Pace a voi – Devotional del pastore Elpidio Pezzella

Pace a voi – Devotional del pastore Elpidio Pezzella

La Parola

«La sera di quello stesso giorno, che era il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, Gesù venne e si presentò in mezzo a loro, e disse: “Pace a voi!”».

Giovanni 20:19

Pace a voi - Devotional del pastore Elpidio Pezzella
Pace a voi – Devotional del pastore Elpidio Pezzella

Il commento

La ricorrenza della Pasqua (cristiana) dovrebbe favorire almeno un sentito ricordo dell’opera di redenzione compiuta da Gesù attraverso la sua morte e resurrezione. Se a questo si accompagnasse una reale conversione potremmo realmente far suonare a festa tutte le campane del mondo, perché in cielo si festeggia per ogni peccatore ravveduto. Invece dobbiamo continuare a registrare il divagare culinario e il praticare riti oramai vuoti. Sei disposto a porti una domanda? È Cristo risorto nella tua vita? O nonostante tutto, non credi neanche alla resurrezione? In tal caso, possiamo smettere di parlare di Gesù, perché non avrebbe più alcun senso.

Il primo segno della Sua resurrezione nella nostra vita è aver ricevuto pace. Infatti, nel racconto di Giovanni siamo nella serata della scoperta del sepolcro vuoto e del Cristo risorto, con un gruppo di credenti spauriti e intimoriti. Mentre sono rinchiusi, Gesù si presenta loro tagliando la tensione e la paura con un saluto: “Pace a voi”. Alla visione delle sue ferite, e quindi avendolo riconosciuto, “i discepoli si rallegrarono”. L’incontro con il Risorto reca pace, si fonda sulla pace, richiede pace. Al timore spazzato dalla pace, segue poi l’allegria. Ma ogni emozione, fine a sé stessa, è frenata, in quanto la pace annunziata è preludio al “Io mando voi”. Occorre qualcosa di straordinario per dare consapevolezza, coraggio e franchezza. Ed è per questo che leggiamo “ricevete lo Spirito Santo”, la cui azione si concretizza nella remissione dei peccati. Pace, gioia, Spirito e misericordia. Questo l’identikit della chiesa del Signore risorto, chiamata ad uscire dal luogo chiuso ed essere testimone fino alle estremità della terra (Atti 1:8).

Chi ha fatto esperienza della fede in Cristo, per mezzo della Sua parola, ben sa che non basterà sventolare dei rametti di ulivo. Dovrebbe invece sorgere dal profondo del cuore non un rametto, ma un albero enorme, pronto a coprire tutti i torti, le mancanze e le maldicenze. Smettiamo di guardare il fuscello nell’occhio altrui e guardiamo piuttosto la trave che è nel nostro. Adoperiamoci affinché la pace che Dio ha posto nei nostri cuori dimori nei nostri rapporti. Facciamo sì che i piccoli incidenti, le difficoltà contribuiscono a far crescere la nostra pazienza e la nostra pace. Troviamo modo di incoraggiarci l’un con l’altro, esortarci e confortare, al di là di tutto. Ciascuno deve sentirsi amato, apprezzato, stimato, considerato perché nei nostri cuori dimora il Signore della pace, dimora il Dio dell’amore, colui che ha cambiato il nostro modo di pensare e di essere.

Essere cristiano va oltre ogni forma di religiosità e/o apparente misticismo. Si racconta che Kierkegaard, cristiano radicale e intransigente, a chi gli diceva: «Tu sì che sei un cristiano!» rispondeva: «No, sono un aspirante cristiano». Nietzsche scriveva: «In fondo c’era un solo cristiano, e quello è morto sulla croce». Oggi è alquanto difficile distinguere un “cristiano”. Credo sia dovuto al fatto che ci siamo ridotti ad una sterile definizione senza “azioni” che lo palesino. Forse tornare ad essere degli “aspiranti” ci aiuterà prima a sederci ai piedi del Maestro per imparare e dopo ci spingerà all’opera per provare quel che abbiamo imparato. Un albero si riconoscerà sempre dai suoi frutti. Signore, aiutaci ad essere tralci attaccati alla vite.

Poniamo mente, ringraziamo Dio e viviamo nella Sua pace, sforzandoci ad essere aspiranti cristiani nei fatti, così da vivere una Pasqua senza interruzione.

____

Devotional 14/2018

Piano di lettura settimanale della Bibbia

02 aprile Giudici 16-18; Luca 7:1-30

03 aprile Giudici 19-21; Luca 7:31-50

04 aprile Ruth 1-4; Luca 8:1-25

05 aprile 1Samuele 1-3; Luca 8:26-56

06 aprile 1Samuele 4-6; Luca 9:1-17

07 aprile 1Samuele 7-9; Luca 9:18-36

08 aprile 1Samuele 10-12; Luca 9:37-62