Archivi tag: Sacra Scrittura

Io non prendo gloria dagli uomini (Giovanni 5:31-44)

Io non prendo gloria dagli uomini

 

31 «Se io rendo testimonianza di me stesso, la mia testimonianza non è vera. 32 Vi è un altro che rende testimonianza di me; e so che la testimonianza che egli rende di me è vera. 33 Voi avete mandato a interrogare Giovanni, ed egli ha reso testimonianza alla verità. 34 Io però la testimonianza non la ricevo dall’uomo, ma dico questo affinché voi siate salvati.

35 Egli era la lampada ardente e splendente e voi avete voluto per breve tempo godere alla sua luce. 36 Ma io ho una testimonianza maggiore di quella di Giovanni; perché le opere che il Padre mi ha date da compiere, quelle stesse opere che faccio, testimoniano di me che il Padre mi ha mandato. 37 Il Padre che mi ha mandato, egli stesso ha reso testimonianza di me. La sua voce, voi non l’avete mai udita; il suo volto, non l’avete mai visto; 38 e la sua parola non dimora in voi, perché non credete in colui che egli ha mandato.

39 Voi investigate le Scritture, perché pensate d’aver per mezzo di esse vita eterna, ed esse sono quelle che rendono testimonianza di me; 40 eppure non volete venire a me per aver la vita!

Se credeste a Mosè credereste anche a me

 

41 Io non prendo gloria dagli uomini; 42 ma so che non avete l’amore di Dio in voi. 43 Io sono venuto nel nome del Padre mio, e voi non mi ricevete; se un altro verrà nel suo proprio nome, quello lo riceverete.

44 Come potete credere, voi che prendete gloria gli uni dagli altri e non cercate la gloria che viene da Dio solo?

45 Non crediate che io sia colui che vi accuserà davanti al Padre; c’è chi vi accusa, ed è Mosè, nel quale avete riposto la vostra speranza. 46 Infatti, se credeste a Mosè, credereste anche a me; poiché egli ha scritto di me.

47 Ma se non credete ai suoi scritti, come crederete alle mie parole?»

Io non prendo gloria dagli uomini! - Giovanni 5:31-44
Io non prendo gloria dagli uomini! – Giovanni 5:31-44

Soli Deo gloria

 

Egli non prende gloria dagli uomini. Nessun uomo, nemmeno il Battista, nemmeno, per bocca stessa di Gesù, il più grande dei nati di donna, può aggiungere il più piccolo quid alla Sua opera.

Soli Deo gloria. Amen.

Un cristiano senza la Scrittura? Pura follia!

Ignoranza (Girolamo)

Adempio al mio dovere, ubbidendo al comando di Cristo: “Scrutate le Scritture” (Gv 5, 39), e: “Cercate e troverete” (Mt 7, 7), per non sentirmi dire come ai Giudei: “Voi vi ingannate, non conoscendo né le Scritture, né la potenza di Dio” (Mt 22, 29).

Se, infatti, al dire dell’apostolo Paolo, Cristo é potenza di Dio e sapienza di Dio, colui che non conosce le Scritture, non conosce la potenza di Dio, né la sua sapienza. Ignorare le Scritture significa ignorare Cristo.

(Girolamo, Prologo al Commento del Profeta Isaia)

Pura follia (Calvino)

Chi lasciando la Scrittura immagina non so quale via per giungere a Dio
è non solo in preda all’errore, ma sopratutto mosso da pura follia.

(Giovanni Calvino)

Un cristiano senza Scrittura? Pura follia!

Giorno del Signore, Giorno della Sua Parola

Giorno del Signore… Oggi è domenica,
Giorno del Signore, Giorno della Sua Parola .

Per me è sempre stato un giorno speciale, il giorno più importante della settimana. Non solo perchè è il giorno di “riposo” settimanale. Che, anzi, per un motivo o per l’altro, spesso per me la domenica è stato  e a volta è il giorno della settimana in cui “lavoro” di più, o ho più cose da fare.

È il Giorno più importante della settimana, perchè è il giorno della Persona che per me è la più importante di tutte.
Davvero, non per consuetudine, abitudine, sentito dire, o vita vissuta.

Perchè il Signore non fa parte della vita. Il Signore è la Vita.
Perchè il Signore non è parte delle verità che occorre conoscere per vivere come uomo o come donna, ma è La Verità.
Perchè il Signore non è uno dei tanti sapienti, o saggi o profeti che hanno disegnato una via, un sentiero, indicata una strada per il buon vivere. Il Signore è la Via.

Mi costerebbe tantissimo, soffrirei moltissimo se per Sua volontà dovessi fare a meno delle persone che più amo, delle persone che ho più vicine, delle persone che consolano o danno forza al mio cuore, che mi aiutano e mi sorreggono nel cammino quotidiano dell’esistenza e della vita.
Ma so che potrei.
So che Egli mi aiuterebbe a sopportare il dolore, il distacco, la morte corporale,

Ma non potrei mai stare senza il Signore, senza la Persona che amo, temo ed onoro più di chiunque altro.
Perchè Egli non è solo Via, Verità e Vita:
Egli è la mia sola Via, la mia sola Verità, la mia sola Vita.

Ho letto montagne di libri nella mia vita; nato da un padre che aveva una biblioteca di tre o quattromila volumi, una madre che leggeva Gogol e Tolstoi, ma anche P.G. Wodehouse eJ.K. Jerome quando riusciva a ritagliarsi un momento libero dalle fatiche quotidiane della sua casalinghitudine, forse non poteva andare altrimenti.
Metteteci poi il classico, gli studi professionali, nove anni, dieci contando il dottorato, di studi universitari, la formazione permanente che richiede il mio lavoro nel campo della Comunicazione e dei Social, e i libri si moltiplicano…

Ma c’è un solo libro da cui non mi separo mai, di cui ho sempre una copia in tasca o nello zaino, in valigia o nel marsupio, ed è quello che, se leggete questo blog, conoscete tutti.

La Parola di Dio, la Sacra Scrittura, la Sacra Bibbia, il Verbo, Antico e Nuovo, tutto assieme un Evangelo, la buona novella della rivelazione assieme del peccato, della colpa, ma anche della salvezza, della misericordia, dell’amore.

Credo di avere già raccontato su questo blog di quando mi innamorai dell’Evangelo, del Vangelo rosa, Edizione Messagero di Padova, che nel 1973 mi regalò la mia catechista. È da allora che la Parola di Dio riempie il mio cuore, assai prima e oltre che le mie tasche.

Arrivò poi la Bibbia tradotta a cura del Nardoni che mi regalò la zia Sara, e che è ancora a casa mia, la Bibbia di Gerusalemme che usai per la preparazione alla Confermazione, il Nestle Aland, la Septuaginta, la Biblia Hebraica Stuttgartensia, la TOB che usavo per insegnare Lectio Divina  e preparare le omelie negli anni del ministero sacerdotale, in Seminario, in Parrocchia, a Montemonaco, la Diodati prima e la MacArthur poi su cui ho preparato una infinità di sermoni, la Nuova Riveduta che è stata regalata ad Antonella ed a me il giorno del nostro matrimonio nella Chiesa Metodista… e via così.

Amo la Sacra Scrittura e l’ultima edizione che mi è entrata in casa è un altra Bibbia da studio, “Spirito e Vita” (Life Publishers e ADIMedia).

Amo la Sacra Scrittura perchè amo il Cristo. Molto prima e molto oltre che la cultura, la teologia e qualsiasi altra cosa vi possa venire in mente.

Giorno del Signore… Oggi è domenica,
Giorno del Signore, Giorno della Sua Parola .

Mia Via, Mia Verità, Mia Vita. 

 Giovanni 14:6 Via Verità e Vita Parola