Archivi categoria: Fabio Bartoli

Il signor Parroco ha dato di matto

Il signor Parroco ha dato di matto
Il signor Parroco ha dato di matto

Il signor Parroco ha dato di matto

Un libro appena uscito, edito dalla San Paolo, che ho preso su consiglio del mio amico Fabio Bartoli, che ha smesso di fare il Parroco il 1 settembre e… si è murato in ospedale come Cappellano! Scherzo Fabio eh? Meglio precisare che con quelle manone che ti ritrovi!!!

Davvero divertentissimo, alla Guareschi come diceva lui. Me lo sono letteralmente divorato in due ore di lettura.

Per chi volesse prenderlo su Amazon!

Prendi il vento dello Spirito. Le meditazioni carismatiche di Fabio Bartoli… e di Luca!

Fabio Bartoli, parroco (ancora per poco…) a San Benedetto all’Ostiense, è un mio carissimo amico, e non solo quello. Ci siamo conosciuti quando il Signore ha ritenuto giusto che lo facessimo, ci siamo raccontati le nostre storie, di vita e di vocazione, ci siamo testimoniati il Cristo, l’uno con l’altro.

Lo abbiamo fatto e continueremo a farlo, finchè l’Eterno vorrà. Perchè ci stimiamo, ci vogliamo bene, e ci sentiamo uniti dal mistero che entrambi ci portiamo dentro.

Perchè abbiamo entrambi dentro il mistero dell’essere stati scelti entrambi dal Signore per un ministero che è il ministero presbiterale, il sacerdozio nella chiesa cattolica latina.

Ad un certo punto della mia vita, per i motivi di cui tanto ho scritto in questo blog, io ho lasciato l’esercizio del sacerdozio ministeriale. Ma, dice la mia amatissima ed acutissima figlia, Sara, 12 anni, che “Babbo, tanto si vede che dentro sei ancora un prete! Leggi e preghi tanto, e hai la casa piena di Bibbie!”.

Ed anche la mia dolcissima e amatissima moglie, Antonella, mi dice spesso che si vede proprio che “certe cose ti mancano”, e che quando torno dalla messa o dal culto ho uno sguardo che dice tutto a proposito.

La teologia cattolica dice che il sacramento dell’Ordine, come il Battesimo e la Confermazione, incidono sulla persona che li riceve in modo permanente. E’ la cosiddetta teologia del “carattere”.

Sono doni dello Spirito così grandi e particolari che ti segnano dentro, che non si possono cancellare, in nessun modo, una volta ricevuti (al di là delle fantasie ridicole di chi si “sbattezza”).

Fabio ed io questo dono lo abbiamo in comune ed  è così grande da tenerci in comunione al di là delle distanze, degli impegni di famiglia, di lavoro, di servizio.

Così oggi ci siamo “scritti” dopo tanto tempo come se ci fossimo visti o sentiti il giorno prima; ma in effetti, nella preghiera, entrambi lo avevamo fatto, anche avendo scoperto di avere un’altra amicizia in comune.

Ho detto a Fabio che sono in fase di letture “bartoliane”. Scrive molto bene Fabio, ed ho in corso le letture di due suoi scritti.

Il primo è “Prendimi con te, corriamo! Il Cantico dei Cantici tra eros e mistica” (ottobre 2016, Editrice Ancora) ed il secondo, quello che ho attualmente nello zaino, è quello di cui parla il titolo: “Prendi il vento. Meditazioni carismatiche” (Editrice Ancora 2016 anche lui), la raccolta delle sue omelie e meditazioni nel corso del suo servizio come assistente ecclesiastico presso la Comunità Maria del Rinnovamento Carismatico Cattolico.

 

Credo non sia un caso che nell’ultimo periodo della mia vita mi sia tanto legato alla dimensione del vivere lo Spirito, del testimoniare lo Spirito, dell’annunciare i doni dello Spirito, oltre che con la quotidiana lettura spirituale della Scrittura, in particolare con la preghiera ripetuta dei Salmi (attraverso la Liturgia delle Ore ma non solo), anche attraverso due bellissimi legami, due bellissime amicizie, con Fabio appunto e con Elpidio Pezzella, fratello, amico, pastore, servitore di Dio nel movimento pentecostale.

Così oggi non mi sono sorpreso quando Fabio mi ha detto che è in uscita un suo libro sul profeta Giona, su cui pochissimo tempo fa ha scritto anche Elpidio… Scherzando ho detto a Fabio che sarebbe stato un piacere confrontare i due libri. Ma poi ho pensato anche a me, e mi sono detto: ma sarà un caso che i tuoi due fratelli ed amici, servi nel ministero come tu ti senti, scrivano entrambi sul “profeta riluttante” per eccellenza?

Sarà un messaggio, oltre che per loro, anche per te, anche per Luca? Certo che riluttante lo sono stato…

Prendo tempo, e aspetto di leggere anche il prossimo libro di Fabio… e intanto continuo a pregare lo Spirito! Che mi illumini ed illumini la mia famiglia, i miei cari, su tutte le scelte della vita!

Amen! Alleluia!

Icona della discesa dello Spirito a Pentecoste su Maria ed i discepoli
Icona della discesa dello Spirito a Pentecoste su Maria ed i discepoli

Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014

Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014
Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014

SAN BENEDETTO AL GAZOMETRO

14 GENNAIO 2014 – MARTEDI’ PRIMA SETTIMANA TEMPO PER ANNUM

MEDITAZIONE SULLA LETTURA BREVE DELL’ORA MEDIA TERZA: GEREMIA 17,7-8

7 Benedetto l’uomo che confida nel Signore
e il Signore è la sua fiducia.
8 È come un albero piantato lungo un corso d’acqua,
verso la corrente stende le radici;
non teme quando viene il caldo,
le sue foglie rimangono verdi,
nell’anno della siccità non si dà pena,
non smette di produrre frutti.

VERSETTO 7

7 Benedetto l’uomo che confida nel Signore
e il Signore è la sua fiducia.

 

Due elementi occorrono per essere definito “Benedetto”.

Il primo è confidare nel Signore, avere fede, credere che il Signore, l’Eterno, Benedetto Egli sia!, sia la sola vera autorità sulla propria vita, sulla via che occorre percorrere nel corso di essa.
Questa fede deve essere in certo senso “assoluta”, deve comprendere tutta l’essenza di sé stessi.

Il secondo elemento: il Signore deve essere la propria fiducia. Nessuno di noi vive da solo o vive ‘in astratto’. La fiducia è la fede quale si manifesta negli aspetti concreti della vita. Nei rapporti concreti che ciascuno di noi ha con i fratelli e le sorelle che, per scelta o per provvidenza (ne fa parte anche la propria storia familiare) incontra sul proprio cammino.

Se la fede è assoluta, la fiducia richiesta è relativa, nel senso che è richiesta a ciascuno di noi in modi e tempi differenti, a seconda delle circostanze concrete che ciascuno di noi si trova a vivere.

 

VERSETTO 8

8 È come un albero piantato lungo un corso d’acqua,
verso la corrente stende le radici;
non teme quando viene il caldo,
le sue foglie rimangono verdi,
nell’anno della siccità non si dà pena,
non smette di produrre frutti.

Mi sento come quell’albero. Ho avuto dall’Eterno, Benedetto Egli sia!, il dono della fede. Ho riconosciuto sempre, nonostante il limite del mio essere peccatore, che la sua acqua era l’unica viva, l’unica in cui dovevo e volevo tener stese le mie radici. Ho sempre cercato il Signore, ho sempre cercato l’Eterno, che, Benedetto Egli sia!, come dice la Parola, si è fatto trovare.

E quelle radici si sono rinforzate, si sono irrobustite, lo hanno cercato con sempre maggior forza. E di nuovo lo hanno trovato, Egli si è lasciato trovare, e la mia vita è stata riempita completamente di quell’acqua, il giorno in cui ho ricevuto il sacramento dell’Ordine, prima per il Diaconato, il 26 ottobre 1991, poi per il Presbiterato, il 16 maggio 1992.

Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014
Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014

E’ venuto il caldo, è venuta l’estate del mio ministero. E, devo darne atto al Signore, l’acqua non mi  è mai mancata, le mie foglie erano sempre più verdi. Può sembrare un paradosso, oggi, a chi osserva la mia storia dall’esterno. Ma proprio gli ultimi due anni di esercizio pieno di ministero, il 1995 ed il 1996, sono stati fecondi di frutti come non mai.

La Scuola di Preghiera in Seminario, l’impegno come formatore nel Seminario Maggiore e quello nell’Ufficio Matrimoni del Vicariato, le scuole di preghiera e l’accompagnamento spirituale in due parrocchie della zona Nord di Roma, con gli scout della zona Prenestina, con i ritiri dei genitori e con l’USMI, assieme a Don Angelo De Donatis, in Seminario, gli incontri con le ragazze e le suore dell’Assunzione a San Basilio, la redazione dei sussidi per l’Ufficio Catechistico, la stesura e la discussione della Tesi di Dottorato in Utroque Iure…

Forse ho, abbiamo, hanno preteso troppo da me… Forse ero talmente preso dal donare l’acqua agli altri in quel periodo che non ho fatto caso a che la mia acqua si era intorbidita… Che le parole del mondo, mascherate da parole di luce, avevano ripreso ad avere effetto su di me.

Ho mancato, ne ho chiesto e ne chiedo perdono al Signore, e so che il Signore, l’Eterno, Benedetto Egli sia!, questo perdono me l’ha donato. Mi ha sempre donato tutto il Signore. Tutto quello che gli ho chiesto, ogni volta che sono stato capace di farlo con cuore sincero.

nell’anno della siccità non si dà pena,
non smette di produrre frutti.

Quanto sento vero, oggi, questo versetto. Ho avuto anni di siccità, anni di allontanamento apparente dalla Chiesa (apparente, oggi lo posso dire a ragione della rilettura di fede della mia storia personale di salvezza), ma non mi sono mai dato pena, non mi sono mai intristito. Ho continuato a ripetere senza sosta dentro di me quanto imparato in Seminario Romano: Mater mea, Fiducia mea.

Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014
Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014

Come Maria non ho mai cessato il confronto con la Parola, non ho mai cessato di serbare nel cuore ciò che essa veniva a rivelarmi anche quando lì per lì mi sembrava di non capirlo. Ho continuato a consacrare le Ore nella preghiera, a meditare e predicare le Scritture ed il Vangelo, ho avuto la gioia grandissima di diventare padre anche dal punto di vista fisico. Di generare Sara da un grembo che (ci pensavo oggi ascoltando la prima lettura della Messa, la storia di Anna) pensavo ormai sterile…

E la nascita di Sara, per il contrappasso dell’amore che opera il Signore, di cui solo il Signore è capace, è diventato il motore che mi ha spinto di nuovo, sempre di più, a considerare le mie radici, a raddrizzarne il percorso, a verificare meglio in quale acqua le affondavo, con quale intensità, con quale intento.

Così non mi sono abbattuto quando la madre di Sara mi ha fatto intendere che la nostra storia a suo dire era conclusa. Conclusa, a parte Sara!, che amo come non mai. Ed ho incontrato l’amore di Antonella, che sento radicato, come quello per Sara, in quella stessa acqua benedetta.

Così ora vivo un’apparente paradosso, un’apparente ma entusiasmante paradosso.

Il paradosso (ma non so se sia corretto definirlo tale) è che sono un prete e so di esserlo, non mi sono mai sentito tanto prete, tanto presbitero fino al midollo come ora.

Nella pur apparente caoticità delle mie giornate, specie ora che sono in cassa integrazione dal lavoro, nel continuo passaggio dalla vita e dalla casa dove abito con Antonella, alla casa ed alla scuola di Sara, al luogo di lavoro, alle diverse ‘case e chiese’ degli amici e fratelli sacerdoti (San Vigilio, San Benedetto dove sono ora, Santa Maria Stella dell’Evangelizzazione, anche il Vicariato e il Seminario), in questa apparente frenesia dentro di me sono uno, saldo, fermo nell’Uno e nel Vero.

Sono di nuovo, forse come mai ero stato prima, unito nel mio tendere con tutto mio stesso al Cristo, alla sua Parola, alla sua grazia. Dicevo a don Marco e don Fabio, che mai come ora sono fedele alle ore liturgiche della preghiera, costante nella preghiera e nella meditazione con e sulla parola, alla frequenza del sacramento della Riconciliazione. E non a caso ora sento il bisogno, è giusto chiamarlo così, di pregare nel modo più alto in cui può pregare un prete, celebrando l’Eucaristia, nel privato della mia abitazione e partecipando come e quando il lavoro e la famiglia me lo permettono, alla vita della comunità cristiana di cui faccio parte, quella della Diocesi di Roma, a cui più che mai mi sento ‘incardinato’ felice di essere incardinato nella diocesi del Vescovo di Roma, che fa della cattolicità, della universalità la sua primigenia vocazione.

———————————-

Eppure….

Ieri ero con Sara. Ho passato il pomeriggio con lei e con una sua amichetta di scuola. Ho ascoltato il racconto della scuola, l’ho guardata giocare, ho raccolto le sue confidenze, le ho preparato la cena, pregato con lei, letto una storia, accompagnata nel sonno.

E mi sento e sono, allo stesso modo, con tutto me stesso, padre di Sara. Padre biologico come nella fede, padre nell’amore.

——————————

Eppure…

Oggi nel tardo pomeriggio tornerò a casa, da Antonella, di cui sono innamorato, con cui amo dividere la vita, la quotidianità e lo speciale dell’esistenza, gioie e problemi, angosce e speranze…

E mi sento e sono il suo compagno di vita. Compagno nell’amore e nella fede.

—————————–

Sono dottore in Utroque Iure, summa cum laude per giunta, eppure trovo difficile, al di là delle formule giuridiche, definire il mio stato.

Perché da un punto di vista spirituale mi sento, oggi più che mai, anche più di quando ero in Seminario, come alunno prima e come formatore poi, in piena e completa comunione con la Chiesa Cattolica, di cui faccio parte, di cui condivido gli insegnamenti, e di cui il 16 maggio 1992 sono stato costituito ministro, ordinato presbitero.

Chi avesse dei dubbi sulla teologia del ‘carattere’ venga pure da me; quel carattere me lo sento impresso nell’animo e nel cuore, scolpito nella mente e nello spirito.

So che le norme della Chiesa, la sua Tradizione millenaria ed oltre, mi vietano l’esercizio ordinario del sacerdozio ministeriale. Ed io la Chiesa la amo, e quelle norme le rispetto, ed ami rispettarle, costi quel che mi costi.

Pure, sempre prete romano mi sento. Con la stessa evidenza e realtà con cui sono e mi sento padre di Sara e compagno di Antonella.

La cosa potrà far sorridere qualcuno, riflettere qualcun altro, ma sono state proprio Sara ed Antonella, che la provvidenza di Dio ha messo nella mia vita, a farmi riscoprire appieno le mie radici d’amore, a farmele sentire di nuovo gonfie di linfa, a farmi percepire appieno in chi ho posto la mia vita ed ogni mia speranza.

Sara ed Antonella, l’amore pieno che ho per loro, mi hanno richiamato nella forma più pura e completa il mistero di cui sono portatore.

Perché l’essere prete è prima di tutto un mistero, un mistero di amore, un amore così grande che sceglie di personificarsi nelle povere esistenze di quelli che sono gli “alter Christus”.

Felice di essere tale. Felice di essere un alter Christus. Felice di essere prete, padre, compagno.

Con la mia povertà, con il mio peccato, con le mie miserie umane ma anche con le ricchezze multiformi che mi vengono dalla Sua grazia, dallo Spirito che è stato effuso sopra di me in modo così speciale.

Con la gioia con cui ancora sento di scrivere, terminando una preghiera ed una riflessione che nella realtà termineranno solo quando il Padre, l’Eterno, Benedetto Egli sia!, mi richiamerà a sé: Mater mea, Fiducia mea.

Che cosa possiedi che tu non l’abbia ricevuto?

(1 Corinti 4,7b)

Che cosa renderò al Signore per tutti i benefici che mi ha fatto?
Alzerò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore.
Adempirò i miei voti al Signore, davanti a tutto il suo popolo.
Agli occhi del Signore è preziosa la morte dei suoi fedeli.

(Salmo 116,12-15)