Conoscere la volontà di Dio – Il Devotional di questa settimana

Settimana 13/2017 – Conoscere la volontá di Dio

«Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà»

Romani 12:2

Non conformatevi - Devotional
Non conformatevi – Devotional

Il vangelo di Giovanni proclama che “Dio ha tanto amato il mondo…”, riferendosi al genere umano bisognoso della salvezza per mezzo di Cristo.

I credenti, e la chiesa nel suo insieme, sono stati chiamati a vivere nel mondo (ambiente, creato), ma a non prenderne i costumi, il modo di pensare.

Seguire Cristo è anche manifestare l’alterità di Dio, un essere diversi come il Maestro, venuto a graziare e non a condannare, a perdonare e non a giudicare. I cristiani sono diversi a partire dal come si prendono cura del proprio corpo, tenuto in enorme importanza da Dio stesso: «presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, gradito a Dio; questo è il vostro culto spirituale» (Romani 12:1).

Il credente non deve conformarsi al mondo, ossia non deve seguirne i modelli e i desideri, la mentalità e il suo dio. Per far questo è necessaria una trasformazione (metamorfosi), un cambiamento interiore che sposta l’asse dalla visione egoistica alla visione di Dio.

Solo in questo modo il credente trasformato e rinnovato potrà conoscere la volontà divina, che non ha mezze misure o alternative, e Paolo descrive con tre aggettivi:

buona (agathon): benefica, ricca, generosa, soddisfacente e morale;

accettabile (euareston): favorevole, gradita, ben accetta;

perfetta (teleios): senza errori, senza difetti, completa, assoluta.

Oltre a conoscere il volere supremo di Dio dobbiamo imparare, mediante la Parola, a riconoscere ciò che Egli vuole che noi facciamo, perché “Non chiunque mi dice: “Signore, Signore” entrerà nel regno dei cieli; ma chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli” (Matteo 7:21).

Il corpo

Molti trattano il corpo come se fosse tutto ciò che conta, identificandolo con la vita stessa e facendone l’unico scopo dell’esistenza.

Altri lo trattano con leggerezza ed eccessiva indulgenza nei confronti di eccessi nocivi.

La visione di Dio è più alta e suprema di quella dell’uomo. L’immagine divina è nel corpo umano sin dalla creazione (Genesi 1:27).

Qualsiasi sia l’immagine, quel che è importante è che Dio ha dato al corpo la stampa della Sua immagine.

Inoltre l’Unigenito Figlio è venuto prendendo un corpo umano.

Secondo la Scrittura, il corpo è il tempio dello Spirito  ed è stato creato per esistere in eterno, dopo che sarà risuscitato e ricreato in un corpo perfetto. L’uomo quindi dovrebbe prendersi cura del proprio corpo a secondo delle sue possibilità.

Lettura della Bibbia

27 marzo        1 Samuele 14-16; Ebrei 13; Giacomo 1
28 marzo        1 Samuele 17-19; Giacomo 2-3
29 marzo        1 Samuele 20-22; Giacomo 4-5
30 marzo        1 Samuele 23-25; 1 Pietro 1-2
31 marzo        1 Samuele 26-28; 1 Pietro 3-4
01 aprile         1 Samuele 29-31; 1 Pietro 5; 2 Pietro 1
02 aprile         2 Samuele 1-3; 2 Pietro 2-3