Radicati nella Parola

Radicati nella Parola

Devotional settimanale a cura del pastore Elpidio Pezzella

La Parola

«Mosè convocò tutto Israele e disse loro:
Ascolta, Israele, le leggi e le prescrizioni che oggi io proclamo davanti a voi;  imparatele e mettetele diligentemente in pratica».

Deuteronomio 5:1

Rivolgiti alle Scritture!

Se stai reclamando una voce dal cielo e/o aspetti un suono che manifesti il volere divino, sappi che non abbiamo modo migliore per ascoltare il nostro Dio che rivolgerci umilmente alle Scritture.

Come scrissi nella presentazione del mio Le dieci parole per tutti, “credo profondamente che nell’ultimo decennio il cristianesimo sia andato lentamente patinandosi di effetti speciali, lambendo in alcuni casi la follia e in altri divenendo palcoscenico per showman della fede. Un ritorno alle radici bibliche è l’unico rimedio possibile per ripristinare la salute spirituale”.

Ecco, allora, l’opportunità di un viaggio a ritroso attraverso la lettura quotidiana della bibbia, partendo proprio dal decalogo, quella parte della bibbia ebraica da sempre una delle pietre miliari del cristianesimo, quel patto stabilito sul monte Oreb e che Mosè richiama appunto nel capitolo 5 di Deuteronomio.

Come nella storia di Israele

Nella storia di Israele, la riscoperta di quella “parola” ha segnato tappe fondanti e fondamentali.

Si ricordi quando, dopo la ricostruzione avviata da Neemia, riappare sulla scena il sacerdote Esdra con il testo della Legge ritrovata (Neemia 8). Il popolo si raduna come un solo uomo sulla piazza per ascoltare la lettura.

All’apertura del libro tutto il popolo prima si alza in piedi, poi si inginocchia e si prostra con la faccia a terra dinanzi al Signore.

L’incontro con Dio necessita della Sua parola e nessuna rivelazione potrà mai essere contemplata al di fuori di essa. L’ascolto di quelle parole, dopo anni di silenzio, fu capace di risvegliare il cuore del popolo.

Il giovane Samuele dovette presto imparare a riconoscere la Sua voce e a disporsi all’ascolto di Colui che viene e a ciascuno si avvicina (1Samuele 3:9-10).

Sola la Scrittura parla con autorità

In tempi in cui si dà facilmente ascolto a chiunque, volgersi fiduciosamente al testo biblico non è atto vile né irriverente, anzi è tutt’altro:

“Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica sarà paragonato a un uomo avveduto che ha costruito la sua casa sopra la roccia” (Matteo 7:24).

I bereani del libro degli Atti ci ricordano che è cosa buona e saggia passare tutto al filtro delle Scritture per un’opportuna e preveniente verifica, mentre il salmista ci invita a porre la “Parola” come lampada al nostro piede così da non inciampare nei sentieri oscuri.

Non restiamo indifferenti, perché “solo la Scrittura ha l’autorità finale per dirci cosa credere ed è quindi giusto trascorrere del tempo a mettere a fuoco l’insegnamento delle Scritture stesse” (W. Grudem).

Come un tesoro accantonato per i momenti di povertà, la dispensa riempita per la carestia, nell’ora della prova o della difficoltà la Sua parola sarà sempre in grado di dare ristoro all’anima assetata e donare forza a chi è provato lungo il cammino.

Radicati nella Parola
Radicati nella Parola

Piano di lettura settimanale della Bibbia

15 gennaio Genesi 36-38; Matteo 10:21-42

16 gennaio Genesi 39-40; Matteo 11

17 gennaio Genesi 41-42; Matteo 12:1-23

18 gennaio Genesi 43-45; Matteo 12:24-50

19 gennaio Genesi 46-48; Matteo 13:1-30

20 gennaio Genesi 49-50; Matteo 13:31-58

21 gennaio Esodo 1-3; Matteo 14:1-21