I Die Tomorrow

I Die Tomorrow

I Die Tomorrow, ovvero Morirò domani.

Così era scritto su di un lato di un avambraccio di un uomo che avevo seduto stamani davanti a me, in Metropolitana. Aspetto da “duro”. Aveva poi delle aquile o dei simboli celtici, non li ho visti bene, tatuati nell’interno delle parte superiori del braccio.

Poi l’avambraccio si è girato. Ed ho visto che aveva tatuato anche, ben chiaro e leggibile, il proprio gruppo sanguigno.

Mi è venuto da sorridere. Se sei così duro da scrivere, in gotico, che morirai domani, allora perchè metti dall’altro lato lato il gruppo sanguigno. Hai visto mai che ti fai male davvero, ed allora vuoi che gli altri si sbrighino a salvarti!

Mah…

Morire morirai

Stai certo fratello. Morire morirai. Quando, non sta certo a te saperlo. Le parole umane sono davvero senza senso, se non c’è la Parola di Dio che le guida.

I die tomorrow. Stai certo fratello. Morire morirai.
I die tomorrow. Stai certo fratello. Morire morirai.