Betlemme.
+ Dal Vangelo secondo Matteo

I Magi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Àlzati, prendi con te il bambino e sua madre, fuggi in Egitto e resta là finché non ti avvertirò: Erode infatti vuole cercare il bambino per ucciderlo».
Egli si alzò, nella notte, prese il bambino e sua madre e si rifugiò in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:
«Dall’Egitto ho chiamato mio figlio».
Quando Erode si accorse che i Magi si erano presi gioco di lui, si infuriò e mandò a uccidere tutti i bambini che stavano a Betlemme e in tutto il suo territorio e che avevano da due anni in giù, secondo il tempo che aveva appreso con esattezza dai Magi.
Allora si compì ciò che era stato detto per mezzo del profeta Geremìa:
«Un grido è stato udito in Rama,
un pianto e un lamento grande:
Rachele piange i suoi figli
e non vuole essere consolata,
perché non sono più».

Parola del Signore

innocenti_angelico

I Santi Innocenti

Vengono ricordati oggi dalla Liturgia cristiana cattolica. Circa la storicità effettiva dell’episodio narrato nell’Evangelo secondo Matteo, riporto quanto ne scrive Wikipedia:

innocenti_angelico
La strage degli Innocenti dipinta dal Beato Angelico

Nessuna fonte, […] riporta questo evento al di fuori del Vangelo secondo Matteo. Nel Vangelo secondo Luca, ad un mese circa dalla nascita, Gesù è portato al tempio e poi la famiglia ritorna a Nazaret. La storicità dell’episodio è messa in dubbio, in particolare, dalla mancanza di cenni alla strage nelle opere di Flavio Giuseppe, lo storiografo ebraico fortemente ostile ad Erode e principale fonte non evangelica sul periodo. Ma rimane ovvio che tale mancata citazione può significare anche una scarsa considerazione dell’evento in sé, considerando i tempi estremamente duri e la probabile scarsità nel numero delle vittime, considerando che Betlemme era poco più di un piccolo borgo.
Secondo Giuseppe Ricciotti, storico biblista, il numero dei bambini nati a Betlemme in quel periodo, essendo circa 1000 gli abitanti adulti della piccola Betlemme, poteva aggirarsi intorno ai 60 individui (da due anni in giù), considerando un tasso di natalità simile a quello dei primi del Novecento; circa 30 nati l’anno. Volendo però Erode uccidere solo i bambini maschi il numero degli uccisi è dunque, approssimativamente, di circa 30 neonati e, considerando che la mortalità infantile nel Vicino Oriente era molto alta, il numero si restringe a circa 20. L’episodio, quindi, non avrebbe avuto rilevanza tale da interessare gli storici del tempo sia per il numero limitato sia per l’appartenenza delle vittime alla popolazione rurale. Se poi la notizia fosse giunta a Roma, non avrebbe rappresentato motivo di reazione politica da parte dell’imperatore, che non esitava anche lui a soffocare nel sangue possibili rivolte. Svetonio, in un passo in cui utilizza il racconto di Giulio Marato, scrive che pochi mesi prima della nascita di Augusto, avvenne a Roma un prodigio che fu interpretato come presagio di imminente nascita di un re per il Popolo Romano; i senatori, spaventati, ordinarono di esporre tutti i neonati che nacquero in quell’anno, comunque il decreto non venne depositato e la strage non fu eseguita. Si può comprendere quindi quanta scarsa rilevanza ebbe, secondo Ricciotti, la strage di Betlemme nella capitale dell’impero, considerando l’esiguità dei numeri e i tempi abbastanza crudeli e violenti. Inoltre, secondo alcuni studiosi, “anche nei casi di un’unica attestazione” bisogna supporre, “fino a prova contraria”, la buona fede degli evangelisti.

innocenti_giotto
La strage degli Innocenti illustrata da Giotto a Padova

Il discepolo che corse più veloce e le donne

Canto al Vangelo
Alleluia, alleluia.
Noi ti lodiamo, Dio, ti proclamiamo Signore;
ti acclama il coro degli apostoli.
Alleluia.

Vangelo

Gv 20,2-8
L’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala corse e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».
Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.
Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.
Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette.

Parola del Signore

1525109_661220647263026_1426661445_n

Colpisce, nella proposta liturgica che segue immediatamente il Vangelo del Natale, dell’Incarnazione, l’alternarsi di colori (bianco il 25 rosso il 26, bianco il 27, rosso il 28) e di situazioni relative alla nascita ed alla morte. Alla nascita di Gesù il 25, alla nascita al cielo di Stefano, al suo martirio, il 26, agli avvenimenti che seguono la morte di Gesù e la sua resurrezione, oggi, alla nascita al cielo, al martirio di quelli che la liturgia chiama i Santi Innocenti, bimbi uccisi per l’unica colpa di essere tali, per ordine di Erode. Testimoni nemmeno consapevoli di esserlo, come lo era Stefano, come lo è oggi l’apostolo Giovanni.

Ad indicare, come rimarcavo nel commento al racconto del martirio di Stefano (con gioia ho visto che ha fatto lo stesso anche il Papa) che c’è una unità grandissima tra il Natale e la Pasqua, perchè fanno parte dell’unico grande mistero di un Dio che ci ama al punto di nascere, vivere, patire, morire, risorgere per noi… E che ci chiede lo stesso impegno, in ogni momento della nostra vita. Da quando siamo deboli neonati nel grembo o tra le braccia di nostra madre, a quando siamo forti e vigorosi testimoni, quando siamo perseguitati, quando siamo vecchi ed anziani e sono altri che ci portano, o ci sopportano…

Bellissima oggi la figura di Giovanni, del discepolo che egli amava, di colui che, come Maria, sorella di Marta, reclina il capo sulle sue ginocchia, per meglio concentrarsi ad ascoltarlo. Un gesto in cui io ho sempre visto l’abbandono filiale, l’abbandono della presunzione di capire tutto solo e soltanto con la propria intelligenza, con il proprio cervello. Perchè si è capito, anche io ci ho messo tanto ma alla fine l’ho capito, credo, che è l’amore che si abbandona all’Amato quello che fa comprendere tutto, anche ciò che la nostra ragione non si spiega, con la luce della fede che illumina ogni conoscenza.

Mi torna in mente la fine dell’Evangelo secondo Giovanni, al capitolo 21: 21Pietro dunque, come lo vide, disse a Gesù: “Signore, che cosa sarà di lui?”. 22Gesù gli rispose: “Se voglio che egli rimanga finché io venga, a te che importa? Tu seguimi”. Pietro vorrebbe capire ad ogni costo, la risposta di Gesù è Tu, piuttosto, seguimi. Già, perchè con tutta la sua intelligenza ed il suo primato, Pietro era stato quello che per tre volte aveva tradito Gesù. Giovanni era quello rimasto sotto la Croce, non a caso con Maria, sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala (Giovanni 19,25).

Le donne surclassano i maschi nella fede, capaci meglio di noi, in massima parte, di capire il cuore, capaci di abbandonarsi all’amore. Non so se qualche autore teologico suffraghi la mia teoria (nemmeno me ne importa in verità) ma credo sia per questo che il “Fiat” sia stato richiesto al cuore di una donna. A Maria di Nazareth….

Ti prego, Signore, accresci la mia poca fede, fa’ che corra sulle ali dell’amore, come fu per Giovanni, come fu per tua madre Maria. Mi abbandono a Te, o Signore, mi abbandono al volere della tua Parola, come fece tua madre, Maria. Madre e Fiducia mia. Amen.

 

Il Natale è inadatto alla modernità… (Chesterton dixit)

Riprendiamo dal sito della rivista Tempi un testo di Gilbert Keith Chesterton pubblicato il 26/12/2013. Restiamo a disposizione per l’immediata rimozione se la sua presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno degli aventi diritto. I neretti sono nostri ed hanno l’unico scopo di facilitare la lettura on-line.
Per gentile concessione dell’editore, pubblichiamo il brano “Il natale deve andarsene” (1933) della raccolta “Lo spirito di Natale” di Gilbert Keith Chesterton. L’opera, edita da D’Ettoris Editori e pubblicata a ottobre, è a cura di Maurizio Brunetti.

chesterton-spirito-del-natale

Il Natale è assolutamente inadatto al mondo moderno. Presuppone la possibilità che le famiglie siano unite, o si riuniscano, e persino che gli uomini e le donne che si sono scelti si parlino. Così, migliaia di spiriti giovani e avventurosi, pronti ad affrontare i fatti della vita umana e a incontrare la vasta varietà di uomini e donne come sono realmente, altrettanto pronti a volare fino ai confini della terra e a tollerare ogni qualità stravagante o accidentale dei cannibali o degli adoratori del demonio, sono crudelmente obbligati ad affrontare un’ora – no: talvolta persino due ore! – in compagnia di uno zio Giorgio o di qualche zia di Cheltenham che non trovano particolarmente simpatici.

Non si possono, in tempi come i nostri, sopportare tali abominevoli torture. Una fraternità più ampia, una sensibilità più vera, ha già insegnato a ogni donna giovane e ardente – con sufficiente ricchezza e tempo libero a disposizione – a sentirsi elettrizzata al solo pensiero di fare colazione con un malvivente, di pranzare con uno sceicco o cenare con un Apache a Parigi. È quindi intollerabile che tale sensibilità possa patire il trauma della comparsa inaspettata della propria madre, se non addirittura quella del proprio figlio. Nessuno ha mai neanche ipotizzato che i «Genitori» fossero inclusi in quella bellissima astrazione democratica chiamata «Popolo». Né che il concetto di fratellanza potesse estendersi ai propri fratelli.

Comunque, come dicevo, il Natale è inadatto alla vita moderna: la sua attenzione alla famiglia al completo fu concepita senza tener conto della dimensione e delle comodità dell’hotel moderno; il suo retaggio di rituali prescindeva dall’attuale consuetudine consolidata di conformarsi all’anticonformismo; il suo appello all’infanzia era in conflitto con le idee più progressiste sul concepimento; in base al Natale, i Bright Young Things dovrebbero sempre sentirsi vecchi e parlare come se fossero insulsi.

Quella scuola di buone maniere più libera e più schietta, che consiste nell’annoiarsi con chi c’è e nel dimenticare chi non c’è, è irrisa, nella sua prima parte, dalla vecchia abitudine di bere alla salute di qualcuno e di scambiarsi gli auguri, e, nella seconda parte, dall’abitudine di scrivere lettere o spedire cartoline di Natale. Sotto il peso di tali scambi tribali e collettivi, è impossibile preservare la fine sfumatura, la delicata raffinatezza che contraddistingue le maniere moderne: quella in accordo alla quale ci si dimentica del vicino della porta accanto se incontrato per strada e, semplicemente, lo si ignora se è seduto con noi a tavola.

Come potevamo aspettarci di estendere una tradizione che si basava sull’ospitalità a quel felice intermezzo nel mondo moderno e alla moda che ha rimpiazzato l’ospitalità con la violazione di domicilio? Qualche variazione di frasario era senza dubbio necessaria: volendo essere precisi e rigorosi, si è chiamato «imbucarsi» quando fatto dalle classi superiori, e «violazione di domicilio» quando fatto dalle classi più umili. Ma il ladro che tracanna il tuo whisky senza che sia stato invitato a berne un bicchiere, e un esponente dei Bright Young Things che tracanna il tuo champagne senza che sia stato invitato a berne un bicchiere hanno inconsciamente unito le loro forze nella grande urgenza, sentita dal mondo più avanzato e progressista, di spazzar via la vecchia superstizione dell’ospitalità.

L’ospitalità ha comunque un centinaio di orrende implicazioni. Comporta, per esempio, che la mia casa appartenga più a me più che a un giornalista intervistatore di un’agenzia di stampa miliardaria di Detroit. Per quanto calorosamente e con affetto io possa intrattenere e abbracciare una tale persona, c’è comunque un bizzarro pregiudizio legato alla situazione che frulla nella sua testa – per non dire ciò che accade nella mia –: la vecchia, inspiegabile e raccapricciante credenza di trovarsi nella casa di qualcun altro. Sarebbe senza dubbio liberato da quell’imbarazzo se ci incontrassimo in un grande hotel, o in una sala da tè ancora più grande e impersonale, o in una biblioteca pubblica, o in un ufficio postale, o nei corridoi ventosi di una stazione della metropolitana. I soli nomi di questi luoghi bastano a evocare quel calore più ricco, quella fraternità più piena, quel senso di altruismo fervente a tutti i livelli di rapporto umano, che sopraggiungono una volta che gli uomini abbiano rinunciato alla proprietà privata.

In ogni caso, non è necessario aggiungere altro alla lista delle prove che il Natale non sia adatto a questa vita più piena e più emancipata. Il Natale deve andarsene! È letteralmente inadatto a questo grande futuro che si sta aprendo dinanzi a noi. Il Natale non è fondato sulla grande concezione comunitaria che solo nel comunismo può trovare la sua espressione finale. Il Natale non favorisce veramente una più alta, più salutare e più vigorosa espansione del capitalismo. Non ci si può aspettare che il Natale si adatti alle moderne speranze di un grande futuro sociale. Il Natale contraddice il pensiero moderno ed è un ostacolo al progresso moderno.

Radicato nel passato, e persino nel passato remoto, quale utilità può avere per un mondo in cui l’ignoranza storica è l’unica prova evidente della conoscenza scientifica? Nato da miracoli che sono stati raccontati più di duemila anni fa, non può certo aspettarsi di fare colpo su quel robusto senso comune che resiste baldanzoso persino dinanzi all’evidenza più chiara e palpabile dei miracoli che accadono in questo istante.

Ovviamente, avendo a che fare con questioni puramente psichiche, non è di alcun interesse per gli psicologi; avendo determinato l’atmosfera morale di milioni di persone per più di sedici secoli, non è di alcun interesse in un’epoca che si occupa di medie e di statistiche. Il Natale è inerente alla più felice delle nascite, ma è il principale nemico dell’eugenetica; porta con sé una tradizione di verginità volontaria, ma non contiene alcuna indicazione pratica per la sterilizzazione obbligatoria. Su ogni punto lo scopriamo in opposizione con quel grande movimento progressivo grazie al quale – lo sappiamo bene – l’etica si trasformerà in qualcosa di più etico e di più libero da tutte le distinzioni etiche. Il Natale non è moderno, il Natale non è marxista, il Natale non è modellato sulla falsariga di quella grande era della Macchina che promette alle masse un’epoca di felicità e di prosperità ancor più intense di quella cui fino adesso le ha condotte. Il Natale è medievale, essendo sorto agli albori dell’Impero Romano. Il Natale è una superstizione. Il Natale è un relitto del passato.

Ma è veramente necessario continuare a elencare i motivi per lodare il Natale? Tutti i suoi doni e le sue glorie sono icasticamente compendiate in un dato già a sufficienza tratteggiato: il suo essere un fastidio per tutte quelle persone che si riempiono la bocca delle assurdità del nostro tempo. È un motivo d’irritazione per tutti gli uomini che hanno perso i loro istinti, la qual cosa corrisponde davvero all’equivalente intellettuale del perdere i propri sensi. È un fastidio perenne per i tutti cafoni: che siano essi magnati dell’industria, o dell’informazione e del giornalismo internazionale, o di ogni altra cosa che appartiene all’odierno paradiso dei cafoni.

È una sfida lanciata alla cafonaggine, perché ci ricorda l’esistenza di un mondo più grazioso fatto di cortesia e rispetto, e di abitudini che postulavano una sorta di dignità nelle relazioni umane. È un rompicapo per i saccenti, i quali – invischiati da un gelido odio in una contraddizione perenne e senza uscita – non sanno decidersi fra il denunciare il Natale perché è una Messa [Nota de Gli scritti, in inglese Christmas vuol dire letteralmente Messa di Cristo, cioè Messa di Natale– o, peggio, una mera messinscena papista –, e il cercare di provare allo stesso tempo che si tratta, in realtà, di una festa integralmente pagana, e che, quindi, era un tempo degna di ammirazione, come qualsiasi altra cosa inventata dai pirati della Scandinavia pagana.

Il Natale continua a ergersi dritto, integro e spiazzante: per noi rappresenta una cosa ben precisa, per gli altri un marasma d’incongruenze. Il Natale giudica il mondo moderno, perciò vogliono che se ne vada. Infatti sta andando. E forte.

Martire del Natale

Non è un caso. Dopo il bianco sfolgorante del Natale, subito il rosso di un martire. Ad indicare, anche dal punto di vista liturgico, con l’uso del colore, quello che indica l’avvento di una tale novità nella nostra vita. Ovvero il dovere di conformarsi alla vita ed al destino di quel Bambino che nasce a Betlemme. Destinato ad aprire di nuovo le sue braccia, ma sulla Croce, testimoniando fino alla morte che è necessario obbedire a Dio, piuttosto che agli uomini, per guadagnarsi la corona (questo significa il nome “Stefano”) della vita vera. Così la scena della morte di Stefano, narrata dagli Atti degli Apostoli, riprende ed anticipa quella che sarà la scena della morte del Cristo.

Così come riprende ed anticipa la gloria della Resurrezione, la gioia del sapere che la nostra vita non finisce in questo mondo, la gioia di sapere che la morte non ha più, in virtù dell’Incarnazione, Passione, Morte e Resurrezione del Bimbo di Betlemme, l’ultima parola sulla nostra vita.

Testimoniamo allora il Bimbo nella nostra vita… Pensieri, parole, azioni, opere siano segni della nostra completa adesione al Vangelo che è venuto ad annunciarci, della nostra perfetta fiducia nel suo progetto. Ad immagine di sua Madre, Maria, Madre Mia e Fiducia Mia. Amen.

download

Antifona d’ingresso
Si aprirono le porte del cielo per santo Stefano; 
egli è il primo nella schiera dei martiri 
e ha ricevuto in cielo la corona di gloria.

Colletta
Donaci, o Padre, di esprimere con la vita 
il mistero che celebriamo 
nel giorno natalizio di santo Stefano primo martire 
e insegnaci ad amare anche i nostri nemici 
sull’esempio di lui 
che morendo pregò per i suoi persecutori. 
Per il nostro Signore Gesù Cristo…

PRIMA LETTURA (At 6,8-12;7,54-60)
Ecco, contemplo i cieli aperti.

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, Stefano, pieno di grazia e di potenza, faceva grandi prodigi e segni tra il popolo. Allora alcuni della sinagoga detta dei Liberti, dei Cirenei, degli Alessandrini e di quelli della Cilìcia e dell’Asia, si alzarono a discutere con Stefano, ma non riuscivano a resistere alla sapienza e allo Spirito con cui egli parlava. E così sollevarono il popolo, gli anziani e gli scribi, gli piombarono addosso, lo catturarono e lo condussero davanti al Sinedrio.
Tutti quelli che sedevano nel Sinedrio, [udendo le sue parole,] erano furibondi in cuor loro e digrignavano i denti contro Stefano. Ma egli, pieno di Spirito Santo, fissando il cielo, vide la gloria di Dio e Gesù che stava alla destra di Dio e disse: «Ecco, contemplo i cieli aperti e il Figlio dell’uomo che sta alla destra di Dio». 
Allora, gridando a gran voce, si turarono gli orecchi e si scagliarono tutti insieme contro di lui, lo trascinarono fuori della città e si misero a lapidarlo. E i testimoni deposero i loro mantelli ai piedi di un giovane, chiamato Saulo. E lapidavano Stefano, che pregava e diceva: «Signore Gesù, accogli il mio spirito». Poi piegò le ginocchia e gridò a gran voce: «Signore, non imputare loro questo peccato». Detto questo, morì.

Parola di Dio

Il Natale di un poeta

Gerrit_Van_Honthorst_nativita

Natale. Guardo il presepe scolpito,
dove sono i pastori appena giunti
alla povera stalla di Betlemme.
Anche i Re Magi nelle lunghe vesti
salutano il potente Re del mondo.
Pace nella finzione e nel silenzio
delle figure di legno: ecco i vecchi
del villaggio e la stella che risplende,
e l’asinello di colore azzurro.
Pace nel cuore di Cristo in eterno;
ma non v’è pace nel cuore dell’uomo.
Anche con Cristo e sono venti secoli
il fratello si scaglia sul fratello.
Ma c’è chi ascolta il pianto del bambino
che morirà poi in croce fra due ladri?

Salvatore Quasimodo