I trentatre martiri di Melitene

I trentatre martiri di Melitene

I trentatre martiri di Melitene sono onorati oggi dal calendario bizantino. Approfitto per segnalarvi il link di questo strumento utilissimo, utilissimo ovviamente per chi si sente in comunione, sia pure imperfetta, con i cristiani di quel rito e di quelle terre.

I trentatre martiri di Melitene
I trentatre martiri di Melitene

La loro storia

Questi martiri hanno confessato la loro fede cristiana durante il regno di Diocleziano e Massimiano nel 290. Di questi, san Gerone era di Tiana in Cappadocia, un agricoltore, di grande forza fisica e di nobiltà d’animo. Mentre era al lavoro nel suo campo alcuni soldati gli fecero visita cercando di impressionarlo con le loro armi. Lui, però, non desiderando la loro compagnia, con il suo aratro di legno li scacciò facendoli fuggire terrorizzati a causa della sua forza. In seguito, andò di sua spontanea volontà, e confessò Cristo davanti al governatore. La sua mano destra fu tagliata, e fu imprigionato con altri 32, che ha rafforzato nella fede. Tutti insieme furono decapitati fuori della città di Melitene in Armenia.

L’epistola

Ebrei 11,33b-12,2a

Fratelli tutti i santi per fede conquistarono regni, esercitarono la giustizia, conseguirono le promesse, chiusero le fauci dei leoni,  spensero la violenza del fuoco, scamparono al taglio della spada, trovarono forza dalla loro debolezza, divennero forti in guerra, respinsero invasioni di stranieri. Alcune donne riacquistarono per risurrezione i loro morti. Altri poi furono torturati, non accettando la liberazione loro offerta, per ottenere una migliore risurrezione.  Altri, infine, subirono scherni e flagelli, catene e prigionia.  Furono lapidati, torturati, segati, furono uccisi di spada, andarono in giro coperti di pelli di pecora e di capra, bisognosi, tribolati, maltrattati –  di loro il mondo non era degno! -, vaganti per i deserti, sui monti, tra le caverne e le spelonche della terra.

Eppure, tutti costoro, pur avendo ricevuto per la loro fede una buona testimonianza, non conseguirono la promessa:  Dio aveva in vista qualcosa di meglio per noi, perché essi non ottenessero la perfezione senza di noi.  Anche noi dunque, circondati da un così gran nugolo di testimoni, deposto tutto ciò che è di peso e il peccato che ci assedia, corriamo con perseveranza nella corsa che ci sta davanti,  tenendo fisso lo sguardo su Gesù, autore e perfezionatore della fede.