Archivi categoria: Quotidiano

Papà, il 19 marzo. la festa, il diritto del bambino

19 marzo, festa del papà… ma non dappertutto

Ieri, 19 marzo, nei paesi di tradizione cattolica si è celebrata la cosiddetta “festa del papà“.
Nella maggioranza dei paesi di tradizione anglosassone il Father’s Day viene celebrato invece la terza domenica del mese di giugno con le motivazioni che potete leggere in questo articolo.

Perchè nei paesi di tradizione cattolica si è scelta la data del 19 marzo è facile da capire. Perchè nella tradizione cattolica il 19 marzo è il giorno in cui si commemora come Santo Giuseppe, il padre putativo di Gesù (per chi fosse interessato Giuseppe è venerato come santo anche nella chiesa ortodossa ed è commemorato come sposo di Maria e padre putativo del Signore Gesù nella chiesa riformata di tradizione luterana).

Vi segnalo un articolo scritto e letto di recente che parla diffusamente del culto di Giuseppe riportando anche diverse notizie curiose (tipo il perchè si mangiano i bignè e le zeppole! Voi lo sapete?).

19 marzo, festa del papà putativo!

E qui le cose si complicano. Perchè putativo?

Perchè Gesù è il Figlio di Dio, Padre, e lo è fin dall’eternità.

La figura del padre putativo Giuseppe è misteriosamente scelta per rendere possibile al bambino Gesù una crescita il più possibile tranquilla, in una famiglia naturale, con madre e padre come tutte le famiglie naturali umane.

In un certo senso putativo  significa sia che Giuseppe era creduto, re-putato il padre naturale di Gesù, sia che Giuseppe proteggeva la re-putazione di Maria, che evitava così a quest’ultima l’etichetta, spiacevole anche a quei tempi, di ragazza madre.

Giacchè non era facile per nessuno credere al concepimento di una vergine per opera dello Spirito Santo. Nemmeno ora lo è, figuriamoci allora.

 

19 marzo, e chi il papà non ce l’ha?

Oggi pare essere un problema.

In questi tempi di politicamente corretto, tutto pare fare problema.

Nella mia classe elementare c’era un bambino che il papà non lo aveva, non sapeva nemmeno chi fosse. Un figlio di ragazza madre.

Molto semplicemente la nostra maestra, d’accordo ed in sintonia con la mamma del mio compagno (oggi molto più spesso di prima si vedono conflitti tra genitori e maestri che raramente avevano a verificarsi quando ero piccolo io) gli proponeva di fare comunque il lavoro, sia come prova delle sue abilità manuali e pratiche, come erano definite in pagella, sia per regalarlo, se non ricordo male, al nonno materno, che era per lui la figura maschile più significativa della famiglia cosiddetta allargata.

Non ricordo alcuna tensione o problema. Giacchè la maestra come la mamma cercavano il bene del bambino, e nient’altro.

19 marzo, e chi di papà ne ha due?!?

Oggi sembra che occorra affrontare anche questa problematica, praticamente inesistente ai tempi di quando ero bambino. E di fatto estremamente rara anche ora, anche se i media e le loro campagne ne parlano con una tale frequenza da farla sembrare quasi una emergenza nazionale.

Occorre precisare l’ovvio. Che non esiste in natura un bambino che abbia due padri dal punto di vista biologico (come del resto due madri).

Il padre biologico è uno ed uno solo può essere.
La madre biologica è una ed una sola può essere.

Parlo qui anche della madri, così mi risparmio di scrivere un altro post a maggio!

Si fa ovviamente riferimento ai bambini che crescono in coppie di partner dello stesso sesso.

La questione del festeggiare a scuola o altrove la festa del papà (per i bambini che crescono in una coppia formata da due donne, di cui una sola può essere la madre biologica, ma a volte non c’è) e la festa della mamma (per i bambini che crescono in una coppia formata da due uomini, di cui uno soltanto può essere il padre biologico, ma quasi sempre non c’è) si può ovviamente risolvere nello stesso modo con cui lo risolveva la mia maestra quarant’anni fa.

Con la massima attenzione al benessere del bambino.

19 marzo, chi ha colpa di che?

Il bambino non ha nessuna colpa della situazione in  cui si trova per responsabilità degli adulti che lo crescono, siano i suoi genitori naturali, o adottivi, o putativi o che so io.

Nel caso del mio compagno di classe, la colpa del possibile disagio del bambino a mio avviso era dell’egoismo del padre che aveva lasciato da sola la madre ad occuparsi del figlio.

Nel caso delle coppie dello stesso sesso, la colpa del possibile disagio del bambino a mio avviso è dell’egoismo di entrambi i componenti della coppia che, al di là dell’affetto e dell’amore sincero che hanno per i bambini che crescono con loro, li hanno esposti comunque a vivere una situazione di questo tipo.

Checchè ne dicano le sentenze più o meno creative di chi è giudice in terra, per me, credente in una Legge di Dio che è prima e sopra a tutte le altre, il bambino ha diritto a crescere nella situazione più naturale possibile, con un padre ed una madre. Tutti hanno il diritto teorico, non tutti hanno la possibilità concreta di farlo ovviamente.

Poi certo, esistono dei papà o delle madri secondo natura, che quasi quasi sarebbe meglio non avere, così come esistono dei genitori di coppie dello stesso sesso infinitamente più validi e premurosi sotto tanti o tutti i punti di vista.

Grande è il peccato, dice la Scrittura, ma infinitamente più grande e la grazia. E spesso dove abbonda l’uno, sovrabbonda l’altra.

19 marzo, ma serve proprio la festa del papà?

In realtà no. Non serve un giorno “consacrato” al padre, come non serve un giorno “dedicato” alla madre.

Serve, o meglio, fa comodo che ci sia questo tipo di ricorrenza al commercio ed alla pubblicità di ogni genere di mercanzia (quest’anno per i papà andavano particolarmente forte gli smartphone e i gadget tecnologici; i bignè e le zeppole vanno forte comunque pure senza pubblicità!).

Non serve un giorno consacrato al papà o alla mamma!

Servono dei papà, dei padri e delle madri, consacrati ai figli!

Servono dei padri e delle madri responsabili, che vivano il dono della paternità e della maternità, che non tutti hanno o possono avere, per i motivi più diversi.

Servono dei padri e delle madri che donino tutto se stessi (e non le briciole del loro tempo e dei loro desideri o piaceri personali, o tutte le cose ed i beni che possono) ai figli che il Signore ha loro donato.

Che non sono i ‘loro’ figli, ma che sono i figli che sono stati loro donati. Il nodo vero forse è proprio capire questo concetto…

19 marzo Giuseppe padre putativo
19 marzo Giuseppe padre putativo

Il cuore di Nehemia – Devotional della settimana

Il cuore di Nehemia – Devotional della settimana

A cura del fratello pastore Elpidio Pezzella che come sempre ringrazio. 

Il cuore di Nehemia - Devotional della settimana
Il cuore di Nehemia – Devotional della settimana

Settimana 12

20 – 26 marzo

Il cuore di Nehemia

«Quando udii queste parole, mi misi seduto, piansi, e per molti giorni fui in grande tristezza. Digiunai e pregai davanti al Dio del cielo». Nehemia 1:4

Alla corte persiana, nel castello di Susa, al servizio del Re, Nehemia, seppur deportato, ha trovato la sua dimensione. Rispetto a tanti altri ha una posizione di prestigio e quanto accade a Gerusalemme è lontano circa duemila chilometri. Eppure quando arriva una delegazione da Giuda e lo informa dello stato delle cose la sua reazione ci dice dov’era il suo cuore. I giudei sono freddi latori della condizione, di cui restano spettatori, incapaci di porvi rimedio. Nehemia invece sente il dolore del suo paese, la sofferenza dei suoi fratelli e non si volta altrove. La sua prima azione è implorare l’intervento divino e di rendersi pronto a fare qualcosa. Chi ha cuore il popolo di Dio non resta impassibile. Dopo aver bussato al trono di Dio si prepara al viaggio, lasciando quel che ha per amore. Nehemia non cela la tristezza del suo animo al re Artaserse, che acconsente alla sua partenza. Ancora oggi il Dio di Israele è alla ricerca di uomini e donne in grado di sentire le sofferenze del popolo e pronti a mettersi a lavorare alla ricostruzione. Anche se incontrerai ostacoli o difficoltà, non desistere.

La storia di Nehemia

Neemia significa “consolazione”. Egli viveva alla corte persiana nella città di Susa, rivestendo un incarico molto importante: era coppiere del Re. Dopo la conquista di Gerusalemme da parte di Nabucodonosor nel 597 a.C., parecchie migliaia di Israeliti erano stati deportati a Babilonia e in altre città della Mesopotamia. L’impero babilonese crollò definitivamente, ad opera dei Persiani, nel 539 a.C. Il re persiano Ciro si dimostrò indulgente verso i popoli sottomessi e gli Ebrei, che con il precedente regime erano stati costretti a lasciare la propria terra, poterono tornare in patria. Zorobabele, discendente del re Davide, guidò il primo gruppo di Ebrei a Gerusalemme e diede inizio alla costruzione del tempio. Circa sessant’anni dopo la costruzione del tempio, per ordine del re Artaserse, un secondo gruppo tornò sotto la guida di Esdra, uno scriba esperto nelle Sacre Scritture. L’incarico affidato a Esdra era di trasportare a Gerusalemme gli utensili per il servizio nel tempio e informarsi sulle condizioni di vita degli Ebrei già rientrati nel paese all’epoca di Zorobabele. Dodici anni dopo la spedizione di Esdra, Neemia ricevette il permesso da Artaserse di recarsi a Gerusalemme per ricostruirne le mura. Il libro di Neemia in origine era tutt’uno con il libro di Esdra, la versione del LXX li ha divisi.

Lettura della Bibbia

20 marzo Giudici 18-20;Tito 3; Filemone 1

21 marzo Giudici 21; Ruth 1-2; Ebrei 1-2

22 marzo Ruth 3-4; 1Samuele 1; Ebrei 3-4

23 marzo 1Samuele 2-4; Ebrei 5-6

24 marzo 1Samuele 5-7; Ebrei 8-8

25 marzo 1Samuele 8-10; Ebrei 9-10

26 marzo 1Samuele 11-13; Ebrei 11-12

Buon giorno nel Signore!

Buon giorno nel Signore!

Buon giorno nel Signore! Da un po’ di tempo ogni mia giornata sui social comincia con il riportare un brano della Parola di Dio, seguita da questo augurio.

salmi 73:26 Buon giorno nel Signore!

Un augurio che ha questa forma tutta la settimana, che nel giorno primo ed ultimo, nella domenica, diventa Buon Giorno del Signore. Con la maiuscola e con il “del”, ad indicare che come uomo e come cristiano riconoscono all’Eterno la signoria assoluta sul mio tempo, su ciò che sono e suquello che faccio.

La differenziazione, sia chiaro, serve solo a me come uomo e a chi mi legge. Perchè nella realtà, ogni millisecondo va vissuto “nel Signore”, ed ogni millisecondo è proprietà e dono “del” Signore.

Ma noi siamo creature, viviamo nel tempo, ed abbiamo bisogno di scandirlo e di differenziarlo.

La sveglia del corpo

Oggi come quasi sempre mi sono alzato verso le cinque del mattino, e come prima cosa ho ringraziato l’Eterno per il dono del nuovo giorno.

Signore apri le mie labbra, e la mia bocca proclami la Tua lode.

Poi mi sono preso cura del tempio di Dio che è il mio corpo, l’ho lavato e nutrito e di nuovo la mia attenzione si è rivolta al Signore per la Lode del mattino. Varia a volte la forma di questa, ma che non manchi mai, Sgnore. Che la mia fede non venga mai meno, o Eterno.

La fede

La fede è un dono di Dio, forse il dono di cui con più frequenza i credenti si dimenticano, che danno per scontato. Con gravi rischi per loro e per chi è affidato alle loro attenzioni.

Mi torna in mente il Vangelo di Luca, le parole che Gesù rivolge a Pietro nel capitolo 22 (vv.ss. 31-32):

«Simone, Simone, ecco, Satana ha chiesto di vagliarvi come si vaglia il grano. Ma io ho pregato per te, affinché la tua fede non venga meno; e tu, quando sarai ritornato, conferma i tuoi fratelli».

Il versetto del giorno

Il versetto del giorno è ripreso dai Salmi, al numero 73, versetto 26.

E mi richiama, e ci richiama ad osservare la caducità delle nostre vite, della nostra esistenza terrena.

La mia carne e il mio cuore possono venir meno, ma Dio è la rocca del mio cuore e la mia parte di eredità, in eterno.

La carne può venir meno, la vita terrena può venir meno, anche in questo istante, mentre io scrivo e mentre tu leggi.

Può venir meno il cuore, che leggo come la fede, il dono della consapevolezza che c’è Dio, che c’è l’Eterno al centro della nostra esistenza, che Egli ne è la ragione ultima, la sola ragione, la sola Via, Verità e Vita.

La memoria del giorno e di ogni giorno

Perciò è opportuno fare memoria ogni mattina, al primo respiro, che è Dio la rocca del mio e del tuo cuore, che è Dio la sola forte rocca della mia e della tua vita, e della vita di ogni uomo e di ogni donna, anche di chi non lo conosce tramite il Figlio, perchè questo non gli è stato ancora annunciato.

Dio è la forte rocca, la sola torre da cui osservare l’universo che ci circonda, il solo mastio che ci protegge con efficacia dagli attacchi del maligno e del principe di questo mondo.

Dio è la mia, la nostra fonte di eredità, attraverso l’eredità del Figlio, perchè la grazia e la salvezza ci sono venute tramite Lui, la Sua Incarnazione, la Sua Passione, Morte e Resurrezione, e il dono dello Spirito Santo che ha pervaso le nostre anime e reso tempio del Signore i nostri corpi.

E si torna al corpo, si torna all’inizio di questo post. Perchè corpo siamo anzitutto in questo mondo. Carne e sangue siamo. E nella carne e sangue del Cristo, nel Corpo e Sangue del Signore è la nostra salvezza.

Al risveglio, perciò, e per l’intera giornata, prepariamoci a combattere, spiritualmente, per la gloria di Dio, solo per la Sua Gloria,  saldi, avendo ai lombi la cintura della verità, rivestiti con la corazza della giustizia,  e avendo i piedi calzati con la prontezza dell’evangelo della pace.

Tagliamo via il mondo e le sue menzogne
con la spada della Parola di Dio,
e preghiamo, preghiamo in ogni tempo ed in ogni modo
il nostro Unico Signore. 

Amen.

10 Del resto, fratelli miei, fortificatevi nel Signore e nella forza della sua potenza.

11 Rivestitevi dell’intera armatura di Dio per poter rimanere ritti e saldi contro le insidie del diavolo, 12 poiché il nostro combattimento non è contro sangue e carne, ma contro i principati, contro le potestà, contro i dominatori del mondo di tenebre di questa età, contro gli spiriti malvagi nei luoghi celesti.

13 Perciò prendete l’intera armatura di Dio, affinché possiate resistere nel giorno malvagio e restare ritti in piedi dopo aver compiuto ogni cosa.

14 State dunque saldi, avendo ai lombi la cintura della verità, rivestiti con la corazza della giustizia, 15 e avendo i piedi calzati con la prontezza dell’evangelo della pace, 16 soprattutto prendendo lo scudo della fede, con il quale potete spegnere tutti i dardi infuocati del maligno.

17 Prendete anche l’elmo della salvezza e la spada dello Spirito, che è la parola di Dio, 18 pregando in ogni tempo con ogni sorta di preghiera e di supplica nello Spirito, vegliando a questo scopo con ogni perseveranza e preghiera per tutti i santi, 19 e anche per me affinché, quando apro la mia bocca, mi sia dato di esprimermi con franchezza per far conoscere il mistero dell’evangelo, 20 per il quale sono ambasciatore in catene, affinché lo possa annunziare con franchezza, come è mio dovere fare.

(Efesini 6)

Buon giorno nel Signore! A ciascuno ed a ciascuna di voi!

La confessione di peccato, nella chiesa cristiana e in Daniele 4

La confessione di peccato nella chiesa cristiana

Il concetto di confessione di peccato è ben illustrato dall’apostolo Giovanni, nella sua prima lettera, scrivendo a dei cristiani, cioè a persone convertite a Cristo che hanno fatto l’esperienza del ravvedimento e della fede, afferma:

Se diciamo di essere senza peccato, inganniamo noi stessi, e la verità non è in noi. Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità”

(1 Giovanni 1:8-9)

La confessione di peccato nella chiesa cristiana, fin dall’antichità, è stata quindi da subito una componente essenziale del culto comunitario.

La confessione collettiva e pubblica, seguita dalla proclamazione del perdono di Dio, è stata conservata nelle chiese della Riforma come parte essenziale e preziosa della prima parte del culto comunitario (per saperne di più approfondisci  a questo link).

La confessione di peccato in Daniele 4

Il brano del profeta Daniele proposto per la lettura e la preghiera per il lunedì della seconda settimana del tempo di Passione o di Quaresima è a mio avviso un modello perfetto di confessione di peccato.

Un perfetto atto penitenziale, inserito in una vera e propria liturgia.

daniele 4:9-10 confessione di peccato

Il testo della Parola di Dio


4
 Così feci la mia preghiera e confessione all’Eterno, il mio DIO, dicendo:

«O Signore, Dio grande e tremendo, che conservi il tuo patto e la tua misericordia con quelli che ti amano e osservano i tuoi comandamenti, 5 abbiamo peccato e abbiamo agito perversamente, siamo stati malvagi e ci siamo ribellati, allontanandoci dai tuoi comandamenti e dai tuoi decreti.

6 Non abbiamo ascoltato i profeti, tuoi servi, che hanno parlato nel tuo nome ai nostri re, ai nostri capi, ai nostri padri e a tutto il popolo del paese.

7 O Signore, a te appartiene la giustizia, ma a noi la confusione della faccia, come avviene oggi stesso agli uomini di Giuda, agli abitanti di Gerusalemme e a tutto Israele, a quelli vicini e a quelli lontani, in tutti i paesi in cui li hai dispersi, a motivo delle infedeltà che hanno commesso contro di te.

8 O Signore, a noi la confusione della faccia, ai nostri re, ai nostri capi e ai nostri padri, perché abbiamo peccato contro di te.

9 Al Signore nostro DIO appartengono la misericordia e il perdono, perché ci siamo ribellati contro di lui, 10 e non abbiamo ascoltato la voce dell’Eterno, il nostro DIO, per camminare nelle sue leggi, che ci aveva posto davanti per mezzo dei suoi servi, i profeti.

(Daniele 4)

La giustizia e la sua qualità

La nostra giustizia: quale la sua qualità?

La Parola

20 Perciò io vi dico: Se la vostra giustizia non supera quella degli scribi e dei farisei, voi non entrerete affatto nel regno dei cieli.

21 Voi avete udito che fu detto agli antichi: “Non uccidere”; e: “Chiunque ucciderà, sarà sottoposto al giudizio”; 22 ma io vi dico: Chiunque si adira contro suo fratello senza motivo, sarà sottoposto al giudizio; e chi avrà detto al proprio fratello: “Raca”, sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli avrà detto: “Stolto”, sarà sottoposto al fuoco della Geenna.

23 Se tu dunque stai per presentare la tua offerta all’altare, e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualcosa contro di te, 24 lascia lì la tua offerta davanti all’altare e va’ prima a riconciliarti con tuo fratello; poi torna e presenta la tua offerta.

25 Fa’ presto un accordo amichevole con il tuo avversario, mentre sei sulla via con lui, che talora il tuo avversario non ti dia in mano del giudice e il giudice ti consegni alla guardia e tu sia messo in prigione. 26 In verità ti dico, che non uscirai di là finché tu non abbia pagato l’ultimo centesimo.

(Matteo 5)

matteo 5:20 giustizia

Le parole

Qual’è la qualità della nostra giustizia?

La qualità della nostra giustizia, dice il Signore Gesù in questa pericope tratta dal discorso della montagna, deve superare quella, spesso formale e legalistica, degli scribi e dei farisei.

Non basta, per fare un esempio, dirsi cristiani e rendere culto a Dio, una volta la settimana, nel tempio fatto di pietra.

Occorre essere cristiani, e rendere culto a Dio ogni momento, nel tempio di Dio che è la nostra vita. Nel nostro tempio vivo, fatto di carne.

Non sappiamo infatti che il tempio di Dio siamo noi?

Da qui l’insistenza della Scrittura, della Parola di Dio, ed anche della chiesa di Dio,sulle tematiche del corpo, della persona, della sessualità.

Non è “ossessione”, come dicono alcuni, ma la consapevolezza che questa rappresenta l’identità ultima e più profonda di ogni essere umano. E che se non si è “in pace” con se stessi su questo piano, difficilmente lo si sarà negli altri.

Essere “in pace” però, è l’equivoco ed il peccato assieme dei nostri tempi, non è assecondare tutto ciò che “ci sentiamo” o “ci piace”, ma scoprire il nostro autentico e vero modo di essere maschio o femmina, come l’Eterno ci ha voluti e ci ha creati.

Voi avete udito ma io vi dico…

Un altro esempio di qualità della nostra giustizia è quello legato alla nostra capacità di perdonare.

La peccaminosità dell’animo umano ci porterebbe inevitabilmente all'”occhio per occhio“.

Il Signore Gesù ci dice che in questo caso superare la qualità della giustizia degli scribi e dei farisei, della giustizia umana, ci deve rendere capaci non solo di perdonare, ma di farlo settanta volte sette.

Perchè non è peccato agli occhi di Dio soltanto l’uccidere, il togliere la vita, in qualsiasi modo questo avvenga (di spada, per incidente, per sentenza giudiziaria… o, attualizzando, per aborto, eutanasia, suicidio assistito) ma anche semplicemente il dire “stupido”, ovvero il togliere la vita, diremmo oggi, con la penna, o anche, di nuovo attualizzando, con la reputazione sul web o altrove.

Togliere la vita nel senso di distruggere la reputazione di un altro, rendere ai suoi occhi impossibile la convivenza serena con i propri fratelli o sorelle.

Esaminiamoci perciò fratelli o sorelle. Esaminiamo i nostri rapporti con gli altri, vediamo se abbiamo qualcosa da farci perdonare dagli altri (e certamente ognuno di noi ce l’ha!) e comportiamoci di conseguenza.

Non presentiamoci all’altare di Dio, all’altare di DIO, Dio, che è la mia gioia e il mio giubilo (Salmi 43:4) con la purezza formale delle nostre coscienze, ma umilamoci di fronte a Lui, riconciliandoci prima di tutto con il nostro fratello o con la nostra sorella.

E presentiamo a Lui, finalmente, l’offerta di tutti noi stessi.
Perchè il tempio di Dio siamo noi! Amen.

Se tu dunque stai per presentare la tua offerta all’altare, e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualcosa contro di te, lascia lì la tua offerta davanti all’altare e va’ prima a riconciliarti con tuo fratello; poi torna e presenta la tua offerta.

La lettura quotidiana della Bibbia

“La lettura quotidiana della Bibbia” è un articolo di Michael G. Brown scritto per “La fede riformata”.

Lettura quotidiana della Bibbia

Voglio incoraggiarvi a leggere la Bibbia ogni giorno dell’anno. Se sei un nuovo credente o un discepolo esperto, una delle migliori cose che puoi fare quest’anno è leggere la Parola di Dio ogni giorno. La Parola, i Sacramenti, e la preghiera sono le basi del discepolato cristiano, i mezzi che Dio ha provveduto per la nostra santificazione e il nostro progresso spirituale. Riceviamo questi nella chiesa locale nel giorno del Signore. Quando trascuriamo questi mezzi, inevitabilmente facciamo del male spirituale a noi stessi. La lettura quotidiana della Bibbia è un importante complemento a questi mezzi. Qui ci sono alcuni motivi:

I. La lettura quotidiana della Bibbia ci permette di comunicare con Dio

Sappiamo tutti che una buona relazione richiede una buona comunicazione. Quando la comunicazione è scarsa, la relazione si allontana, e può essere in pericolo. Lo stesso è vero nel nostro rapporto con Dio. Abbiamo bisogno di comunicare col nostro Padre nei cieli, e il nostro modo di farlo è attraverso la Parola, il Sacramento, e la preghiera: Egli ci parla nella Parola e nel Sacramento, e parliamo a Lui nella preghiera.

Il modo principale in cui Dio ci parla dalla sua Parola è attraverso la lettura pubblica e la predicazione della Bibbia nel servizio divino nel giorno del Signore (Rom 10.14-17; 16.25; Efe. 4.11-14; Col 4.16; 1 Tess. 5.27; 1 Tim. 4.13; 2 Tim. 4.1-5). Per gran parte della storia della Chiesa, questo era praticamente l’unico modo in cui un cristiano avrebbe ascoltato la Parola di Dio. Ma dalla Riforma protestante, la Bibbia è rapidamente diventata più accessibile. Oggi, ci sono una serie vertiginosa di opzioni disponibili per leggere e ascoltare ogni giorno la Scrittura ispirata da Dio. Dobbiamo approfittare di questo dono.

Mentre la lettura pubblica e la predicazione della Parola nella chiesa locale sarà sempre il modo principale di Dio di parlare con noi, non è l’unico modo. La lettura della Bibbia quotidianamente come individui e nelle famiglie è anche una parte importante della comunicazione di Dio con noi, e aiuta a nutrire la nostra relazione con lui.

II. La lettura quotidiana della Bibbia fornisce cibo per le nostre anime

Dopo la sua risurrezione, Gesù comandò a Pietro: “Pasci i miei agnelli…. Pasci le mie pecore” (Giovanni 21.15b, 17b). Al di là del nutrimento che il cibo fornisce al corpo e il piacere che porta all’anima, si trova un bisogno più profondo dell’uomo che viene ricevuto solo dal Pane di Vita, che è dato liberamente a noi ogni settimana nella Parola e nel Sacramento durante l’assemblea pubblica dei santi. Ogni Giorno del Signore, attraverso il ministero della Parola, Dio prepare una tavola per noi nel deserto e ci chiama ad una festa ricca di buon cibo e bevande per l’anima (Isa 55.1-3; Ger 3.15; 23.1-4; 31.10).

Però, durante la settimana, possiamo ricevere nutrimento spirituale con la lettura e la meditazione sulla Parola di Dio. Anche se non possiamo predicare a noi stessi in modo efficace o essere sostenuti alimentandoci da noi stessi mentre trascuriamo il pasto in famiglia di Domenica, tuttavia possiamo ancora trovare nutrimento per le nostre anime durante la settimana. In realtà, questa alimentazione durante la settimana nasce dalla festa del giorno del Signore e ne è una risposta.

O, per usare un’analogia diversa, pensiamo in questo modo: gli strumenti pubblici della grazia di domenica sono come un giardino curato da un giardiniere: c’è la potatura, il diserbo, la semina, il concimazione, ecc… La lettura quotidiana della Bibbia, tuttavia, è come il sistema di irrigazione che si accende ogni giorno per pochi minuti per aiutare a mantenere verde il giardino. Leggiamo la Bibbia e meditiamo su di esso giorno e notte perché vogliamo essere “come albero piantato lungo corsi d’acqua, che dà frutto a suo tempo” (Sal 1.3).

III. La lettura quotidiana della Bibbia aiuta a santificare la casa

Nel vecchio patto, Dio comandò al suo popolo l’educazione dei loro figli nella Parola del Dio: “Questi precetti che oggi ti do, ti stiano fissi nel cuore. Li ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando ti troverai in casa tua, quando camminerai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai. Te li legherai alla mano come un segno, ti saranno come un pendaglio tra gli occhi e li scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte.” (Dt 6.6-9).

Dio richiede la stessa cosa dal suo popolo nel nuovo patto: “E voi, padri, non esasperate i vostri figli, ma fateli crescere nella disciplina e negli insegnamenti del Signore.” (Ef 6.4). La lettura quotidiana della Bibbia è una parte importante di questa istruzione. Attraverso l’apertura della Bibbia ogni giorno, i bambini – così come mariti, le mogli, e chiunque altro in casa – hanno la possibilità di ascoltare i comandi e le promesse di Dio, e imparare le sue vie. Essi potranno conoscere la sua santità, così come la sua grazia. Impareranno la storia della redenzione, e come si compia in Cristo. Dobbiamo ricordare che nessun altro libro o sotto forma di media è ispirata da Dio e contiene il potere di salvare.

2Tim 3.16-17 dice “Tutta la Scrittura, ispirata da Dio, è anche utile per insegnare, convincere, correggere ed educare nella giustizia, perché l’uomo di Dio sia completo e ben preparato per ogni opera buona.” Considerate il beneficio spirituale che leggere la Bibbia ogni giorno avrà su di voi e la vostra famiglia.

IV. La lettura quotidiana della Bibbia ci aiuta a prepararci a ben morire

Secondo uno studio, l’americano medio spende 40 minuti al giorno controllando un feed di Facebook. Altri studi mostrano che gli americani spendono più di cinque ore al giorno a guardare la televisione. Sui nostri letti di morte, potremmo rimpiangere la quantità di ore che abbiamo sprecato a guardare la TV o sui social media. Potremmo trovarci a desiderare di recuperare quel tempo.

Una cosa di cui non vi pentirete, tuttavia, è la quantità di tempo che avrete trascorso a leggere la Bibbia. Sul nostro letto di morte, ci prepareremo a incontrare il Signore in cui abbiamo fiducia e al quale abbiamo pregato. In realtà, quella preparazione inizia ora, non dopo. Nella lettura quotidiana della Bibbia, stiamo investendo tempo per conoscere meglio il Signore, alla cui presenza dimoreremo per sempre.

Quindi, in conclusione, incoraggio tutti noi a leggere la Bibbia ogni giorno dell’anno. Provate a entrare in una routine in cui si spende qualche minuto nella devozione. Ci vogliono meno di 15 minuti al giorno per leggerla integralmente in un anno. Ma se non ce la fate a fare tutto il percorso, o avete saltato un giorno o due (o tre o quattro!), non disperate. Iniziate di nuovo e continuate, ricordando che siamo salvati per grazia in Cristo solo. Non lasciate che la paura del fallimento blocchi il vostro cammino “Dio infatti non ci ha dato uno spirito di timidezza, ma di forza, di carità e di prudenza” (2 Tm 1.7)

Devotional, Settimana 10/2017 – Occhi che hanno perso la luce

Come sempre il Devotional è redatto dal fratello pastore Elpidio Pezzella che ringrazio anche a nome dei lettori del blog. 


bibbia devotional elpidio pezzella

«Giunsero così a Gerico. E come egli usciva da Gerico con i suoi discepoli e con una grande folla, un certo figlio di Timeo, Bartimeo il cieco, sedeva lungo la strada mendicando».
Marco 10:46

Nel dirigersi a Gerusalemme per la Pasqua, Gesù passa da Gerico, ove, lungo la strada, incontra Bartimeo, il cui nome significa «figlio di Timeo». Timeo invece significa “onore” o “onorabile”.

Nel Vangelo di Marco il cieco Bartimeo occupa un ruolo importante, è l’ultimo ad essere guarito prima della passione di Gesù.

Non a caso un cieco, una persona i cui occhi hanno perso la luce. La condizione di cecità rappresenta chi ha bisogno della luce di Dio, la luce della fede, per conoscere veramente la realtà.

Bartimeo è un modello. Non è cieco dalla nascita, ma ha perso la vista.

Come l’uomo che ha perso la luce, ma non la speranza, sa cogliere la possibilità di incontro con Gesù e si affida a Lui per essere guarito. Infatti, quando sente che il Maestro passa sulla sua strada, lo chiama con forza. E quando Gesù gli chiede cosa vuole, risponde: «Che io veda di nuovo».

Chi riconosce la propria condizione e grida al Signore, riacquista la luce perduta, e con essa la pienezza della propria dignità: si rialza in piedi e riprende il cammino sotto la guida di Gesù.

Marco non ci dirà più nulla di Bartimeo, ma in lui ci presenta un discepolo: colui che, con la luce della fede, segue Gesù lungo la strada. Il vangelo di Giovanni ribadirà a più riprese che Gesù è la luce del mondo, e come il cieco guarito chi lo incontra può esclamare: “Ora ci vedo”.

Bartimeo secondo Agostino

Il vescovo di Ippona in un suo scritto (Il consenso degli evangelisti), riflette sulla figura di Bartimeo osservando che Marco riporta il nome della persona guarita, ma anche del padre, giungendo alla conclusione che «Bartimeo, figlio di Timeo, era un personaggio decaduto da prosperità molto grande, e la sua condizione di miseria doveva essere universalmente nota e di pubblico dominio in quanto non era soltanto cieco ma un mendicante che sedeva lungo la strada.

Per questo motivo Marco volle ricordare lui solo, perché l’avere egli ricuperato la vista conferì al miracolo tanta risonanza quanto era grande la fama della sventura capitata al cieco».

L’interpretazione di Agostino ci invita a riflettere sul fatto che ci sono ricchezze che possiamo perdere, come la luce della fede, perdendo così un orientamento sicuro e solido e divenendo mendicanti del senso dell’esistenza.

L’8 marzo
Nella Giornata internazionale della donna, rendiamo grazie a Dio per ogni donna, nonna, mamma o figlia; servente o credente; impegnata o meno nell’opera. Ognuna un fiore prezioso.

L’8 marzo del 1856 nasceva Giovanni Luzzi, pastore e teologo svizzero, noto per la sua traduzione della Bibbia.

Lettura della Bibbia

06 marzo Giosuè 3-5; Filippesi 3-4
07 marzo Giosuè 3-5; Filippesi 3-4
08 marzo Giosuè 6-8; Colossesi 1-2
09 marzo Giosuè 9-11; Colossesi 3-4
10 marzo Giosuè 12-14; 1 Tessalonicesi 1-2
11 marzo Giosuè 15-17; 1 Tessalonicesi 3-4
12 marzo Giosuè 18-20; 1 Tessalonicesi 5; 2 Tessalonicesi 1

Pensare e pregare sulle cose del mondo

Per pensare e pregare sulle cose del mondo.

Estratto dalla Guida alla Settimana di Evangelici.net

Pensare e pregare Evangelici.net Guida alla settimana

La drammatica vicenda di Fabiano Antoniani – che ora tutti conoscono come Dj Fabo – ha riportato l’attenzione sul tema dell’eutanasia, con reazioni contrapposte: da un lato l’aggettivo “civile” usato come arma contundente (solo chi la pensa in un certo modo, evidentemente, è degno di vivere in società), dall’altro una riflessione più articolata – ancorché incivile – su dove possa portare una simile deriva. Da un lato il diritto alla vita (un eufemismo per non parlare di “diritto alla morte”, che forse suona molto meno civile), dall’altro il dramma di una scelta a cui – chiosava una nota attrice – dovrebbe seguire un rispettoso silenzio.
Del resto è difficile si riesca discutere con serenità su vicende simili: ogni caso solleva polemiche che lo trasfigurano in una questione di principio, l’ennesima occasione di scontro, fatalmente sulla pelle degli altri. Per evitare che ogni singolo caso diventi uno scontro di idee forse basterebbe guardare le cose da una prospettiva diversa: basterebbe chiedersi, ricorda Luigi Ferraiuolo di TV2000, «dove finiranno i poveri, gli ultimi, gli scarti dell’umanità se una tale mentalità divenisse uso comune. Dovrei dire al disabile che incontro, io che ne incontro tanti e che penso siano come me, “la società che abbiamo costruito non è per te”».
Vale la pena di chiedersi che posizione prendere, specialmente in quanto cristiani. Dobbiamo «vincere – osserva Federico Pichietto – le due forme di riduzione cui abbiamo assistito più volte in questi giorni, ossia la superiorità e l’inferiorità. La superiorità di chi spiega all’altro come dovrebbe morire e l’inferiorità di chi ha perfino paura, in nome del rispetto, di esprimere qualche perplessità dinanzi alla scelta di farsi uccidere».
In due parole: dovremmo essere misericordiosi verso la vittima, ma inflessibili verso chi la strumentalizza. Perché il diritto alla morte è una sconfitta per la società: non una risposta, ma una resa.

A proposito: chi dice che “l’Italia dovrebbe fare come la Svizzera“, potrebbe ricredersi scoprendo che nella vicina Confederazione l’omicidio su richiesta della vittima e l’istigazione e aiuto al suicidio sono reati penali. (non ci crederete, e invece è vero).

Altra questione all’ordine del giorno, la sentenza che attribuisce a due gemelli, nati sei anni fa in Canada da maternità surrogata, una doppia paternità. Naturalmente il padre biologico è uno, ma la Corte d’appello di Trento (tre giudici donne, per la cronaca) ha valutato che sull’atto di nascita italiano andrà segnalato anche il nome dell’altro uomo: ma (e qui sta la novità) come “genitore a pieno titolo”, e non attraverso la pratica della stepchild adoption. Entusiasta naturalmente Monica Cirinnà («si è aperta la strada della felicità», twitta), contestata da Lucio Malan, secondo cui la legge che porta il nome della senatrice «incoraggia giudici che volutamente violano la legge ad andare avanti nella loro folle corsa contro la famiglia, contro il sentimento comune degli Italiani e contro la persona. Chi l’ha votata, ora non si lamenti oppure si penta».

Molto perplessa sulla vicenda anche la giornalista Lucetta Scaraffia: «In Italia l’utero in affitto è vietato – spiega al Corriere -, così come è vietata la filiazione tra due uomini (o tra due donne). E dunque? Cosa ha fatto la Corte d’Appello di Trento con la sua sentenza?». E se suona inevitabile che Angelo Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, critichi la decisione («Qualunque desiderio, pur legittimo, che ognuno può avere, non deve mai diventare necessariamente un diritto»), sono meno scontate le parole della sociologa Daniela Danna, esponente della comunità gay: la sentenza, spiega la docente, «significa che la relazione materna non è più riconosciuta dalla legge italiana. Invece i “nuovi” genitori saranno sempre i secondi e i terzi perché la gravidanza e la nascita sono già un rapporto intimo, stretto, imprescindibile nella riproduzione umana»; del resto «la genitorialità che deriva dalla cura e dalla responsabilità esercitate sono una cosa, i certificati di nascita che non riportano nemmeno l’anonimato della madre sono un’altra, inaccettabile».

Pagina esteri. “Che cosa regalare a un’amica che ha appena abortito?”. La domanda, di dubbio gusto, è tema di un recente articolo di Teen Vogue America. L’approccio della testata ha fatto indignare una sedicenne che, in un video di dieci minuti, ha criticato punto per punto il tono usato nel trattare un tema così delicato.

Non dimenticatevi di suggerire la newsletter ai vostri amiciiscriversi è gratuito e semplice, basta inviare una mail a notizie@evangelici.net con oggetto “Iscrizione Guida alla settimana”. Anche solo per provare: se poi non vi interessa, scriveteci una mail (con oggetto “cancellazione”) e non vi disturberemo più.

Lo spirito muto, il digrignar dei denti e un viaggio in Svizzera

La Parola

14 Ritornato poi dai discepoli, vide una grande folla intorno a loro e degli scribi, che disputavano con loro. 15 E subito tutta la folla, vedutolo, sbigottì e accorse a salutarlo.

16 Allora egli domandò agli scribi: «Di che cosa discutete con loro?». 17 Ed uno della folla, rispondendo, disse: «Maestro, ti avevo condotto mio figlio che ha uno spirito muto, 18 e dovunque lo afferra, lo strazia ed egli schiuma, digrigna i denti e si irrigidisce. Così ho detto ai tuoi discepoli di scacciarlo, ma non hanno potuto».

19 Ed egli, rispondendogli, disse: «O generazione incredula, fino a quando sarò con voi? Fino a quando vi sopporterò? portatelo da me». 20 Ed essi glielo portarono. Ma appena lo vide, lo spirito lo scosse con violenza, e il fanciullo, caduto a terra, si rotolava schiumando.

21 E Gesù domandò al padre di lui: «Da quanto tempo gli accade questo?». Ed egli disse: «Dalla sua fanciullezza. 22 E spesso lo ha gettato nel fuoco e nell’acqua per distruggerlo ma, se tu puoi qualcosa, abbi pietà di noi e aiutaci». 23 E Gesù gli disse: «Se tu puoi credere, ogni cosa è possibile a chi crede».

24 Subito il padre del fanciullo, gridando con lacrime, disse: «Io credo Signore, sovvieni alla mia incredulità».

25 Allora Gesù, vedendo accorrere la folla, sgridò lo spirito immondo dicendogli: «Spirito muto e sordo, io te lo comando, esci da lui e non entrare mai più in lui». 26 E il demone, gridando e straziandolo grandemente, se ne uscì. E il fanciullo divenne come morto, sicché molti dicevano: «È morto». 27 Ma Gesù, presolo per mano, lo sollevò, ed egli si alzò in piedi.

28 Or quando Gesù fu entrato in casa, i suoi discepoli lo interrogarono in privato: «Perché non abbiamo noi potuto scacciarlo?». 29 Ed egli disse loro: «Questa specie di spiriti non si può scacciare in altro modo, se non con la preghiera e il digiuno».

(Marco 9)

Marco 9:24 fede incredulità spirito muto

Le parole

Lo spirito è muto, ed il posseduto è afferrato, straziato, schiuma, digrigna i denti e si irrigidisce.

Gesù lo scaccia con la forza della Sua Parola. E rimprovera i discepoli per non aver abbastanza pregato e digiunato, perchè «Questa specie di spiriti non si può scacciare in altro modo, se non con la preghiera e il digiuno».

Il posseduto è questo mondo. Afferra l’uomo, lo strazia, lo spinge a rinunciare alla bellezza della sua autentica umanità e verità. Ne confonde i sessi ed i generi, lo inganna circa l’autentico valore della vita!

Oggi un figlio come quello della parabola lo avrebbero accompagnato in Svizzera a morire, perchè la sua vita era priva di senso per il mondo, era solo sofferenza, non valeva nulla, non era “degna di essere vissuta”.

Il mondo digrigna i denti, quasi un anticipo del giudizio che attende gran parte di esso (perchè molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti), delo stridore di denti e del pianto che attende chi non crede alla Via, Verità e Vita.

Il mondo si irrigidisce, reagisce rabbioso ai suoi continui fallimenti, al continuo fallire di parole vuote, programmi senza senso, progetti che si attorcigliano su se stessi; come è destinato a fare ogni parola, programma o progetto che vuole salvare l’uomo senza tener conto del progetto originario su di esso, del progetto del Suo Creatore.

Lo spirito è muto, perchè lo Spirito non viene ascoltato, e dove parla si cerca di farlo tacere. Come allora i potenti del mondo politico e spirituale cercavano di far tacere Gesù.

Ma Gesù ancora parla e ci dice: «Se tu puoi credere, ogni cosa è possibile a chi crede».

«Io credo Signore, sovvieni alla mia incredulità».

Amen.