Archivi tag: Bibbia

La pianta sradicata

Giudizio sul cuore umano

= Mr 7:14-23 (Pr 4:23; Ga 5:19-21; Sl 51:10)

10 Chiamata a sé la folla, disse loro: «Ascoltate e intendete: 11 non quello che entra nella bocca contamina l’uomo; ma è quello che esce dalla bocca, che contamina l’uomo!»

12 Allora i suoi discepoli si avvicinarono e gli dissero: «Sai che i farisei, quando hanno udito questo discorso, ne sono rimasti scandalizzati?» 13 Egli rispose loro: «Ogni pianta che il Padre mio celeste non ha piantata, sarà sradicata. 14 Lasciateli; sono ciechi, guide di ciechi; ora se un cieco guida un altro cieco, tutti e due cadranno in un fosso».

bible

Ogni pianta che il Padre mio celeste non ha piantata, sarà sradicata. Parole chiare, limpide. Che possono leggersi anche all’inverso. Qualunque pianta che non avrà le sue radici fisse nella Parola dell’Eterno, nell’acqua viva dei Suoi comandamenti, è destinata ad avvizzire ed a morire. 

Beato, dice il salmo 1, è chi pone nella Torah le sue radici; questi sarà come un albero piantato che ha accesso all’acqua ed ai nutrimenti che questa contiene. Non esiste nutrimento che tenga nelle sole parole umane, depauperate di ogni ricchezza dal peccato di ognuno. Per quanto queste si ammantare di splendore e di bellezza, saranno sempre la luce di un fuoco fatuo, che ti conduce nella palude dell’egoismo, nella brughiera uguale a se stessa in cui finisce per perderti, o direttamente nel cimitero dei buoni propositi…

Non è un discorso pessimista, ma realista in quelle che sono le capacità dell’uomo di farcela da solo. Nulle, se non sono sostenute da qualcosa di molto più grande di lui. Basta la storia umana a dimostrarla, piena di tragedie ripetute e sempre uguali a sè stesse.

Recita l’antichissimo inno del Veni Sancte Spiritus:

Sine tuo númine,
nihil est in hómine
nihil est innóxium.

Senza il tuo soccorso,
nulla è nell’uomo,
nulla senza colpa.

Accresci la nostra fede, Signore Gesù.
Il Santo, l’Eterno, Benedetto Egli sia, Benedetto il suo Nome.

 

Cammina! Fino alla meta.

Dio fece fare al popolo un giro per la via del deserto, verso il mar Rosso (Esodo 13,18)

Cosi rimase nel deserto per quaranta giorni, tentato da Satana. Stava tra le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano. In seguito Gesù si recò in Galilea, predicando il vangelo di Dio (Marco 1,13-14)

No, non restare fermo. È una grazia di Dio poter iniziare bene il cammino. È una grazia ancora più grande rimanere sulla buona strada e non perdere il ritmo. Ma la grazia delle grazie è di non piegarsi e, anche se spezzato e stremato , andare avanti fino alla meta. (Helder Camara)

Camminiamo. Non restiamo fermi. Prendiamo il giusto sentiero, l’antico sentiero che ci indica la Parola e camminiamo, muoviamoci, convertiamoci, ovvero cambiamo radicalmente la nostra strada. Teniamo alto lo sguardo verso l’Eterno, senza timore.

Ci potranno toccare dei tempi di deserto, saremo insidiati dalle bestie selvatiche, dalle mille parole ingannevoli della gente di questo mondo, devota al suo principe, al re dell’egoismo, dell’illusorio libero arbitrio, del denaro, del potere,  ma senza timore arriveremo nella Sua casa, la sola nostra meta. La sola meta che valga la pena di avere all’orizzonte.

sibilla.jpg

Il pane vero, la Parola

Nelle chiese cristiane oggi si legge il racconto evangelico, secondo Matteo, della moltiplicazione dei pani. Ma, ed è chiaro per chi legge con la fede il brano, quello che salva dalla fame non è il miracolo della moltiplicazione, ma è il miraoolo della condivisione. del mettere in comune, nel nome di Qualcuno di più grande, quel poco che si ha. E’ il distribuire che compie il prodigio, mentre si condivide che avviene lo straordinario.

Perciò cos’è la prima cosa che occorre condividere tra di noi? Il pane vero, il pesce buono, ossia la Parola dell’Eterno. Dice bene Isaia: Ascoltatemi attentamente! Ascoltatemi, e mangerete. Attentamente, e gusterete ciò che mangiate.

Non è per tutti questo discorso, non è per tanti. Il grosso si ferma alla superficie del racconto, al pane ed al pesce che gli riempiono la pancia in quel momento, poi si vedrà. mentre quello che occorre riempire, perchè il miracolo si avveri, è il cuore.

Accresci in noi la fede, Signore, Eterno, Benedetto Tu sia.

bibbia1

Isaia 55

«O voi tutti che siete assetati, venite alle acque; voi che non avete denaro venite, comprate e mangiate! Venite, comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte!

Perché spendete denaro per ciò che non è pane e il frutto delle vostre fatiche per ciò che non sazia? Ascoltatemi attentamente e mangerete ciò che è buono, gusterete cibi succulenti!

Porgete l’orecchio e venite a me; ascoltate e voi vivrete; io farò con voi un patto eterno, vi largirò le grazie stabili promesse a *Davide.

Le città impenitenti

Gesú rimprovera le città impenitenti
= Lu 10:10-16; 12:47, 48
20 Allora egli prese a rimproverare le città nelle quali era stata fatta la maggior parte delle sue opere potenti, perché non si erano ravvedute: 21«Guai a te, Corazin! Guai a te, Betsaida! perché se in *Tiro e *Sidone fossero state fatte le opere potenti compiute tra di voi, già da molto tempo si sarebbero pentite, con cilicio e cenere. 22 Perciò vi dichiaro che nel giorno del giudizio la sorte di Tiro e di Sidone sarà piú tollerabile della vostra. 23 E tu, o *Capernaum, sarai forse innalzata fino al cielo? No, tu scenderai fino all’Ades. Perché se in *Sodoma fossero state fatte le opere potenti compiute in te, essa sarebbe durata fino ad oggi. 24 Perciò, vi dichiaro, nel giorno del giudizio la sorte del paese di Sodoma sarà piú tollerabile della tua».
bibbia2
Le città impenitenti. Non sono un retaggio del passato. Sono le città di oggi, degli uomini di oggi. Non necessariamente luoghi geografici, ma luoghi dello spirito. Le città composte da uomini e donne divenuti incapaci di leggere cosa avviene nel mondo e nel tempo.
Uomini e donne che studiano magari di più, leggono di più, hanno migliaia di possibilità di essere informati, molto più che le persone anche del recente passato, ma che hanno il cuore chiuso, gli occhi chiusi, le orecchie chiuse dal proprio peccato.
Il proprio peccato… espressione che non va di moda. Oggi si preferisce parlare del peccato del mondo, del peccato sociale, per cercare disperatamente di cancellare le proprie responsabilità personali. Perchè è vero, esistono ‘strutture di peccato’ ma le abbiamo costruite noi, persone come noi, a volte noi stessi.
Pensiamoci alle strutture di peccato nel mondo, e guardiamo alle dinamiche che ci sono nel nostro piccolo, nelle nostre famiglie, nei nostri luoghi di lavoro. Ci renderemo conto che sono le stesse. Chi evade le tasse, chi evade dalle proprie responsabilità… Chi si compra a poco prezzo e sfrutta il lavoro altrui, chi si compra a poco prezzo l’utero di una donna meno fortunata.
Eppure le opere possibili a chi crede, le opere del Vangelo, le opere di misericordia sono davanti a noi, sono alla nostra portata, sono nell’esempio dell’opera del Padre, sono massimamente nell’opera del Figlio, in ciò che Lui ha compiuto. Ciechi che vedono, sordi che odono, storpi che ballano, muti che cantano…
Se solo credessimo, se solo avessimo fede, se solo non avessimo il terrore di accostarci a quella Croce. Ma solo se lo facciamo, quella ci porterà nella vita nuova. Altrimenti ne resteremo schiacciati, resteremo tra le ceneri di Tiro, di Sidone, di Sodoma.
Accresci la nostra fede, Signore Gesù.

Credere pur non vedendo…

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 20,24-29.

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. 
Gli dissero allora gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò». 
Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». 
Poi disse a Tommaso: «Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato; e non essere più incredulo ma credente!». 
Rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». 
Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, hai creduto: beati quelli che pur non avendo visto crederanno!». 

bibbia2

Così commentava questo brano dell’Evangelo, che la chiesa cattolica legge oggi ricordando l’apostolo Tommaso, Agostino, Vescovo di Ippona e dottore della Chiesa (Discorsi, 88) :

La fede dei discepoli del Cristo era talmente vacillante che, pur vedendolo già risorto, per credere alla sua risurrezione, ritennero necessario anche di toccarlo. Non sarebbe bastato vederlo con gli occhi se non avessero accostato anche le mani alle sue membra e non avessero toccato anche le cicatrici delle ferite recenti. Il discepolo che dubitava, dopo aver toccato e riconosciuto le cicatrici, subito esclamò: «Signore mio e Dio mio!». Le cicatrici rendevano manifesto Colui che aveva guarito tutte le ferite negli altri. Il Signore non poteva forse risorgere senza cicatrici? Sì, ma egli conosceva le ferite nel cuore dei discepoli, e al fine di guarirle egli aveva conservato le cicatrici nel suo corpo. 

E che rispose il Signore al discepolo che ormai dichiarava ed esclamava: «Mio Signore e mio Dio»? «Tu hai creduto – disse – perché hai visto: beati quelli che credono senza vedere». Di chi parlava, fratelli, se non di noi? Non di noi soli, ma anche dei nostri posteri. In effetti, poco tempo dopo, quando si allontanò dagli occhi mortali perché fosse rafforzata la fede nei cuori, tutti quelli che hanno creduto lo hanno fatto senza vedere e la loro fede ha avuto un gran merito; per avere questa fede accostarono non tanto la mano per toccarlo, ma solo un cuore pieno d’amore.

Signore Gesù, accresci la nostra fede, Amen.

I cinque Sola della Riforma

Un post lungo… Ma vale la pena leggerselo secondo me!

Mi è stato fatto (bonariamente per fortuna!) notare che nel post di commento al Vangelo che ho pubblicato ieri erano presenti tre dei cosiddetti cinque Sola (latino) della Riforma Protestante.

lutero a worms

Chi non si ricordasse bene cosa sono e quale origine abbiano può leggerlo per esteso qui.

Riassumendoli:

  1. Sola Scriptura (con la sola Bibbia);
    Sola Scriptura implica anche che la Bibbia è ritenuta contenere in sé i suoi stessi criteri interpretativi, secondo l’espressione latina: “Scriptura interpres sui ipsius”(la Scrittura è interprete di se stessa). L’analisi del singolo testo biblico, cioè, non può che tener conto del contesto proprio e del confronto con altri testi di riferimento. Questo è garanzia di interpretazione autentica.
    La Riforma protestante contrappone il Sola Scriptura alle posizioni del Cattolicesimo romano o l’ortodossia orientale, i quali, alle Scritture, aggiungono, ad esempio, l’autorità della tradizione, del Magistero ufficiale della chiesa, o quella degli antichi padri della chiesa e dei concili. Il Sola Scriptura si contrappone pure all’insegnamento di gruppi religiosi come, per esempio, quello dei Mormoni che, alla Bibbia aggiungono come autorità imprescindibile, il libro di Mormon, oppure aiTestimoni di Geova che affermano che la Bibbia debba interpretarsi secondo quanto stabilito autorevolmente dal loro gruppo dirigente, del quale affermano investitura divina. Benché il Protestantesimo comprenda diverse scuole di pensiero, abbia le proprie onorate tradizioni, come pure teologi ed interpreti di fiducia, nessuna di queste le considera assolute o indispensabili, ma sempre discutibili e da sottoporre al vaglio critico della Scrittura. Sola Scriptura tradotto dal latino vuol dire Sola Scrittura.
  2. Sola Fide (con la sola fede);
    Sola fide indica la dottrina che la giustificazione (interpretata nella teologia protestante come: “essere dichiarati giusti da Dio”), la si riceve per fede, sulla base della fiducia nelle promesse dell’Evangelo che Cristo l’ha guadagnata per noi, affidandoci a Cristo: “la tua fede ti ha salvato” (Luca 18:42).
    Questa dottrina afferma, così, la totale esclusione, nella giustificazione del peccatore, di qualsiasi altra “giustizia” o meriti (propri o altrui) se non quelli conseguiti da Cristo soltanto. Essa è iustitia aliena, la giustizia “di un altro” (Cristo) accreditata al credente. Non quindi, le nostre opere o cerimonie religiose sono funzionali alla salvezza, ma solo la fede in Cristo, la nostra adesione incondizionata a Lui e la rinuncia a qualsiasi nostra pretesa o merito.
  3. Sola gratia (con la sola grazia);
    Sola gratia indica la dottrina per la quale la salvezza dalle fatali conseguenze del peccato è possibile solo mediante un sovrano atto di grazia di Dio, non qualcosa che il peccatore possa meritarsi. La salvezza, quindi, è un dono immeritato. L’unico “attore” nell’opera della salvezza è Dio. Essa non è in alcun modo il risultato di cooperazione fra Dio e l’essere umano che ne è coinvolto. “Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la fede; e ciò non viene da voi; è il dono di Dio”(Efesini 2:8).
    Questa dottrina stabilisce nell’opera di salvezza il monergismo. E’ Dio solo che agisce nella salvezza del peccatore. La responsabilità della salvezza non risiede in alcun modo nel peccatore come viene, ad esempio, presentata nel sinergismo o nel Pelagianesimo.
  4. Solus Christus (soltanto Cristo);
    Solus Christus indica la dottrina che Gesù Cristo è la piena, completa e definitiva rivelazione di Dio. Egli è l’unico Mediatore possibile fra Dio e l’essere umano, e la salvezza dalle conseguenze del peccato è possibile solo attraverso di Lui. Questa frase talvolta è resa nel caso ablativo, “Solo Christo”, significando che la salvezza la si può conseguire solo attraverso Cristo.
    Questa dottrina respinge l’idea che vi possano essere altri personaggi (vivi o morti) oltre a Gesù Cristo, attraverso i quali si possa ottenere salvezza davanti a Dio: non esistono, cioè altre vie che portino a Dio, come Gesù stesso ha affermato: “Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me”(Giovanni 14:6) e come conferma il Nuovo Testamento: “In nessun altro è la salvezza; perché non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato agli uomini, per mezzo del quale noi dobbiamo essere salvati” (Atti 4:12). Questa dottrina, inoltre contesta diverse dottrine del Cattolicesimo, che propongono ai fedeli la mediazione di Maria o dei santi, come pure la mediazione dei sacramenti o quella dei sacerdoti: “Infatti c’è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo” (1 Timoteo 2:5).
  5. Soli Deo Gloria (per la gloria di Dio solo).
    Soli Deo gloria indica la dottrina per la quale si afferma che solo Dio è degno di ogni gloria ed onore. Nessuno può vantarsi d’alcunché o accampare meriti suoi propri, come se un qualsiasi bene provenisse da lui. “…poiché in lui sono state create tutte le cose che sono nei cieli e sulla terra, le visibili e le invisibili: troni, signorie, principati, potenze; tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vista di lui” (Colossesi 1:16); “Tu sei degno, o Signore e Dio nostro, di ricevere la gloria, l’onore e la potenza: perché tu hai creato tutte le cose, e per tua volontà furono create ed esistono” (Apocalisse 4:11).
    Il Soli Deo gloria si contrappone così all’esaltazione di una qualsiasi creatura o prodotto umano, quale che sia la sua elevata condizione, che deve essere così considerata idolatria. Non ci sono quindi “santi”, “madonne”, autorità religiose o civili, ideologie o realizzazioni umane che possano vantare alcunché di per sé stesse, perché tutto ciò che hanno e sono deriva da Dio, al quale solo va rivolto il culto, la lode, le preghiere. A nessuno è lecito di “essere elevato alla gloria degli altari”. Al riguardo del Cristo la Scrittura dice: “Perciò Dio lo ha sovranamente innalzato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni nome, affinché nel nome di Gesù si pieghi ogni ginocchio nei cieli, sulla terra, e sotto terra, e ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre” (Filippesi 2:9-11).

Queste espressioni possono essere raggruppate in questo modo: “Fondati sulla sola Scrittura, affermiamo che la giustificazione è per sola grazia, attraverso la sola fede, a causa di Cristo soltanto, e tutto alla sola gloria di Dio“.

Nel mio post di ieri si trovavano indirettamente citate la prima, la terza e la quarta affermazione. Ma posso tranquillamente sottoscrivere che mi trovo d’accordo con tutti e cinque questi punti.

Su alcuni, è vero, il mio punto di vista stride un po’ con la teologia cattolica. Ad esempio questa mette Scrittura e Tradizione come fonti della rivelazione e Magistero al servizio di entrambe.
Per me la Scrittura è l’unica fonte della Rivelazione, la Tradizione (i Padri della Chiesa, i testimoni…) serve la Scrittura, il Magistero (Concili Ecumenici, Vescovi, Papi) serve, o dovrebbe servire, entrambe.

Quando poi si parla di mediazione sacerdotale o sacramentale, beh, io credo che esistano persone (presbiteri, pastori, pope) che, scelte dagli uomini (chiesa, assemblea dei credenti) per gli uomini si dedicano in modo del tutto speciale all’annuncio dell’Evangelo di Dio. Non di un generico “amore di Dio”, espressione che ai nostri giorni ha un sapore melenso che personalmente mi infastidisce, ma dell’evangelico “amore di Dio” che comprende la prova, la Croce, la sofferenza, la gioia e tutto ciò che ha fatto parte dell’esperienza del Cristo vero Dio e vero Uomo.

Potrei scrivere per ore, ma, in sintesi, il mio pensiero è che questi 5 principi, nell’epoca storica di formulazione usati in contrapposizione alla visione della Chiesa Cristiana di confessione cattolica, sono più che mai validi per qualsiasi cristiano, di qualsiasi confessione.

bibbia2

Sottoscrivo tranquillamente tutto ciò che è stato professato a Cambridge, Stati Uniti da un gruppo di chiese e di cristiane, nel 1996.

Prima tesi: Sola Scriptura.

Riaffermiamo che la Scrittura è inerrante ed è la sola fonte della rivelazione scritta di Dio e l’unica a poter vincolare la coscienza. Solo la Bibbia insegna all’uomo ciò che è necessario affinché sia salvato dal peccato ed è l’unica regola atta a determinare la condotta cristiana.

Neghiamo che un qualche credo, concilio o individuo possa vincolare la coscienza di un cristiano, che lo Spirito Santo parli indipendentemente dalla Bibbia o in modo da contraddirne l’insegnamento e che l’esperienza spirituale individuale possa essere veicolo di una rivelazione divina.

Seconda tesi: Solus Christus.

Riaffermiamo che la salvezza dell’uomo è compiuta solo in virtù dell’opera di mediazione del Cristo storico. Solo la sua vita senza peccato e la sua espiazione sostitutiva sono sufficienti per la giustificazione del peccatore e la sua riconciliazione con il Padre.

Neghiamo che il Vangelo sia davvero predicato qualora non si proclami il sacrificio sostitutivo di Cristo e non si esortino i peccatori alla fede in lui e nella sua opera.

Terza tesi: Sola Gratia.

Riaffermiamo che nella salvezza siamo liberati dall’ira di Dio solo per la sua grazia. Solo l’opera soprannaturale dello Spirito Santo ci conduce a Cristo, liberandoci dalla schiavitù del peccato e facendoci risorgere dalla morte spirituale alla vita.

Neghiamo che in qualche senso la salvezza sia un’opera dell’uomo. I metodi umani, le tecniche o le strategie non possono compiere da soli tale trasformazione. La fede non è un frutto della natura umana non rigenerata.

Quarta tesi: Sola Fide.

Riaffermiamo che la giustificazione del peccatore è per sola grazia, mediante la sola fede e solo per Cristo. Nella nostra giustificazione la giustizia di Cristo ci è imputata come la sola che possa soddisfare la perfetta giustizia di Dio.

Neghiamo che la nostra giustificazione si appoggi su qualche merito che possa trovarsi in noi, oppure sulla base di un’infusione della giustizia di Cristo in noi e che un’istituzione che affermi di essere una chiesa che neghi o condanni Sola Fide possa essere riconosciuta come una vera chiesa.

Quinta tesi: Soli Deo Gloria.

Riaffermiamo che siccome la salvezza viene da Dio ed è stata compiuta da Dio essa lo glorifica, e che anche noi dobbiamo glorificarlo sempre. Dobbiamo vivere le nostre vite al cospetto di Dio, sotto la sua autorità ed esclusivamente per la sua gloria.

Neghiamo che sia possibile glorificare Dio se l’adorazione che gli offriamo è mischiata a qualche forma di intrattenimento, se trascuriamo la Legge o il Vangelo nella nostra predicazione e se la stima di se stessi, la realizzazione di se stessi o il benessere assumono la natura di alternative al Vangelo.

Siate perfetti come Lui

Matteo 5,43-48

43 Voi avete udito che fu detto: “Ama il tuo prossimo e odia il tuo nemico”. 44 Ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, 45 affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli; poiché egli fa levare il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti. 46 Se infatti amate quelli che vi amano, che premio ne avete? Non fanno lo stesso anche i pubblicani? 47 E se salutate soltanto i vostri fratelli, che fate di straordinario? Non fanno anche i pagani altrettanto? 48 Voi dunque siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro celeste.

bibbia1

Troppo alto questo brano, Luca, o don Luca… quante volte me lo sono sentito dire. Non è possibile per un uomo o una donna di questo mondo. E’ un traguardo troppo alto. E giù giustificazioni di ogni tipo. La sfortuna, la malattia, le cose da fare, quello a cui pensare…

Scuse, altro che giustificazioni. Più mi confronto con la Parola di Dio, con la Sacra Scrittura, e ormai lo faccio ogni giorno dal giorno della mia prima comunione, il 29 aprile 1973, da quando suor Anna Clara mi regalò un’ edizione con la copertina rosa del Nuovo Testamento più mi rendo conto che le nostre non sono che ricerche di scuse.

Se hai fede, se credi, il tempo per il confronto con la Parola di Dio lo trovi. Fosse pure con quel versetto del Vangelo o dei Salmi o dell’Antico Testamento che hai mandato a mente, o che hai sentito tante volte che ti si è impresso nella memoria.

Beati i poveri in spirito, perchè di essi è il regno dei cieli…. Venite a me voi tutti che siete affaticati ed oppressi…. Tu sei prezioso ai miei occhi… Sono forse io il custode di mio fratello?… Alzo gli occhi verso i monti, da dove mi verrà l’aiuto?…. Purificami o Signore, sarò più bianco della neve…. Amate i vostri nemici…

Non credo esista nessuno tra le persone che conosco che possa dire che non ricorda a memoria almeno uno, due, tre versetti della Bibbia. Che non possa, se non ha tempo, o più spesso voglia, di confrontarsi con le letture bibliche proposte per quel giorno della Chiesa (quale questa sia non ha importanza, un lezionario quotidiano o settimanale ce l’hanno tutte) di ruminare uno di questi versetti.

Se non lo si fa, le chiacchiere stanno a zero si dice a Roma, non lo si fa perchè manca la fede. Perchè la fede è poca, scarsa e, sicuramente mal nutrita (perchè se la fede in Dio non la nutri con la Sua Parola e la preghiera su di essa con cosa mai la si potrebbe nutrire?).

Siate perfetti! Altro che troppo alto. E’ il sunto della nostra fede, della fede in Cristo, che pone come obiettivo per ogni credente in Cristo o sedicente tale la sua imitazione. Alzate il vostro sguardo verso il Cristo, dice Paolo, imitatene la vita, imitatene l’esempio, tenete lo sguardo fisso verso di lui.

E qui sento già gli amici buonisti, quelli che ti dicono che allora la Chiesa di Cristo dovrebbe essere più clemente, più buona, accettare questo o quello che la società ci propone, in tema di amore, di famiglia, anzi, di famiglie, al singolare pare non andar più di moda il termine…

Al contrario dico io. Imitare l’amore di Cristo significa parlare si, con il pubblicano, la prostituta, il peccatore, il ricco, l’avaro, l’ingordo, il violento… e chi più ne ha più ne metta, ma come faceva lui. Ovvero cercando di comprendere, amando, ma amando veramente, ovvero senza tacere la verità sulla condizione di peccato in cui si trovava il singolo.

Perchè Cristo all’adultera non dice ti perdono, vai e fai quel che ti pare. Dice vai e non peccare più. Ed al giovane ricco non dice vai fai un po’ di elemosina e tutta andrà a posto. Dice vai, prendi i tuoi beni, dalli ai poveri ed avrai un tesoro nel cielo. Ed alla samaritana che si giustifica dice la verità sul suo stato e dice vai ed annuncia il mio Vangelo, annuncia agli altri la verità che ti ho rivelato.

Perchè la Verità è una, ed è la Persona stessa del Cristo. E’ sinfonica quanto all’annuncio, perchè si fa tutto a tutti per essere ascoltata e compresa, Ma è Una.

Essere Perfetti è possibile ed è imitare il Cristo nella propria vita. Croce compresa. Perchè i cristiani veri, quelli perfetti sono quelli che in un modo o nell’altro finiscono sulla croce. Bruciati, lapidati o appesi a testa in giù come i primi martiri cristiani, a Roma, e come i cristiani di oggi, in Siria o in Nigeria o in Egitto. Perchè la Croce fa parte del mistero cristiano da sempre e fino alla fine di questo mondo.

Quelli sono i perfetti. I martiri, i testimoni. Quelli che ricordano, fanno memoria, fanno eucaristia a Dio con la loro stessa vita, perchè “Non avrai un altro Dio all’infuori di me“. Senza aver magari fatto discorsi, o studiato teologia. Avendo soltanto interiorizzato quella Parola che dice “prendi la tua Croce ogni giorno e seguimi“, “non temere“, “non aver paura io ho vinto il mondo e tu lo vincerai con me“.

Dio fa sorgere il sole sui giusti e sugli ingiusti, e che rabbia fa questo a tanti di noi… Ma fa bene, perchè la Creazione è la Sua, perchè la vita anche dell’ultimo filo d’erba è la Sua, noi ne siamo semplici, perloppiù infedeli, amministratori. Il giudizio ultimo spetterà a Lui ed a Lui soltanto.

Noi dobbiamo solo essere perfetti, qui ed ora. E per farlo abbiamo bisogno della fede. E per nutrire la nostra fede abbiamo bisogno del confronto continuo, costante, quotidiano con la Parola di Dio. Che viene prima di qualsiasi parola o discorso umano, che viene prima della politica, della filosofia, della storia. Perchè nessuna di queste realtà può aver senso per un credente senza un confronto continuo e costante con Questa.

Sforziamoci di essere perfetti, anche se questo significa essere incompresi dal mondo. Il mondo non ci deve comprendere! Il nostro obiettivo è essere compresi da Dio, dal suo mistero, non dal mondo! Il nostro obiettivo è essere capaci di salire sulla Croce per essere redenti. Percorrere il sentiero antico della fedeltà alla fede, della fede nella Croce come unico strumento di salvezza.

Accresci la nostra fede, Signore Gesù. Amen.