Archivi tag: grazia

Più fedeltà al Vangelo, meno professioni di fede?

Più fedeltà al Vangelo, meno professioni di fede?

Più fedeltà al Vangelo, meno professioni di fede? - John Owen, Vangelo e fede
Più fedeltà al Vangelo, meno professioni di fede?

La Parola

Ma quando il Figlio dell’uomo verrà, troverà la fede sulla terra?
(Luca 18:8)

Il commento

“Se il Vangelo fosse predicato fedelmente,
meno persone professerebbero fede in Cristo.”

John Owen (1616-1683), autore della citazione che riporto, è considerato generalmente come il più grande fra i pensatori puritani inglesi.

La sua è una citazione che molti trovano preoccupante, alcuni addirittura non accettabile. Non accettabile perchè a loro dire, e hanno ragione, essa rappresenta chiaramente il pensiero della teologia calvinista sulla salvezza.

E la teologia calvinista della salvezza, ribadendo nel modo più franco e chiaro che sia possibile, che questa è solo e soltanto per grazia, opera di Dio e di Dio solo, ha il torto di escludere qualsiasi possibile collaborazione del’uomo, delle sue opere, dei cosiddetti ‘meriti’ alla salvezza.

E questo toglie ogni alibi possibile a chi rifiuta di rinnegare in toto il proprio peccato, o a chi considera accettabile un compromesso con le dottrine mondane o con le altri fedi.

Eppure Sola Gratia è uno dei principi cardine della Riforma, e spiace vedere che molti credenti cristiani che pure si definiscono da sè stessi evangelici o riformati non riescano a vedere come in realtà non ci sia nulla di più puramente evangelico di tale dottrina!

Leggendo la citazione di Owen mi è tornato in mente Gesù nel Vangelo di Luca, al capitolo 18, versetto 8, alla fine della pericope sulla vedova ed il giudice: Ma quando il Figlio dell’uomo verrà, troverà la fede sulla terra?

Gratia facit fidem, diceva Tommaso d’Aquino (non vi sembri strano lo citi un riformato, sia pure proveniente dal cattolicesimo; esiste anche un fecondo scolasticismo protestante): la grazia crea la fede, e non soltanto quando la fede inizia, ma la grazia crea la fede istante per istante, momento per momento. Senza la grazia di Dio, senza il suo dono inesauribile di grazia, nemmeno la fede può esistere.

Dal Sola Gratia così passiamo al Sola Fide. Fede che noi dobbiamo al Solus Christus, giacchè il godere della salvezza operata in Cristo e in Cristo solo è per noi l’unica speranza di essere salvati. Come dice l’Apostolo, Cristo è per noi l’Avvocato presso il Padre. Il Padre che è il Giusto Giudice cui allude il racconto evangelico di Luca 18, 1-8.

Il Giusto Giudice presente dalla prima all’ultima pagina della Sacra Scrittura. Sola Scriptura, dove solo è contenuta la Verità, tutta la Verità sull’uomo, dalla Creazione alla fine dei tempi, la sola fonte della Rivelazione, Verbo fatto vero uomo nel Figlio vero Dio.

Quel Figlio vero Dio e vero uomo che più e più volte lo ha detto: molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti, avrete tribolazioni nel mondo, se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi…

E allora perchè, perchè mi chiedo così tanti credenti continuano a vedere il mondo come se questo potesse autogovernarsi, autoregolarsi, diventare ‘buono’, ‘giusto’… quando tutto quello che l’uomo può fare non è altro che obbedire ai comandi del Padre, con la grazia ottenuta attraverso il Figlio e con i doni dello Spirito, operare perchè tutto ciò che egli fa e compie, singolarmente e nella Chiesa, o tramite i governanti di questo mondo, sia fatto Soli Deo Gloria?

Perchè, mi rispondo, lo stesso Cristo ha risposto nella Scrittura, che molti sarebbero venuti nel Suo nome, mentendo, molti avrebbero annunciati falsi evangeli, molti falsi profeti si sarebbero travestiti da angeli di luce, per annunciare dottrine che non sono altro che precetti di uomini, per mascherare di ‘bontà’ cose e realtà che non fanno altro che realizzare i desideri del principe di questo mondo.

Un tempo di nuova apostasia avrebbe preceduto il giudizio.

Forse, chissà, questo tempo è giunto, o quello che accade, il tentativo di sovvertire l’ordine naturale della Creazione, il moltiplicarsi di falsi evangeli e false dottrine di salvezza, l’apostasia di tante chiese e credenti per un pugno di lenticchie (tale e nient’altro è l’elogio che il mondo fa a chi si piega alle sue logiche) è un’avvisaglia di quel tempo. Solo Dio può saperlo. Solo Dio sa chi è tra i suoi eletti.

Io una cosa sola so: Dio Padre mi ha creato, Dio Figlio mi ha redento, Dio Spirito mi ha donato la poca fede che possiedo.

E che mi tengo stretta, come mi tengo stretta la Parola di salvezza, per amore di chi mi è più vicino, a partire da mia figlia e da mia moglie, e per amore di tutti coloro di cui l’Eterno vorrà farmi prossimo.

Sia fatta la Tua volontà, o Eterno. Amen.