Devotional – Lo sguardo del Buon Pastore

Lo sguardo del buon Pastore

«Vedendo le folle, ne ebbe compassione perché erano stanche e disperse, come pecore senza pastore».

Matteo 9:36

Il redattore del vangelo ci presenta Gesù totalmente immerso nell’opera per cui era venuto, preso dal compiere pienamente la volontà del Padre. Il Maestro galileo non ha tregua né cerca sosta, Egli “andava attorno per tutte le città e i villaggi”. Il suo peregrinare non era vuoto, ma con una chiara tabella di marcia procedeva “insegnando nelle loro sinagoghe, predicando l’evangelo del regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità fra il popolo”. Cosa altro poteva fare? Nella sua umanità ha adempiuto a quanto era nelle sue possibilità, e come uomo non si è mai sentito appagato. Guardando quelle folle che cercava di soddisfare non ha un senso di piacere, ma vede tutti i loro bisogni non ancora raggiunti. Egli nota che sono “stanche e disperse, come pecore senza pastore”. Come buon pastore non molla minimamente, prova compassione, ossia avverte il loro dolore, le loro sofferenze, percepisce le loro attese. Quanto è diverso il servire del Signore e quanto abbiamo da imparare da Lui ogni giorno per “fare agli altri quel che vorremmo fosse fatto a noi”.

 

Egli è capace di grandi cose attraverso di noi

Benjamin Carson è il primo neurochirurgo a separare due gemelline siamesi. Il suo percorso iniziò durante la adolescenza, quando visse gravi difficoltà per la mancanza del padre. Una mattina, mentre era in chiesa con il fratello maggiore e ascoltava la predicazione comprese cose determinanti per il suo futuro. Il pastore raccontava di una coppia di medici missionari in Africa, da quel racconto il fanciullo capì di voler fare la stessa cosa. Oggi Benjamin è un affermato neurochirurgo e gestisce campi missionari in tutto il mondo, dove presta assistenza ad ammalati indigenti. Se abbiamo fame di Dio saremo saziati. Se ci lasciamo guidare dal Signore al di là delle nostre capacità scopriremo la sua fedeltà. Inoltre l’apostolo Paolo ci ricorda che Egli manifesta la Sua potenza nella nostra debolezza, per questo quando siamo deboli e arresi a Lui scopriamo la Sua potenza.

 

Ricordi

Il 27 maggio del 1564 a Ginevra (Svizzera) si spegneva Giovanni Calvino. Tra i principali lavori del teologo riformato si annoverano la traduzione della Bibbia finanziata dai valdesi con il cugino Olivetano e l’Institutio Christianae Religionis, in cui presenta i principi della fede evangelica.

Se vuoi ascoltare il devotional https://soundcloud.com/elpidio-pezzella-494255934/devotional-21-lo-sguardo-del-buon-pastore

Devotional - Lo sguardo del Buon Pastore
Devotional – Lo sguardo del Buon Pastore

Lettura della Bibbia

22 maggio      Neemia 5-7; Giovanni 1-2

23 maggio      Neemia 8-10; Giovanni 3-4

24 maggio      Neemia 11-13; Giovanni 5-6

25 maggio      Ester 1-3; Giovanni 7-8

26 maggio      Ester 4-6; Giovanni 9-10

27 maggio      Ester 7-9; Giovanni 11-12

28 maggio      Ester 10; Giobbe 1-2; Giovanni 13-14