Archivi categoria: Fede_Cristiana

Sale e Luce

Matteo 5,13-16

Il sale della terra; la luce del mondo

(Mr 4:21-23Lu 8:16-18; 11:33-361P 2:9-12
13 «Voi siete il sale della terra; ma, se il sale diventa insipido, con che lo si salerà? Non è più buono a nulla se non a essere gettato via e calpestato dagli uomini. 14 Voi siete la luce del mondo. Una città posta sopra un monte non può rimanere nascosta, 15 e non si accende una lampada per metterla sotto un recipiente; anzi la si mette sul candeliere ed essa fa luce a tutti quelli che sono in casa. 16 Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, affinché vedano le vostre buone opere e glorifichino il Padre vostro che è nei cieli.

slide_00

Essere sale, essere luce, poi si aggiungerà l’essere lievito. Essere capaci di cambiare la forma ed il senso delle cose, a partire da se stessi. Non una scommessa da nulla quella dell’Evangelo di Matteo che si legge oggi. Dare un senso nuovo al vecchio.

Lo applico alla mia situazione. Tornato al lavoro dopo tanti mesi di cassa integrazione, in una azienda con tante dinamiche e situazioni ‘vecchie’ ma con delle speranze ed aperture al nuovo. Sarò capace di essere sale e luce nel mio luogo di lavoro? Di sicuro ci proverò.

Accresci la mia fede, Signore Gesù.

Preghiera con il Salmo 121

Alzo gli occhi verso i monti:
da dove mi verrà l’aiuto?
Il mio aiuto viene dal Signore:
egli ha fatto cielo e terra.

Non lascerà vacillare il tuo piede,
non si addormenterà il tuo custode.
Non si addormenterà, non prenderà sonno
il custode d’Israele.

Il Signore è il tuo custode,
il Signore è la tua ombra
e sta alla tua destra.
Di giorno non ti colpirà il sole,
né la luna di notte.

Il Signore ti custodirà da ogni male:
egli custodirà la tua vita.
Il Signore ti custodirà quando esci e quando entri,
da ora e per sempre.

image

Pentecoste – Le responsabilità globali del cristiano

Una predicazione chiara, concreta e che trovo completamente condivisibile su Atti 2,1-11 del pastore Paolo Castellina. Una persona che ama dire sempre con franchezza quanto sempre, e questo gli aliena inevitabilmente molte simpatie, e lo porta spesso ad essere segno di contraddizione. Anche con chi scrive spesso ha avuto a che discutere, ma sempre, mi sento di dirlo, con l’affetto e la stima reciproca che si devono due cristiani alla sequela dell’Unico e medesimo Signore.

Sul solo sentiero antico della fede, quello tracciato dalla Scrittura e ribadito dai nostri padri nella fede.

Consiglio a tutti la lettura, specie a chi ha il compito della predicazione. Vi troverete moltissimi spunti interessanti.

Studi biblici/Atti 2:1-11 – Tempo di Riforma.

Pensiero breve sulle… rivoluzioni!

Rivoluzione

Le rivoluzioni… un tempo un po’ ci credevo. Poi la vita, oltre che lo studio senza paraocchi della storia mi hanno fatto capire una cosa. Che le rivoluzioni alla fin fine sono tutte uguali, grandi o piccole che siano.

Parafrasando il molto profetico Orwell, partono tutte dall’idea che “Tutti gli animali sono uguali” e finiscono tutte, di riffa o di raffa, per riaffermare che “Tutti gli animali sono uguali ma alcuni sono più uguali degli altri”.

Ovvero ogni rivoluzione alla fine si rivolge, o si riavvolge, come preferite, nell’ingiustizia di partenza.

Unica rivoluzione possibile quella che possiamo fare dentro di noi, non conformandoci allo spirito di questo mondo.

Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà. (Romani 12,2)

Quale sia questa volontà, ce l’ha mostrato il Cristo. Il solo vero rivoluzionario (lo dicevano anche negli anni Settanta, ma ne sovvertivano il senso…). Non a caso finisce sulla Croce.

Abbiate coraggio

Abbiate coraggio

Una Parola che invita al coraggio della testimonianza della propria fede. Di questi tempi più che mai necessaria).

b42

Dal Vangelo secondo Giovanni (16, 29-33)

In quel tempo, dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio».
Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me.
Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».

Parola del Signore

Accresci la mia fede, Signore Gesù. Che io abbia il coraggio di percorrere solo la tua Via, l’unica secondo la Verità che porta alla Vita vera. Amen.

 

Sviati

Leggo ultimamente diverse riflessioni, quasi tutte dal tono pessimista, sui tempi difficili che si corrono in relazione al proprio essere credenti in Cristo. Secondo alcuni oggi in particolare si starebbe avverando quanto detto da Gesù nei primi tre versetti di questo capitolo 16 del Vangelo secondo Giovanni.

Ora, è indubbio che in questo periodo si assista ad una recrudescenza delle persecuzioni verso i cristiani (e verso gli ebrei aggiungerei), è indubbio che ci sia un fastidio verso tutti coloro che persistono nell’affidarsi più alla legge di Dio che a quella degli uomini, e che mettono sempre e comunque questa prima di quella (perchè “Bisogna ubbidire a Dio piuttosto che agli uomini“; Atti 5,29).

Però io credo che sia centrale il versetto finale, il numero 4 di questa piccolo brano, dove Gesù ci dice che queste cose ce le dice perchè ce le ricordiamo. E perchè ricordiamo che Egli è sempre con noi da quel momento, in virtù del dono di quello Spirito di cui parla subito dopo, dal versetto 5 in avanti.

Se la fede cristiana è professata con coerenza, le persecuzioni sono inevitabili, perchè la fede cristiana spinge a vivere nel mondo in un costante, continuo atteggiamento critico. I cristiani sono quelli che vivono nel mondo, ma ci vivono in modo da non esserne schiavi, come se non fossero completamente di questo mondo (vedi la magnifica Lettera a Diogneto).  I cristiani sono quelli che credono che la Croce del Figlio abbia un senso salvifico, e quindi di conseguenza le croci di ciascuno di noi vanno lette alla luce di quella. Sono quelli che credono che la Croce sia il ponte verso la Resurrezione.

Hanno perseguitato me, ci dice Gesù nel Vangelo, perseguiteranno anche voi. Non pone la domanda, afferma che sarà sicuramente così. Se qualcuno vuol salvarsi dietro di me, deve prendere la sua Croce, ogni giorno, e seguirmi. Altra affermazione apodittica. Che non ammette smentite.

Poco popolare questa visione? Sicuro, del resto a suo tempo le folle preferirono Barabba, perchè dovrebbero amare noi? Che oltretutto ci mostriamo spesso sviati, ovvero fuori dal sentiero antico e stretto del Vangelo?

Il Signore Gesù accresca la nostra fede. Amen.

Testo dalla Bibbia nuova Riveduta 2006
Testo dalla Bibbia nuova Riveduta 2006