Archivi categoria: Fede_Cristiana

Pensiero breve sulle… rivoluzioni!

Rivoluzione

Le rivoluzioni… un tempo un po’ ci credevo. Poi la vita, oltre che lo studio senza paraocchi della storia mi hanno fatto capire una cosa. Che le rivoluzioni alla fin fine sono tutte uguali, grandi o piccole che siano.

Parafrasando il molto profetico Orwell, partono tutte dall’idea che “Tutti gli animali sono uguali” e finiscono tutte, di riffa o di raffa, per riaffermare che “Tutti gli animali sono uguali ma alcuni sono più uguali degli altri”.

Ovvero ogni rivoluzione alla fine si rivolge, o si riavvolge, come preferite, nell’ingiustizia di partenza.

Unica rivoluzione possibile quella che possiamo fare dentro di noi, non conformandoci allo spirito di questo mondo.

Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà. (Romani 12,2)

Quale sia questa volontà, ce l’ha mostrato il Cristo. Il solo vero rivoluzionario (lo dicevano anche negli anni Settanta, ma ne sovvertivano il senso…). Non a caso finisce sulla Croce.

Abbiate coraggio

Abbiate coraggio

Una Parola che invita al coraggio della testimonianza della propria fede. Di questi tempi più che mai necessaria).

b42

Dal Vangelo secondo Giovanni (16, 29-33)

In quel tempo, dissero i discepoli a Gesù: «Ecco, ora parli apertamente e non più in modo velato. Ora sappiamo che tu sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio».
Rispose loro Gesù: «Adesso credete? Ecco, viene l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto suo e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me.
Vi ho detto questo perché abbiate pace in me. Nel mondo avete tribolazioni, ma abbiate coraggio: io ho vinto il mondo!».

Parola del Signore

Accresci la mia fede, Signore Gesù. Che io abbia il coraggio di percorrere solo la tua Via, l’unica secondo la Verità che porta alla Vita vera. Amen.

 

Sviati

Leggo ultimamente diverse riflessioni, quasi tutte dal tono pessimista, sui tempi difficili che si corrono in relazione al proprio essere credenti in Cristo. Secondo alcuni oggi in particolare si starebbe avverando quanto detto da Gesù nei primi tre versetti di questo capitolo 16 del Vangelo secondo Giovanni.

Ora, è indubbio che in questo periodo si assista ad una recrudescenza delle persecuzioni verso i cristiani (e verso gli ebrei aggiungerei), è indubbio che ci sia un fastidio verso tutti coloro che persistono nell’affidarsi più alla legge di Dio che a quella degli uomini, e che mettono sempre e comunque questa prima di quella (perchè “Bisogna ubbidire a Dio piuttosto che agli uomini“; Atti 5,29).

Però io credo che sia centrale il versetto finale, il numero 4 di questa piccolo brano, dove Gesù ci dice che queste cose ce le dice perchè ce le ricordiamo. E perchè ricordiamo che Egli è sempre con noi da quel momento, in virtù del dono di quello Spirito di cui parla subito dopo, dal versetto 5 in avanti.

Se la fede cristiana è professata con coerenza, le persecuzioni sono inevitabili, perchè la fede cristiana spinge a vivere nel mondo in un costante, continuo atteggiamento critico. I cristiani sono quelli che vivono nel mondo, ma ci vivono in modo da non esserne schiavi, come se non fossero completamente di questo mondo (vedi la magnifica Lettera a Diogneto).  I cristiani sono quelli che credono che la Croce del Figlio abbia un senso salvifico, e quindi di conseguenza le croci di ciascuno di noi vanno lette alla luce di quella. Sono quelli che credono che la Croce sia il ponte verso la Resurrezione.

Hanno perseguitato me, ci dice Gesù nel Vangelo, perseguiteranno anche voi. Non pone la domanda, afferma che sarà sicuramente così. Se qualcuno vuol salvarsi dietro di me, deve prendere la sua Croce, ogni giorno, e seguirmi. Altra affermazione apodittica. Che non ammette smentite.

Poco popolare questa visione? Sicuro, del resto a suo tempo le folle preferirono Barabba, perchè dovrebbero amare noi? Che oltretutto ci mostriamo spesso sviati, ovvero fuori dal sentiero antico e stretto del Vangelo?

Il Signore Gesù accresca la nostra fede. Amen.

Testo dalla Bibbia nuova Riveduta 2006
Testo dalla Bibbia nuova Riveduta 2006

Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014

Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014
Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014

SAN BENEDETTO AL GAZOMETRO

14 GENNAIO 2014 – MARTEDI’ PRIMA SETTIMANA TEMPO PER ANNUM

MEDITAZIONE SULLA LETTURA BREVE DELL’ORA MEDIA TERZA: GEREMIA 17,7-8

7 Benedetto l’uomo che confida nel Signore
e il Signore è la sua fiducia.
8 È come un albero piantato lungo un corso d’acqua,
verso la corrente stende le radici;
non teme quando viene il caldo,
le sue foglie rimangono verdi,
nell’anno della siccità non si dà pena,
non smette di produrre frutti.

VERSETTO 7

7 Benedetto l’uomo che confida nel Signore
e il Signore è la sua fiducia.

 

Due elementi occorrono per essere definito “Benedetto”.

Il primo è confidare nel Signore, avere fede, credere che il Signore, l’Eterno, Benedetto Egli sia!, sia la sola vera autorità sulla propria vita, sulla via che occorre percorrere nel corso di essa.
Questa fede deve essere in certo senso “assoluta”, deve comprendere tutta l’essenza di sé stessi.

Il secondo elemento: il Signore deve essere la propria fiducia. Nessuno di noi vive da solo o vive ‘in astratto’. La fiducia è la fede quale si manifesta negli aspetti concreti della vita. Nei rapporti concreti che ciascuno di noi ha con i fratelli e le sorelle che, per scelta o per provvidenza (ne fa parte anche la propria storia familiare) incontra sul proprio cammino.

Se la fede è assoluta, la fiducia richiesta è relativa, nel senso che è richiesta a ciascuno di noi in modi e tempi differenti, a seconda delle circostanze concrete che ciascuno di noi si trova a vivere.

 

VERSETTO 8

8 È come un albero piantato lungo un corso d’acqua,
verso la corrente stende le radici;
non teme quando viene il caldo,
le sue foglie rimangono verdi,
nell’anno della siccità non si dà pena,
non smette di produrre frutti.

Mi sento come quell’albero. Ho avuto dall’Eterno, Benedetto Egli sia!, il dono della fede. Ho riconosciuto sempre, nonostante il limite del mio essere peccatore, che la sua acqua era l’unica viva, l’unica in cui dovevo e volevo tener stese le mie radici. Ho sempre cercato il Signore, ho sempre cercato l’Eterno, che, Benedetto Egli sia!, come dice la Parola, si è fatto trovare.

E quelle radici si sono rinforzate, si sono irrobustite, lo hanno cercato con sempre maggior forza. E di nuovo lo hanno trovato, Egli si è lasciato trovare, e la mia vita è stata riempita completamente di quell’acqua, il giorno in cui ho ricevuto il sacramento dell’Ordine, prima per il Diaconato, il 26 ottobre 1991, poi per il Presbiterato, il 16 maggio 1992.

Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014
Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014

E’ venuto il caldo, è venuta l’estate del mio ministero. E, devo darne atto al Signore, l’acqua non mi  è mai mancata, le mie foglie erano sempre più verdi. Può sembrare un paradosso, oggi, a chi osserva la mia storia dall’esterno. Ma proprio gli ultimi due anni di esercizio pieno di ministero, il 1995 ed il 1996, sono stati fecondi di frutti come non mai.

La Scuola di Preghiera in Seminario, l’impegno come formatore nel Seminario Maggiore e quello nell’Ufficio Matrimoni del Vicariato, le scuole di preghiera e l’accompagnamento spirituale in due parrocchie della zona Nord di Roma, con gli scout della zona Prenestina, con i ritiri dei genitori e con l’USMI, assieme a Don Angelo De Donatis, in Seminario, gli incontri con le ragazze e le suore dell’Assunzione a San Basilio, la redazione dei sussidi per l’Ufficio Catechistico, la stesura e la discussione della Tesi di Dottorato in Utroque Iure…

Forse ho, abbiamo, hanno preteso troppo da me… Forse ero talmente preso dal donare l’acqua agli altri in quel periodo che non ho fatto caso a che la mia acqua si era intorbidita… Che le parole del mondo, mascherate da parole di luce, avevano ripreso ad avere effetto su di me.

Ho mancato, ne ho chiesto e ne chiedo perdono al Signore, e so che il Signore, l’Eterno, Benedetto Egli sia!, questo perdono me l’ha donato. Mi ha sempre donato tutto il Signore. Tutto quello che gli ho chiesto, ogni volta che sono stato capace di farlo con cuore sincero.

nell’anno della siccità non si dà pena,
non smette di produrre frutti.

Quanto sento vero, oggi, questo versetto. Ho avuto anni di siccità, anni di allontanamento apparente dalla Chiesa (apparente, oggi lo posso dire a ragione della rilettura di fede della mia storia personale di salvezza), ma non mi sono mai dato pena, non mi sono mai intristito. Ho continuato a ripetere senza sosta dentro di me quanto imparato in Seminario Romano: Mater mea, Fiducia mea.

Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014
Prete, padre, sposo. Meditazione del 14 gennaio 2014

Come Maria non ho mai cessato il confronto con la Parola, non ho mai cessato di serbare nel cuore ciò che essa veniva a rivelarmi anche quando lì per lì mi sembrava di non capirlo. Ho continuato a consacrare le Ore nella preghiera, a meditare e predicare le Scritture ed il Vangelo, ho avuto la gioia grandissima di diventare padre anche dal punto di vista fisico. Di generare Sara da un grembo che (ci pensavo oggi ascoltando la prima lettura della Messa, la storia di Anna) pensavo ormai sterile…

E la nascita di Sara, per il contrappasso dell’amore che opera il Signore, di cui solo il Signore è capace, è diventato il motore che mi ha spinto di nuovo, sempre di più, a considerare le mie radici, a raddrizzarne il percorso, a verificare meglio in quale acqua le affondavo, con quale intensità, con quale intento.

Così non mi sono abbattuto quando la madre di Sara mi ha fatto intendere che la nostra storia a suo dire era conclusa. Conclusa, a parte Sara!, che amo come non mai. Ed ho incontrato l’amore di Antonella, che sento radicato, come quello per Sara, in quella stessa acqua benedetta.

Così ora vivo un’apparente paradosso, un’apparente ma entusiasmante paradosso.

Il paradosso (ma non so se sia corretto definirlo tale) è che sono un prete e so di esserlo, non mi sono mai sentito tanto prete, tanto presbitero fino al midollo come ora.

Nella pur apparente caoticità delle mie giornate, specie ora che sono in cassa integrazione dal lavoro, nel continuo passaggio dalla vita e dalla casa dove abito con Antonella, alla casa ed alla scuola di Sara, al luogo di lavoro, alle diverse ‘case e chiese’ degli amici e fratelli sacerdoti (San Vigilio, San Benedetto dove sono ora, Santa Maria Stella dell’Evangelizzazione, anche il Vicariato e il Seminario), in questa apparente frenesia dentro di me sono uno, saldo, fermo nell’Uno e nel Vero.

Sono di nuovo, forse come mai ero stato prima, unito nel mio tendere con tutto mio stesso al Cristo, alla sua Parola, alla sua grazia. Dicevo a don Marco e don Fabio, che mai come ora sono fedele alle ore liturgiche della preghiera, costante nella preghiera e nella meditazione con e sulla parola, alla frequenza del sacramento della Riconciliazione. E non a caso ora sento il bisogno, è giusto chiamarlo così, di pregare nel modo più alto in cui può pregare un prete, celebrando l’Eucaristia, nel privato della mia abitazione e partecipando come e quando il lavoro e la famiglia me lo permettono, alla vita della comunità cristiana di cui faccio parte, quella della Diocesi di Roma, a cui più che mai mi sento ‘incardinato’ felice di essere incardinato nella diocesi del Vescovo di Roma, che fa della cattolicità, della universalità la sua primigenia vocazione.

———————————-

Eppure….

Ieri ero con Sara. Ho passato il pomeriggio con lei e con una sua amichetta di scuola. Ho ascoltato il racconto della scuola, l’ho guardata giocare, ho raccolto le sue confidenze, le ho preparato la cena, pregato con lei, letto una storia, accompagnata nel sonno.

E mi sento e sono, allo stesso modo, con tutto me stesso, padre di Sara. Padre biologico come nella fede, padre nell’amore.

——————————

Eppure…

Oggi nel tardo pomeriggio tornerò a casa, da Antonella, di cui sono innamorato, con cui amo dividere la vita, la quotidianità e lo speciale dell’esistenza, gioie e problemi, angosce e speranze…

E mi sento e sono il suo compagno di vita. Compagno nell’amore e nella fede.

—————————–

Sono dottore in Utroque Iure, summa cum laude per giunta, eppure trovo difficile, al di là delle formule giuridiche, definire il mio stato.

Perché da un punto di vista spirituale mi sento, oggi più che mai, anche più di quando ero in Seminario, come alunno prima e come formatore poi, in piena e completa comunione con la Chiesa Cattolica, di cui faccio parte, di cui condivido gli insegnamenti, e di cui il 16 maggio 1992 sono stato costituito ministro, ordinato presbitero.

Chi avesse dei dubbi sulla teologia del ‘carattere’ venga pure da me; quel carattere me lo sento impresso nell’animo e nel cuore, scolpito nella mente e nello spirito.

So che le norme della Chiesa, la sua Tradizione millenaria ed oltre, mi vietano l’esercizio ordinario del sacerdozio ministeriale. Ed io la Chiesa la amo, e quelle norme le rispetto, ed ami rispettarle, costi quel che mi costi.

Pure, sempre prete romano mi sento. Con la stessa evidenza e realtà con cui sono e mi sento padre di Sara e compagno di Antonella.

La cosa potrà far sorridere qualcuno, riflettere qualcun altro, ma sono state proprio Sara ed Antonella, che la provvidenza di Dio ha messo nella mia vita, a farmi riscoprire appieno le mie radici d’amore, a farmele sentire di nuovo gonfie di linfa, a farmi percepire appieno in chi ho posto la mia vita ed ogni mia speranza.

Sara ed Antonella, l’amore pieno che ho per loro, mi hanno richiamato nella forma più pura e completa il mistero di cui sono portatore.

Perché l’essere prete è prima di tutto un mistero, un mistero di amore, un amore così grande che sceglie di personificarsi nelle povere esistenze di quelli che sono gli “alter Christus”.

Felice di essere tale. Felice di essere un alter Christus. Felice di essere prete, padre, compagno.

Con la mia povertà, con il mio peccato, con le mie miserie umane ma anche con le ricchezze multiformi che mi vengono dalla Sua grazia, dallo Spirito che è stato effuso sopra di me in modo così speciale.

Con la gioia con cui ancora sento di scrivere, terminando una preghiera ed una riflessione che nella realtà termineranno solo quando il Padre, l’Eterno, Benedetto Egli sia!, mi richiamerà a sé: Mater mea, Fiducia mea.

Che cosa possiedi che tu non l’abbia ricevuto?

(1 Corinti 4,7b)

Che cosa renderò al Signore per tutti i benefici che mi ha fatto?
Alzerò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore.
Adempirò i miei voti al Signore, davanti a tutto il suo popolo.
Agli occhi del Signore è preziosa la morte dei suoi fedeli.

(Salmo 116,12-15)

La festa dell’Esaltazione della Santa Croce – alcune note

La festa dell’Esaltazione della Santa Croce – alcune note

Dal Messale Romano

La croce, già segno del più terribile fra i supplizi, è per il cristiano l’albero della vita, il talamo, il trono, l’altare della nuova alleanza. Dal Cristo, nuovo Adamo addormentato sulla croce, è scaturito il mirabile sacramento di tutta la Chiesa. La croce è il segno della signoria di Cristo su coloro che nel Battesimo sono configurati a lui nella morte e nella gloria. Nella tradizione dei Padri la croce è il segno del figlio dell’uomo che comparirà alla fine dei tempi. La festa dell’esaltazione della croce, che in Oriente è paragonata a quella della Pasqua, si collega con la dedicazione delle basiliche costantiniane costruite sul Golgota e sul sepolcro di Cristo. 

Esaltazione della Santa Croce
Esaltazione della Santa Croce

Storia della festa dell’Esaltazione della Santa Croce

La festa in onore della Croce venne celebrata la prima volta nel 335, in occasione della “Crucem” sul Golgota, e quella dell'”Anàstasis”, cioè della Risurrezione. La dedicazione avvenne il 13 dicembre.

Col termine di “esaltazione”, che traduce il greco hypsòsis, la festa passò anche in Occidente, e a partire dal secolo VII, essa voleva commemorare il recupero della preziosa reliquia fatto dall’imperatore Eraclio nel 628. Della Croce trafugata quattordici anni prima dal re persiano Cosroe Parviz, durante la conquista della Città santa, si persero definitivamente le tracce nel 1187, quando venne tolta al vescovo di Betlem che l’aveva portata nella battaglia di Hattin.

La celebrazione odierna assume un significato ben più alto del leggendario ritrovamento da parte della pia madre dell’imperatore Costantino, Elena.

La glorificazione di Cristo passa attraverso il supplizio della croce e l’antitesi sofferenza-glorificazione diventa fondamentale nella storia della Redenzione: Cristo, incarnato nella sua realtà concreta umano-divina, si sottomette volontariamente all’umiliante condizione di schiavo (la croce, dal latino “crux”, cioè tormento, era riservata agli schiavi) e l’infamante supplizio viene tramutato in gloria imperitura. Così la croce diventa il simbolo e il compendio della religione cristiana.

La stessa evangelizzazione, operata dagli apostoli, è la semplice presentazione di “Cristo crocifisso”.

Il cristiano, accettando questa verità, “è crocifisso con Cristo”, cioè deve portare quotidianamente la propria croce, sopportando ingiurie e sofferenze, come Cristo, gravato dal peso del “patibulum” (il braccio trasversale della croce, che il condannato portava sulle spalle fino al luogo del supplizio dov’era conficcato stabilmente il palo verticale), fu costretto a esporsi agli insulti della gente sulla via che conduceva al Golgota.

Le sofferenze che riproducono nel corpo mistico della Chiesa lo stato di morte di Cristo, sono un contributo alla redenzione degli uomini, e assicurano la partecipazione alla gloria del Risorto.

14 settembre, festa dell’esaltazione della Santa Croce

14 settembre, festa dell’esaltazione della Santa Croce

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 3,13-17.

Eppure nessuno è mai salito al cielo, fuorchè il Figlio dell’uomo che è disceso dal cielo. 
E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, 
perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna». 
Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. 
Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui. 

Meditazione del giorno

Omelia greca del IV secolo 
Sulla Santa Pasqua, 51, 63 ; PG 59, 743, SC 27

(ispirata da un’omelia persa di Ippolito) 

« Eppure nessuno è mai salito al cielo,
fuorché il Figlio dell’uomo che è disceso dal cielo. »

L’albero della croce è per me quello dell’eterna salvezza. Mi nutre e ne faccio la mia delizia. Metto le radici attraverso le sue radici, e attraverso i suoi rami mi estendo; la sua rugiada mi purifica e il suo soffio, come un vento delizioso, mi rende fecondo. Nella sua ombra ho piantato la mia tenda e, fuggendo i forti caldi, vi trovo una ventata di fresco. È dai suoi fiori che fiorisco e dei suoi frutti mi diletto; di questi frutti, che mi erano destinati fin dalle origini, ne gioisco senza limiti… Quando tremo davanti a Dio, quest’albero mi protegge; quando inciampo, è il mio appoggio; è il prezzo dei miei combattimenti e il trofeo delle mie vittorie. Esso è per me la strada stretta, il sentiero ripido, la scala di Giacobbe percorsa dagli angeli, in cima alla quale il Signore è veramente appoggiato (Mt 7,14; Gn 28,12).

Quest’albero dalle dimensioni celesti si è innalzato dalla terra fino ai cieli, pianta immortale fissata tra cielo e terra. Sostegno di tutte le cose, appoggio dell’universo, supporto del mondo abitato; esso abbraccia il cosmo e mette insieme i vari elementi della natura umana. È lui stesso tenuto insieme dai tasselli  invisibili dello Spirito per non vacillare nel suo adattamento al divino. Toccando con la sua cima la sommità dei cieli, rassodando la terra con i suoi piedi e circondando con le sue immense braccia gli innumerevoli spazi dell’atmosfera, è tutto in tutti e ovunque…

Stat Crux dum volvitur orbis

Ci mancava poco a che l’universo fosse annientato, preso dal terrore davanti alla Passione, se il grande Gesù non avesse infuso lo Spirito divino dicendo: «Padre, nelle tue mani consegno il mio Spirito» (Lc 23,46)…

Tutto era scosso, ma quando lo Spirito divino è risalito, l’universo, in qualche modo, è stato rianimato, vivificato, e ha ritrovato una stabilità fissa. Dio riempiva tutto ovunque e la crocefissione si estendeva attraverso tutte le cose.

Esaltazione della Santa Croce
Esaltazione della Santa Croce