Archivi categoria: Ortodossia

Il Calice del Fuoco Divino

Il Calice del Fuoco Divino

Un giorno, san Sergio sta celebrando la Divina Liturgia, ed è sorpreso nel vedere il suo discepolo Simone come paralizzato, attonito, tremante.

Dopo la Divina Liturgia, san Sergio chiede a Simone cosa gli sia accaduto.

Risponde Simone: “Sin dall’inizio ho visto un fuoco che incombeva sull’altare della protesi , poi come un turbine ha avvolto tutto l’Altare, e al momento della Comunione il fuoco si è raccolto nel Santo Calice, e noi lo abbiamo bevuto”.

San Sergio è stupito per la reazione di Simone, e gli dice:

“Figlio, perché sei così atterrito solo perché per una volta hai visto con i tuoi occhi ciò che avviene in ogni Divina Liturgia?

Lo Spirito Santo concelebra sempre con noi; il Calice eucaristico è sempre traboccante del Fuoco Divino!

IL Calice del Fuoco Divino
IL Calice del Fuoco Divino

Abbracciati a Chi ci abbraccia – La Deipara di Tolga

La Deipara di Tolga

Domani, 8 agosto, i fratelli cristiani ortodossi ricordano l’apparizione della Vergine Maria a Tolgsk (anche Tolga). Cito di seguito il fratello Giovanni Festa.

Apparsa miracolosamente al vescovo Procoro di Rostov.
Mentre si recava in visita pastorale a Yaroslav si svegliò la notte del 08 agosto 1314 e vide una luminosissima colonna di luce sulla riva del fiume Tolgsk (un tributario del Volga) che sembrava creare come un ponte tra i due fiumi; Procoro prese allora con se il suo pastorale e avvicinatosi alla sorgente di luce vide un’Icona della Deipara sospesa in aria.

Sul luogo dell’apparizione venne costruito il monastero di Tolgsk con una chiesa dedicata all’entrata nel Tempio della Madre di Dio.

La Deipara di Tolga
La Deipara di Tolga

 

La Deipara di Tolga – Una lettura

Di questo tipo iconografico mi è sempre piaciuto un particolare. Il fatto che, come in tutte le icone della Deipara, della Madre di Dio, ella sorregga il Bambino, ma questo è molto spesso rappresentato con un braccio sproporzionato, lunghissimo, che abbraccia il collo della madre  fino a spuntare dall’altra parte.

Ci ho sempre visto la grandezza infinita dell’amore di Dio per noi che, mentre si fa uomo e si affida ad una creatura, Maria, che lo concepisce, lo partorisce, lo nutre alla sue mammelle, lo tiene in braccio con tenerezza, in realtà contemporaneamente ha concepito Lui stesso Maria, come ogni altra creatura, ci ha donato Egli stesso la vita, e continua a donarcela istante dopo istante, ci nutre con le due mammelle della Parola e dell’Eucaristia, ci porta in braccio anche quando noi sembriamo rifiutarlo con tutte le nostre ridicole forze.

Il braccio di Dio è quello che cantano i Salmi, il braccio potente, il braccio che si è innalzato perchè si adempisse nel Suo Figlio Gesù ogni giustizia.

La Deipara di Tolga
La Deipara di Tolga