Archivi categoria: Quotidiano

The Butterfly Circus – Il Circo della Farfalla

The Butterfly Circus – Il video

The Butterfly Circus – L’occasione

Sara ha visto Bebe Vio in televisione, mi ha fatto tante domande, le ho parlato di Nick Vujicic (sto leggendo il suo secondo libro, “Non smettere di crederci mai“, preso dai fratelli della CLC) e le ho promesso in regalo questo meraviglioso cortometraggio. In attesa di darle il suo DVD, glielo e ve lo anticipo sul mio blog. 

Nick Vujicic

Nicholas James Vujicic (Melbourne, 4 dicembre 1982) è un predicatore e uno speaker motivazionale australiano, direttore di Life Without Limbs, un’organizzazione per i disabili. Di religione evangelico pentecostale, regolarmente tiene discorsi in tutto il mondo sulla sua fede e speranza nella persona di Gesù Cristo e su come l’abbia liberato dal peso emotivo legato alla sua disabilità. Primogenito di una famiglia serba cristiana, Nick Vujicic nacque a Melbourne, Australia con una rara malattia genetica: la tetramelia; è privo di arti, senza entrambe le braccia, e senza gambe eccetto i suoi piccoli piedi, uno dei quali ha due dita. Inizialmente, i suoi genitori rimasero scioccati per questo. La sua vita è stata piena di difficoltà. Non ha potuto frequentare la scuola tradizionale a causa del suo handicap, come la legge australiana richiede. Durante il suo periodo scolastico, la legge fu cambiata, e Nick fu uno dei primi studenti disabili a frequentare una scuola normale. Ha imparato a scrivere usando le due dita del suo “piede” sinistro, e un dispositivo speciale che si aggancia al suo grande alluce. Ha anche imparato ad usare un computer e a scrivere usando il metodo “punta tacco” (come mostra durante i suoi discorsi), lanciare palle da tennis, rispondere al telefono, radersi e versarsi un bicchiere d’acqua (anche questo mostrato nei suoi discorsi).Preso di mira dai bulli della scuola, Nick diventò estremamente depresso, ed all’età di otto anni, cominciò a pensare al suicidio. Dopo aver supplicato Dio di fargli crescere braccia e gambe, Nick comprese che le sue condizioni erano di ispirazione per molte persone, e cominciò a ringraziare Dio di essere vivo. Un punto chiave della sua vita fu quando sua madre gli mostrò un articolo di giornale che parlava di un uomo che viveva con grandi difficoltà dovute ai suoi handicap. Questo gli fece capire di non essere il solo a vivere con grandi difficoltà. Quando aveva diciassette anni, cominciò a parlare con il suo gruppo di preghiera, e finalmente cominciò la sua organizzazione non-profit, Life Without Limbs. Il 12 febbraio 2012 ha sposato Kanae Miyahara

Si può “perdere” una madre?

Un breve pensiero, riferito ad uno scambio con un collega di lavoro che si diceva dispiaciuto perchè aveva scoperto che tre anni fa era morta mia mamma.

Mi ha detto che “deve essere stato brutto perdere tua madre”. Gli ho sorriso e gli ho detto che, si, è stato duro, sopratutto il vederla improvvisamente malata, che peggiorava. Ma io non ho “perso” nessuno gli ho detto.

Mia mamma è viva nel Signore, come mio padre. Io lo credo fermamente. Credo che la nostra vita venga dall’eternità ed a questa ritorni. Credo che il nostro corpo mortale, la vita terrena, sia uno “scampolo”, un piccolo scampolo della nostra vita.

Importante però, perchè è durante questo piccolo tempo che ci è concesso, non sappiamo dove, come, con chi, non sappiamo quanto dura, non sappiamo quando finisce, che noi mostriamo al Signore, all’Eterno la nostra obbedienza ai Suoi comandi ed alla Sua Parola.

Non si perde una madre, e neppure un padre, e neppure un figlio. Perchè questo viene da Dio ed a Dio ritorna, esattamente come noi stessi.

Anzi, forse a volte la morte terrena un padre, una madre, un figlio, te li fanno ritrovare, riscoprire, nell’affetto, nel desiderio, nella mancanza di loro che magari ti sei scordato quando erano in vita…

Come ministro ordinato, ho conosciuto tante persone che, morta, rimpiangevano una umanità vicina e lontana allo stesso tempo, che in vita non cercavano, se non addirittura disprezzavano.

Il Signore assista econosli il nostro dolore terreno, e lo trasformi in gioia eterna. Amen. Alleluia.

Ti abbraccio mamma!

Babbo, ci rivediamo a Raggiolo!

 

Che impudenza gli uomini! Si illudono… – Ripensando alla mia vita

Che impudenza!

“Che impudenza, pensare che Dio ci deve aiutare ad ottenere le cose che desideriamo contro la sua Parola! Mai aiuterà con la sua benedizione quel che maledice con la bocca!”
 
Giovanni Calvino “Istituzioni della religione cristiana” III. VII. 9
Giovanni Calvino - Che impudenza!
Giovanni Calvino – Che impudenza!

Oggi ho pubblicato su Facebook questo breve pensiero del riformatore ginevrino, tratto dalla principale delle sue opere, un vero e proprio catechismo della fede cristiana.

L’ho accompagnato, questo pensiero, con una foto evocativa di una Parola di Dio che avete già visto sul Web o anche in questo blog.

Non v’illudete!

Non v’illudete: né fornicatori, né idolatri, né adùlteri, né effeminati, né sodomiti, 10 né ladri, né avari, né ubriachi, né oltraggiatori, né rapinatori erediteranno il regno di Dio.
11 E tali eravate alcuni di voi; ma siete stati lavati, siete stati santificati, siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù Cristo e mediante lo Spirito del nostro Dio.
12 Ogni cosa mi è lecita, ma non ogni cosa è utile. Ogni cosa mi è lecita, ma io non mi lascerò dominare da nulla.
13 Le vivande sono per il ventre e il ventre è per le vivande; ma Dio distruggerà queste e quello. Il corpo però non è per la fornicazione, ma è per il Signore, e il Signore è per il corpo; 14 Dio, come ha risuscitato il Signore, così risusciterà anche noi mediante la sua potenza.
15 Non sapete che i vostri corpi sono membra di Cristo? Prenderò dunque le membra di Cristo per farne membra di una prostituta? No di certo! 16 Non sapete che chi si unisce alla prostituta è un corpo solo con lei? «Poiché», Dio dice, «i due diventeranno una sola carne».
17 Ma chi si unisce al Signore è uno spirito solo con lui.
18 Fuggite la fornicazione. Ogni altro peccato che l’uomo commetta è fuori del corpo, ma il fornicatore pecca contro il proprio corpo.
19 Non sapete che il vostro corpo è il tempio dello Spirito Santo che è in voi e che avete ricevuto da Dio? Quindi non appartenete a voi stessi. 20 Poiché siete stati comprati a caro prezzo.
Glorificate dunque Dio nel vostro corpo.
(1Corinti 6:9-20)

 

Che impudenza! Non v'illudete
Che impudenza! Non v’illudete

Ripensando alla mia vita

Ripensando alla mia vita, dopo aver letto una parola di un mio conoscente che mi “rinfacciava”, diciamo così di avere avuto mia figlia Sara non dalla donna con cui sono sposato, unito in matrimonio di fronte a Dio.

Certo, ne ho fatti di errori nella mia vita, non lo nego, nè lo metto in dubbio. ma non questi di cui si parla qui nella Parola di Dio su cui sono finito a meditare.

Perchè, con l’aiuto di Dio, e con il sostegno e l’accompagnamento costante della Parola lungo la mia vita, mai ho tradito o progettato di tradire la donna di cui mi sono trovato ad essere compagno di vita. Mai ho fornicato con altre donne fuori dal rapporto di coppia, mai mi sono accompagnato ad una prostituta.

Ho accolto quell’incomparabile affidamento di parte di Dio che è la vita di mia figlia, Sara, e mai le ho messo avanti altre persone o altre cose, e se la forza di Dio continua a sostenermi, mai lo farò.

Solo Antonella, mia moglie, ho sposato di fronte al Signore, impegnandomi, anzi, impegnandoci di fronte alla Sua Parola. Ella sola amo e desidero con tutto il cuore e con tutto il mio corpo. Con tutti i doni che ho ricevuto dal Signore. E se il Signore me lo concederà spero di rimanere con lei, a lei fedele, fino all’ultimo dei miei respiri su questa terra.

Non appartengo a me stesso

Non appartengo a me stesso, lo so, ne sono consapevole. E nemmeno il mio corpo mi appartiene. Lo ho per grazia di Dio ed a Dio lo renderò quando me lo richiederà indietro.

Finchè ciò non avverrà, mi sforzerò per quanto è possibile al mio essere peccatore di glorificare Dio e Dio solo, nel mio corpo. Mantenendo gli impegni e le promesse presi con mia moglie Antonella, e le responsabilità che ho verso mia figlia Sara.

Farò del mio meglio, da bravo scout…

Che il Signore continui a donarmi il suo aiuto.

Amen. Alleluia.

Sola Scriptura, ovvero “Lo Spirito vivifica”

Lo Spirito vivifica

1 Cominciamo forse di nuovo a raccomandare noi stessi? O abbiamo bisogno, come alcuni, di lettere di raccomandazione presso di voi o da voi? 2 La nostra lettera, scritta nei nostri cuori, siete voi, lettera conosciuta e letta da tutti gli uomini; 3 è noto che voi siete una lettera di Cristo, scritta mediante il nostro servizio, scritta non con inchiostro, ma con lo Spirito del Dio vivente; non su tavole di pietra, ma su tavole che sono cuori di carne.
4 Una simile fiducia noi l’abbiamo per mezzo di Cristo presso Dio. 5 Non già che siamo da noi stessi capaci di pensare qualcosa come se venisse da noi; ma la nostra capacità viene da Dio.
6 Egli ci ha anche resi idonei a essere ministri di un nuovo patto, non di lettera, ma di Spirito; perché la lettera uccide, ma lo Spirito vivifica.

(2Corinti 3)

Lo Spirito vivifica
Lo Spirito vivifica

Ovvero il primato della Parola

Molti che si dicono credenti fraintendono il significato di questo passo. Che non sta certo a significare che occorre “interpretare” la Parola di Dio secondo lo spirito del tempo ma che, al contrario, nella Parola, che è stata incarnata dal Figlio, soffia uno Spirito immortale che è oltre ed al di fuori del tempo.

Uno Spirito immortale che ci garantisce che, obbedendo alla Parola di Dio, obbediamo al Cristo. Che vivendo l’obbedienza del Figlio al Padre, siamo a nostra volta figli e figlie nel Figlio.

Che respirando a pieni polmoni lo Spirito che soffia dal Padre e dal Figlio, che è Signore e dà la vita, Dominum et vivificantem, respiriamo l’aria che ci vivifica e ci dà salvezza.

La lettera che uccide cos’altro è se non i tentativi umani di ridurre la Parola di Dio a parole, discorsi, sapienze secondo l’uso e il costume del momento? L’abuso dell’essegesi, dell’interpretazione, del commento è lettera che uccide! Quando qualcuno si permette di dire che questa o quella parte della Parola di Dio non è stata data per me, per sè stesso, per noi, questa è lettera che uccide!

La Parola va prima di tutto amata, studiata nel senso latino del termine, amare, venerare, obbedire al proprio Maestro. E laddove non arrivi la nostra comprensione intelligente, là dovrà arrivare la nostra fede.

Amen. Alleluia!

Riconoscere la sovranità di Dio è la mia e la nostra salvezza

1 Era allora malato un certo Lazzaro di Betania, il villaggio di Maria e di Marta, sua sorella. 2 Or Maria era quella che unse di olio profumato il Signore e gli asciugò i piedi con i suoi capelli; e suo fratello Lazzaro era malato.

3 Le sorelle dunque mandarono a dire a Gesù: «Signore, ecco, colui che tu ami è malato». 4 E Gesù, udito ciò, disse: «Questa malattia non è a morte, ma per la gloria di Dio, affinché per mezzo di essa il Figlio di Dio sia glorificato».

5 Or Gesù amava Marta, sua sorella e Lazzaro. 6 Come dunque ebbe inteso che Lazzaro era malato, si trattenne ancora due giorni nel luogo dove egli era. 7 Poi disse ai suoi discepoli: «Torniamo di nuovo in Giudea».

8 I discepoli gli dissero: «Maestro, i Giudei poco fa cercavano di lapidarti e tu vai di nuovo là?». 9 Gesù rispose: «Non vi sono forse dodici ore del giorno? Se uno cammina di giorno, non inciampa, perché vede la luce di questo mondo, 10 ma se uno cammina di notte, inciampa, perché la luce non è in lui».

11 Dopo aver detto queste cose, soggiunse: «Il nostro amico Lazzaro si è addormentato, ma io vado a svegliarlo». 12 Allora i suoi discepoli dissero: «Signore, se dorme si riprenderà». 13 Or Gesù aveva parlato della sua morte, essi invece pensavano che avesse parlato del riposo del sonno. 14 Allora Gesù disse loro apertamente: «Lazzaro è morto. 15 Ed io mi rallegro per voi di non essere stato là, affinché crediate; ma andiamo da lui». 16 Allora Tommaso, detto Didimo, disse ai condiscepoli: «Andiamo anche noi a morire con lui».

17 Arrivato dunque Gesù, trovò che Lazzaro era già da quattro giorni nel sepolcro. 18 Or Betania distava da Gerusalemme circa quindici stadi. 19 E molti Giudei erano venuti da Marta e Maria per consolarle del loro fratello. 20 Marta dunque, come udì che Gesù veniva, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa.

21 Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto, 22 ma anche adesso so che tutto quello che chiederai a Dio, Dio te lo darà». 23 Gesù le disse: «Tuo fratello risusciterà». 24 Marta gli disse: «Lo so che risusciterà nella risurrezione all’ultimo giorno». 25 Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chiunque crede in me, anche se dovesse morire, vivrà. 26 E chiunque vive e crede in me, non morrà mai in eterno. Credi tu questo?». 27 Ella gli disse: «Sì, Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, che doveva venire nel mondo». 28 E, detto questo, andò a chiamare di nascosto Maria, sua sorella, dicendo: «Il Maestro è qui e ti chiama». 29 Appena udito ciò, ella si alzò in fretta e venne da lui.

30 Or Gesù non era ancora giunto nel villaggio, ma si trovava nel luogo dove Marta lo aveva incontrato. 31 Perciò i Giudei che erano in casa con lei per consolarla, vedendo Maria alzarsi in fretta e uscire, la seguirono, dicendo: «Ella se ne va al sepolcro per piangere là».

32 Appena Maria giunse al luogo in cui si trovava Gesù, e lo vide, si gettò ai suoi piedi, dicendogli: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto». 33 Gesù allora, come vide che lei e i Giudei che erano venuti con lei piangevano, fremé nello spirito e si turbò, 34 e disse: «Dove l’avete posto?». Essi gli dissero: «Signore, vieni e vedi». 35 Gesù pianse.

36 Dissero allora i Giudei: «Vedi come l’amava!». 37 Ma alcuni di loro dissero: «Non poteva costui che aprì gli occhi al cieco, far sì che questi non morisse?». 38 Perciò Gesù, fremendo di nuovo in se stesso, venne al sepolcro; or questo era una grotta davanti alla quale era stata posta una pietra. 39 Gesù disse: «Togliete via la pietra!». Marta, la sorella del morto, gli disse: «Signore, egli puzza già, poiché è morto da quattro giorni». 40 Gesù le disse: «Non ti ho detto che se credi, vedrai la gloria di Dio?». 41 Essi dunque tolsero la pietra dal luogo dove giaceva il morto.

Gesù allora, alzati in alto gli occhi, disse: «Padre, ti ringrazio che mi hai esaudito. 42 Io sapevo bene che tu mi esaudisci sempre, ma ho detto ciò per la folla che sta attorno, affinché credano che tu mi hai mandato». 43 E, detto questo, gridò a gran voce: «Lazzaro, vieni fuori!».

44 Allora il morto uscì, con le mani e i piedi legati con fasce e con la faccia avvolta in un asciugatoio. Gesù disse loro: «Scioglietelo e lasciatelo andare». 45 Allora molti dei Giudei, che erano venuti da Maria e avevano visto tutto quello che Gesù aveva fatto, credettero in lui.

(Giovanni 11,1-45)

Lazzaro, vieni fuori! (Giovanni 11,43) - Riconoscere la sovranità assoluta di Dio è la sola nostra salvezza
Lazzaro, vieni fuori! (Giovanni 11,43) – Riconoscere la sovranità assoluta di Dio è la sola nostra salvezza

Giovanni Damasceno (ca 675-749),
monaco, teologo, dottore della Chiesa
Triodo del Mattutino del Sabato di Lazzaro,
Odi 6-9

«Gesù scoppiò in pianto.
Dissero allora i giudei: Vedi come lo amava»

Essendo tu Dio vero, conoscevi, Signore, il sonno di Lazzaro e l’hai predetto ai tuoi discepoli…
Essendo nella carne, pur essendo senza limiti, vieni a Betania.
Vero uomo, piangi su Lazzaro;
Vero Dio, risusciti con la tua sola volontà, questo morto di quattro giorni.

Abbi pietà di me, Signore; tante sono le mie trasgressioni.
Sollevami dall’abisso dei mali, ti supplico.
Verso di te ho gridato, ascoltami, Dio della mia salvezza.

Piangendo sul tuo amico, nella tua compassione hai messo fine alle lacrime di Marta, e con la tua Passione volontaria, hai asciugato le lacrime su ogni volto del tuo popolo (Is 25, 8).
« Benedetto il Signore, Dio dei padri nostri » (Esd 7,27).
Custode della vita, hai chiamato un morto come se stesse dormendo. Con una parola, hai strappato il ventre degli inferi e hai risuscitato colui che si mise a cantare:
« Benedetto il Signore, Dio dei padri nostri ».

Rialza anche me, che sono strangolato dai legami dei miei peccati, affinché possa cantare: « Benedetto il Signore, Dio dei padri nostri »…

Come segno di riconoscenza, Maria ti porta, Signore, un vaso di mirra, come fosse dovuto per suo fratello (Gv 12,3), e lei ti canta nei secoli.
In quanto mortale, invochi il Padre; in quanto Dio, svegli Lazzaro.
Per questo ti cantiamo, o Cristo, nei secoli dei secoli…
Svegli Lazzaro, un morto di quattro giorni; lo fai risorgere dal sepolcro, designandolo così testimone veritiero della tua risurrezione il terzo giorno.
Cammini, piangi, parli, mio Salvatore, mostrando la tua natura umana; ma svegliando Lazzaro, riveli la tua natura divina.

In modo indicibile, Signore, mio Salvatore, secondo le tue due nature, sovranamente, hai compiuto la mia salvezza.

Io non prendo gloria dagli uomini (Giovanni 5:31-44)

Io non prendo gloria dagli uomini

 

31 «Se io rendo testimonianza di me stesso, la mia testimonianza non è vera. 32 Vi è un altro che rende testimonianza di me; e so che la testimonianza che egli rende di me è vera. 33 Voi avete mandato a interrogare Giovanni, ed egli ha reso testimonianza alla verità. 34 Io però la testimonianza non la ricevo dall’uomo, ma dico questo affinché voi siate salvati.

35 Egli era la lampada ardente e splendente e voi avete voluto per breve tempo godere alla sua luce. 36 Ma io ho una testimonianza maggiore di quella di Giovanni; perché le opere che il Padre mi ha date da compiere, quelle stesse opere che faccio, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato. 37 Il Padre che mi ha mandato, egli stesso ha reso testimonianza di me. La sua voce, voi non l’avete mai udita; il suo volto, non l’avete mai visto; 38 e la sua parola non dimora in voi, perché non credete in colui che egli ha mandato.

39 Voi investigate le Scritture, perché pensate d’aver per mezzo di esse vita eterna, ed esse sono quelle che rendono testimonianza di me; 40 eppure non volete venire a me per aver la vita!

Se credeste a Mosè credereste anche a me

 

41 Io non prendo gloria dagli uomini; 42 ma so che non avete l’amore di Dio in voi. 43 Io sono venuto nel nome del Padre mio, e voi non mi ricevete; se un altro verrà nel suo proprio nome, quello lo riceverete.

44 Come potete credere, voi che prendete gloria gli uni dagli altri e non cercate la gloria che viene da Dio solo?

45 Non crediate che io sia colui che vi accuserà davanti al Padre; c’è chi vi accusa, ed è Mosè, nel quale avete riposto la vostra speranza. 46 Infatti, se credeste a Mosè, credereste anche a me; poiché egli ha scritto di me.

47 Ma se non credete ai suoi scritti, come crederete alle mie parole?»

Io non prendo gloria dagli uomini! - Giovanni 5:31-44
Io non prendo gloria dagli uomini! – Giovanni 5:31-44

Soli Deo gloria

 

Egli non prende gloria dagli uomini. Nessun uomo, nemmeno il Battista, nemmeno, per bocca stessa di Gesù, il più grande dei nati di donna, può aggiungere il più piccolo quid alla Sua opera.

Soli Deo gloria. Amen.

La verità scomparsa dalla loro bocca

La verità scomparsa dalla loro bocca

Il testo del profeta Geremia ci descrive con un realismo ed una attualità propria di una Parola eterna, tanto il comando di Dio, ossia quanto dovremmo fare per star bene, per vivere serenamente, tanto quanto nella nostra realtà di peccatori, nella nostra realtà mondana, ci troviamo a vivere.

La Parola – Cosa comanda

23 Questo comandai loro: “Ascoltate la mia voce, e io sarò il vostro DIO e voi sarete il mio popolo; camminate in tutte le vie che vi ho comandato, perché siate felici“.

24 Ma essi non ascoltarono né prestarono orecchio, ma camminarono secondo i consigli e la caparbietà del loro cuore malvagio, e andarono indietro e non avanti.

25 Dal giorno in cui i vostri padri uscirono dal paese d’Egitto fino a quest’oggi, vi ho mandato tutti i miei servi, i profeti ogni giorno con urgenza ed insistenza. 26 Essi però non mi hanno ascoltato né hanno prestato orecchio, ma hanno indurito la loro cervice e si sono comportati peggio dei loro padri. 27 Perciò tu dirai loro tutte queste cose, ma non ti ascolteranno; li chiamerai, ma non ti risponderanno.

La Parola – L’accusa dei peccati

28 Così dirai loro: “Questa è la nazione che non ascolta la voce dell’Eterno, il suo DIO, né accetta correzione; la verità è scomparsa ed è stata eliminata dalla loro bocca“.

29 Tagliati i capelli e gettali via, e intona sulle alture un lamento, perché l’Eterno ha rigettato e abbandonato la generazione della sua ira. 30 I figli di Giuda hanno fatto ciò che è male ai miei occhi», dice l’Eterno.

«Hanno collocato le loro abominazioni nel tempio in cui è invocato il mio nome, per contaminarlo. 31 Hanno edificato gli alti luoghi di Tofet, che è nella valle del figlio di Hinnom, per bruciare nel fuoco i loro figli e le loro figlie, cosa che non avevo comandato e che non mi era mai venuta in mente.

32 Perciò ecco, vengono i giorni», dice l’Eterno, «nei quali non si chiamerà più “Tofet” né “la Valle del figlio di Hinnom”, ma “la Valle del massacro”, e si seppelliranno i morti in Tofet, perché non ci sarà spazio altrove. 33 I cadaveri di questo popolo diverranno così pasto per gli uccelli del cielo e per le bestie della terra, e nessuno li spaventerà. 34 Farò cessare nelle città di Giuda e nelle vie di Gerusalemme le grida di allegrezza e le grida di gioia, la voce dello sposo e la voce della sposa, perché il paese diventerà una desolazione».

(Geremia 7)

Geremia 7:28 La verità scomparsa dalla loro bocca
Geremia 7:28 La verità scomparsa dalla loro bocca

Il comando di Dio

Il comando di Dio è semplice, lapidario. Ascoltate la mia voce,… camminate in tutte le vie che vi ho comandato…

Ovvero ascoltate la mia Parola, rivelata nella Scrittura, profetizzata da uomini coraggiosi come Geremia, incarnata alla fine nel mio Figlio prediletto.

Camminate in tutte le vie che vi ho comandato, ovvero non lasciate il sentiero antico della fedeltà alla Bibbia, per prestare fede a mille vie e nuovi Evangeli che non faranno altri che portarvi alla distruzione, alla valle del massacro.

I luoghi del tradimento

Anche i luoghi del tradimento indicati nel brano di Geremia 7 sono significativi per i nostri tempi. Si tratta dei luoghi dove gli uomini celebrano le loro abominazioni, e del Tofet, dove sacrificano i loro figli.

Significativi. Si tratta dei luoghi dove gli uomini annullano, meglio, credono di annullare il loro essere maschi o femmini per compiere atti che sono contro la loro natura e contro la Parola di Dio. Luoghi significativi, badate, non perchè si parla di sesso e noi, fedeli alla Parola di Dio, siamo fissati con il sesso!, ma perchè si parla del corpo, della nostra verità più intima, di quella dove è più intimamente contenuto il nostro essere immagine di Dio, incompiuta. Incompiuta in noi, ma compiuta nel Cristo, nel Figlio, per chi sa essergli fedele, secondo quanto Egli stesso ha stabilito per ognuno di noi.

E si tratta poi dei nostri figli, comprati, venduti, sfruttati, ridotti ad oggetto ed a mercanzia, considerati un nostro diritto anzichè un dono di Dio.

L’ambiente umano tradito

Facciamo attenzione, perchè si sta compiendo con i nostri figli lo stesso comportamento peccaminoso già avuto con la Creazione, con l’ambiente, di cui tanti a sproposito si riempiono la bocca. Prima abbiamo ridotto a merce quello, lo abbiamo sfruttato, compromesso, rovinato.

E’ di pochi giorni fa la notizia della morte della barriera corallina certificata dai biologi. Molto significativa, come lo scioglimento dei ghiacci perenni, la sparizione di specie animali e vegetali. In virtù di un equilibrio spezzato dai nostri stolidi miti della crescita, del progresso, delle scienze, umane e non, che pretenderebbero di spiegarci chi siamo e dove andiamo.

Dopo l’ambiente, che abbiamo creduto nostro di cui ci siamo ritenuti padroni, anzichè quello che siamo, semplici custodi, ora stiamo compiendo le stesse scellerate scelte con quelle che crediamo le nostre nuove generazioni, ma di cui siamo semplici responsabili, perchè, lo ripeto, sono un dono che ci è affidato per aiutarli, e non un bene cui abbiamo diritto!

Chi siamo?

Chi siamo?

Siamo immagine di Dio, maschio o femmina, creati, disobbedienti all’Eterno fin dal principio, redenti dal Suo Figlio, dalla Sua Parola, dal Suo Verbo Incarnato. Ma la verità su quel che siamo sembra scomparsa dai nostri orizzonti.

Dove andiamo?

Andiamo dove Egli ha stabilito. I giusti, ovvero coloro che osservano la Sua Parola, alla salvezza eterna. E gli empi, ovvero coloro che della Sua Parola se ne fanno beffe, in tutto o in parte, all’eterna dannazione, verso la valle del massacro. Ma la verità su dove andiamo, sulla Via che è una, e solo quella, sembra scomparsa dalle nostre scelte quotidiane.

Così andiamo verso un massacro che già si sta profilando, sotto i nostri disattenti occhi, troppo concentrati su quel microcosmo che è la nostra vita terrena, del tutto distratti dal luogo eterno da dove veniamo e dove siamo, tutti, nessuno escluso!, di nuovo diretti.

Ascoltiamo di nuovo la verità scomparsa.

Ascoltate la mia voce, e io sarò il vostro DIO e voi sarete il mio popolo; camminate in tutte le vie che vi ho comandato, perché siate felici“.

“Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me”.

Papà, il 19 marzo. la festa, il diritto del bambino

19 marzo, festa del papà… ma non dappertutto

Ieri, 19 marzo, nei paesi di tradizione cattolica si è celebrata la cosiddetta “festa del papà“.
Nella maggioranza dei paesi di tradizione anglosassone il Father’s Day viene celebrato invece la terza domenica del mese di giugno con le motivazioni che potete leggere in questo articolo.

Perchè nei paesi di tradizione cattolica si è scelta la data del 19 marzo è facile da capire. Perchè nella tradizione cattolica il 19 marzo è il giorno in cui si commemora come Santo Giuseppe, il padre putativo di Gesù (per chi fosse interessato Giuseppe è venerato come santo anche nella chiesa ortodossa ed è commemorato come sposo di Maria e padre putativo del Signore Gesù nella chiesa riformata di tradizione luterana).

Vi segnalo un articolo scritto e letto di recente che parla diffusamente del culto di Giuseppe riportando anche diverse notizie curiose (tipo il perchè si mangiano i bignè e le zeppole! Voi lo sapete?).

19 marzo, festa del papà putativo!

E qui le cose si complicano. Perchè putativo?

Perchè Gesù è il Figlio di Dio, Padre, e lo è fin dall’eternità.

La figura del padre putativo Giuseppe è misteriosamente scelta per rendere possibile al bambino Gesù una crescita il più possibile tranquilla, in una famiglia naturale, con madre e padre come tutte le famiglie naturali umane.

In un certo senso putativo  significa sia che Giuseppe era creduto, re-putato il padre naturale di Gesù, sia che Giuseppe proteggeva la re-putazione di Maria, che evitava così a quest’ultima l’etichetta, spiacevole anche a quei tempi, di ragazza madre.

Giacchè non era facile per nessuno credere al concepimento di una vergine per opera dello Spirito Santo. Nemmeno ora lo è, figuriamoci allora.

 

19 marzo, e chi il papà non ce l’ha?

Oggi pare essere un problema.

In questi tempi di politicamente corretto, tutto pare fare problema.

Nella mia classe elementare c’era un bambino che il papà non lo aveva, non sapeva nemmeno chi fosse. Un figlio di ragazza madre.

Molto semplicemente la nostra maestra, d’accordo ed in sintonia con la mamma del mio compagno (oggi molto più spesso di prima si vedono conflitti tra genitori e maestri che raramente avevano a verificarsi quando ero piccolo io) gli proponeva di fare comunque il lavoro, sia come prova delle sue abilità manuali e pratiche, come erano definite in pagella, sia per regalarlo, se non ricordo male, al nonno materno, che era per lui la figura maschile più significativa della famiglia cosiddetta allargata.

Non ricordo alcuna tensione o problema. Giacchè la maestra come la mamma cercavano il bene del bambino, e nient’altro.

19 marzo, e chi di papà ne ha due?!?

Oggi sembra che occorra affrontare anche questa problematica, praticamente inesistente ai tempi di quando ero bambino. E di fatto estremamente rara anche ora, anche se i media e le loro campagne ne parlano con una tale frequenza da farla sembrare quasi una emergenza nazionale.

Occorre precisare l’ovvio. Che non esiste in natura un bambino che abbia due padri dal punto di vista biologico (come del resto due madri).

Il padre biologico è uno ed uno solo può essere.
La madre biologica è una ed una sola può essere.

Parlo qui anche della madri, così mi risparmio di scrivere un altro post a maggio!

Si fa ovviamente riferimento ai bambini che crescono in coppie di partner dello stesso sesso.

La questione del festeggiare a scuola o altrove la festa del papà (per i bambini che crescono in una coppia formata da due donne, di cui una sola può essere la madre biologica, ma a volte non c’è) e la festa della mamma (per i bambini che crescono in una coppia formata da due uomini, di cui uno soltanto può essere il padre biologico, ma quasi sempre non c’è) si può ovviamente risolvere nello stesso modo con cui lo risolveva la mia maestra quarant’anni fa.

Con la massima attenzione al benessere del bambino.

19 marzo, chi ha colpa di che?

Il bambino non ha nessuna colpa della situazione in  cui si trova per responsabilità degli adulti che lo crescono, siano i suoi genitori naturali, o adottivi, o putativi o che so io.

Nel caso del mio compagno di classe, la colpa del possibile disagio del bambino a mio avviso era dell’egoismo del padre che aveva lasciato da sola la madre ad occuparsi del figlio.

Nel caso delle coppie dello stesso sesso, la colpa del possibile disagio del bambino a mio avviso è dell’egoismo di entrambi i componenti della coppia che, al di là dell’affetto e dell’amore sincero che hanno per i bambini che crescono con loro, li hanno esposti comunque a vivere una situazione di questo tipo.

Checchè ne dicano le sentenze più o meno creative di chi è giudice in terra, per me, credente in una Legge di Dio che è prima e sopra a tutte le altre, il bambino ha diritto a crescere nella situazione più naturale possibile, con un padre ed una madre. Tutti hanno il diritto teorico, non tutti hanno la possibilità concreta di farlo ovviamente.

Poi certo, esistono dei papà o delle madri secondo natura, che quasi quasi sarebbe meglio non avere, così come esistono dei genitori di coppie dello stesso sesso infinitamente più validi e premurosi sotto tanti o tutti i punti di vista.

Grande è il peccato, dice la Scrittura, ma infinitamente più grande e la grazia. E spesso dove abbonda l’uno, sovrabbonda l’altra.

19 marzo, ma serve proprio la festa del papà?

In realtà no. Non serve un giorno “consacrato” al padre, come non serve un giorno “dedicato” alla madre.

Serve, o meglio, fa comodo che ci sia questo tipo di ricorrenza al commercio ed alla pubblicità di ogni genere di mercanzia (quest’anno per i papà andavano particolarmente forte gli smartphone e i gadget tecnologici; i bignè e le zeppole vanno forte comunque pure senza pubblicità!).

Non serve un giorno consacrato al papà o alla mamma!

Servono dei papà, dei padri e delle madri, consacrati ai figli!

Servono dei padri e delle madri responsabili, che vivano il dono della paternità e della maternità, che non tutti hanno o possono avere, per i motivi più diversi.

Servono dei padri e delle madri che donino tutto se stessi (e non le briciole del loro tempo e dei loro desideri o piaceri personali, o tutte le cose ed i beni che possono) ai figli che il Signore ha loro donato.

Che non sono i ‘loro’ figli, ma che sono i figli che sono stati loro donati. Il nodo vero forse è proprio capire questo concetto…

19 marzo Giuseppe padre putativo
19 marzo Giuseppe padre putativo

Il cuore di Nehemia – Devotional della settimana

Il cuore di Nehemia – Devotional della settimana

A cura del fratello pastore Elpidio Pezzella che come sempre ringrazio. 

Il cuore di Nehemia - Devotional della settimana
Il cuore di Nehemia – Devotional della settimana

Settimana 12

20 – 26 marzo

Il cuore di Nehemia

«Quando udii queste parole, mi misi seduto, piansi, e per molti giorni fui in grande tristezza. Digiunai e pregai davanti al Dio del cielo». Nehemia 1:4

Alla corte persiana, nel castello di Susa, al servizio del Re, Nehemia, seppur deportato, ha trovato la sua dimensione. Rispetto a tanti altri ha una posizione di prestigio e quanto accade a Gerusalemme è lontano circa duemila chilometri. Eppure quando arriva una delegazione da Giuda e lo informa dello stato delle cose la sua reazione ci dice dov’era il suo cuore. I giudei sono freddi latori della condizione, di cui restano spettatori, incapaci di porvi rimedio. Nehemia invece sente il dolore del suo paese, la sofferenza dei suoi fratelli e non si volta altrove. La sua prima azione è implorare l’intervento divino e di rendersi pronto a fare qualcosa. Chi ha cuore il popolo di Dio non resta impassibile. Dopo aver bussato al trono di Dio si prepara al viaggio, lasciando quel che ha per amore. Nehemia non cela la tristezza del suo animo al re Artaserse, che acconsente alla sua partenza. Ancora oggi il Dio di Israele è alla ricerca di uomini e donne in grado di sentire le sofferenze del popolo e pronti a mettersi a lavorare alla ricostruzione. Anche se incontrerai ostacoli o difficoltà, non desistere.

La storia di Nehemia

Neemia significa “consolazione”. Egli viveva alla corte persiana nella città di Susa, rivestendo un incarico molto importante: era coppiere del Re. Dopo la conquista di Gerusalemme da parte di Nabucodonosor nel 597 a.C., parecchie migliaia di Israeliti erano stati deportati a Babilonia e in altre città della Mesopotamia. L’impero babilonese crollò definitivamente, ad opera dei Persiani, nel 539 a.C. Il re persiano Ciro si dimostrò indulgente verso i popoli sottomessi e gli Ebrei, che con il precedente regime erano stati costretti a lasciare la propria terra, poterono tornare in patria. Zorobabele, discendente del re Davide, guidò il primo gruppo di Ebrei a Gerusalemme e diede inizio alla costruzione del tempio. Circa sessant’anni dopo la costruzione del tempio, per ordine del re Artaserse, un secondo gruppo tornò sotto la guida di Esdra, uno scriba esperto nelle Sacre Scritture. L’incarico affidato a Esdra era di trasportare a Gerusalemme gli utensili per il servizio nel tempio e informarsi sulle condizioni di vita degli Ebrei già rientrati nel paese all’epoca di Zorobabele. Dodici anni dopo la spedizione di Esdra, Neemia ricevette il permesso da Artaserse di recarsi a Gerusalemme per ricostruirne le mura. Il libro di Neemia in origine era tutt’uno con il libro di Esdra, la versione del LXX li ha divisi.

Lettura della Bibbia

20 marzo Giudici 18-20;Tito 3; Filemone 1

21 marzo Giudici 21; Ruth 1-2; Ebrei 1-2

22 marzo Ruth 3-4; 1Samuele 1; Ebrei 3-4

23 marzo 1Samuele 2-4; Ebrei 5-6

24 marzo 1Samuele 5-7; Ebrei 8-8

25 marzo 1Samuele 8-10; Ebrei 9-10

26 marzo 1Samuele 11-13; Ebrei 11-12

Buon giorno nel Signore!

Buon giorno nel Signore!

Buon giorno nel Signore! Da un po’ di tempo ogni mia giornata sui social comincia con il riportare un brano della Parola di Dio, seguita da questo augurio.

salmi 73:26 Buon giorno nel Signore!

Un augurio che ha questa forma tutta la settimana, che nel giorno primo ed ultimo, nella domenica, diventa Buon Giorno del Signore. Con la maiuscola e con il “del”, ad indicare che come uomo e come cristiano riconoscono all’Eterno la signoria assoluta sul mio tempo, su ciò che sono e suquello che faccio.

La differenziazione, sia chiaro, serve solo a me come uomo e a chi mi legge. Perchè nella realtà, ogni millisecondo va vissuto “nel Signore”, ed ogni millisecondo è proprietà e dono “del” Signore.

Ma noi siamo creature, viviamo nel tempo, ed abbiamo bisogno di scandirlo e di differenziarlo.

La sveglia del corpo

Oggi come quasi sempre mi sono alzato verso le cinque del mattino, e come prima cosa ho ringraziato l’Eterno per il dono del nuovo giorno.

Signore apri le mie labbra, e la mia bocca proclami la Tua lode.

Poi mi sono preso cura del tempio di Dio che è il mio corpo, l’ho lavato e nutrito e di nuovo la mia attenzione si è rivolta al Signore per la Lode del mattino. Varia a volte la forma di questa, ma che non manchi mai, Sgnore. Che la mia fede non venga mai meno, o Eterno.

La fede

La fede è un dono di Dio, forse il dono di cui con più frequenza i credenti si dimenticano, che danno per scontato. Con gravi rischi per loro e per chi è affidato alle loro attenzioni.

Mi torna in mente il Vangelo di Luca, le parole che Gesù rivolge a Pietro nel capitolo 22 (vv.ss. 31-32):

«Simone, Simone, ecco, Satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano. Ma io ho pregato per te, affinché la tua fede non venga meno; e tu, quando sarai ritornato, conferma i tuoi fratelli».

Il versetto del giorno

Il versetto del giorno è ripreso dai Salmi, al numero 73, versetto 26.

E mi richiama, e ci richiama ad osservare la caducità delle nostre vite, della nostra esistenza terrena.

La mia carne e il mio cuore possono venir meno, ma Dio è la rocca del mio cuore e la mia parte di eredità, in eterno.

La carne può venir meno, la vita terrena può venir meno, anche in questo istante, mentre io scrivo e mentre tu leggi.

Può venir meno il cuore, che leggo come la fede, il dono della consapevolezza che c’è Dio, che c’è l’Eterno al centro della nostra esistenza, che Egli ne è la ragione ultima, la sola ragione, la sola Via, Verità e Vita.

La memoria del giorno e di ogni giorno

Perciò è opportuno fare memoria ogni mattina, al primo respiro, che è Dio la rocca del mio e del tuo cuore, che è Dio la sola forte rocca della mia e della tua vita, e della vita di ogni uomo e di ogni donna, anche di chi non lo conosce tramite il Figlio, perchè questo non gli è stato ancora annunciato.

Dio è la forte rocca, la sola torre da cui osservare l’universo che ci circonda, il solo mastio che ci protegge con efficacia dagli attacchi del maligno e del principe di questo mondo.

Dio è la mia, la nostra fonte di eredità, attraverso l’eredità del Figlio, perchè la grazia e la salvezza ci sono venute tramite Lui, la Sua Incarnazione, la Sua Passione, Morte e Resurrezione, e il dono dello Spirito Santo che ha pervaso le nostre anime e reso tempio del Signore i nostri corpi.

E si torna al corpo, si torna all’inizio di questo post. Perchè corpo siamo anzitutto in questo mondo. Carne e sangue siamo. E nella carne e sangue del Cristo, nel Corpo e Sangue del Signore è la nostra salvezza.

Al risveglio, perciò, e per l’intera giornata, prepariamoci a combattere, spiritualmente, per la gloria di Dio, solo per la Sua Gloria,  saldi, avendo ai lombi la cintura della verità, rivestiti con la corazza della giustizia,  e avendo i piedi calzati con la prontezza dell’evangelo della pace.

Tagliamo via il mondo e le sue menzogne
con la spada della Parola di Dio,
e preghiamo, preghiamo in ogni tempo ed in ogni modo
il nostro Unico Signore. 

Amen.

10 Del resto, fratelli miei, fortificatevi nel Signore e nella forza della sua potenza.

11 Rivestitevi dell’intera armatura di Dio per poter rimanere ritti e saldi contro le insidie del diavolo, 12 poiché il nostro combattimento non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potestà, contro i dominatori del mondo di tenebre di questa età, contro gli spiriti malvagi nei luoghi celesti.

13 Perciò prendete l’intera armatura di Dio, affinché possiate resistere nel giorno malvagio e restare ritti in piedi dopo aver compiuto ogni cosa.

14 State dunque saldi, avendo ai lombi la cintura della verità, rivestiti con la corazza della giustizia, 15 e avendo i piedi calzati con la prontezza dell’evangelo della pace, 16 soprattutto prendendo lo scudo della fede, con il quale potete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno.

17 Prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio, 18 pregando in ogni tempo con ogni sorta di preghiera e di supplica nello Spirito, vegliando a questo scopo con ogni perseveranza e preghiera per tutti i santi, 19 e anche per me affinché, quando apro la mia bocca, mi sia dato di esprimermi con franchezza per far conoscere il mistero dell’evangelo, 20 per il quale sono ambasciatore in catene, affinché lo possa annunziare con franchezza, come è mio dovere fare.

(Efesini 6)

Buon giorno nel Signore! A ciascuno ed a ciascuna di voi!